background

Aspettando le piogge

I nuovi modelli dati dai cambiamenti climatici sono strani e tormentano i contadini locali. Ma come potrebbero trovare delle soluzioni a questi problemi?

Far fronte alle realtà del cambiamento climatico

Sanni è un piccolo agricoltore della città di Lafenwa, una periferia di Lagos. Coltiva igname, granturco e verdure. La maggior parte del raccolto viene consumata nella sfera domestica, un’altra parte viene venduta, mentre la restante viene distribuita tra vicini di casa e amici. Prima dell’apparente problema dei gemelli anormali della pandemia e cambiamento climatico del 2020, gli agricoltori come Sanni godevano di una stagione di semina a vela più regolare. Prima dell’improvviso cambiamento climatico erano in grado di predire il tempo, potevano prevedere i mesi in cui avrebbe piovuto, le stagioni di Harmattan e quando aspettarsi la stagione secca. Gli agricoltori erano soliti utilizzare queste previsioni per pianificare la loro routine di semina.

Sanni annota in modo meticoloso l’inizio di ogni stagione di semina, registrando le date della coltivazione e del raccolto. Da questo registro si regola per ogni stagione di semina. “Tengo tutte le date in questo libro” dice.

Ma per i contadini locali della Nigeria, negli ultimi tre anni, il brusco cambiamento climatico è allarmante e spaventoso. Sanni, parlando della questione: “Quest’anno è migliorato, lo scorso era peggio. Non ha piovuto quando ce l’aspettavamo, e quando è arrivata la pioggia era scarsa”

La stagione delle piogge in Nigeria inizia a marzo e continua permanentemente fino a luglio. C’è sempre un picco a giugno in cui le piogge continuano anche ininterrottamente per giorni. Ma lo scorso anno è stato diverso. La realtà del cambiamento climatico, nonostante stesse guadagnando importanza, divenne più chiara l’anno passato. Gli agricoltori iniziarono a sgomberare le loro fattorie a febbraio, in attesa del primo segno di pioggia. Infatti, marzo è il mese in cui arriva sempre la prima pioggerella. Eppure, marzo arrivò e se ne andò senza alcun segno che le piogge sarebbero arrivate presto.

“Non c’è stata alcuna pioggia”. Alcuni agricoltori avevano già piantato, nella speranza che avrebbe piovuto. Ma non arrivò alcuna pioggia. “Piantavano e ripiantavano. Nessun risultato dalla prima, così ripiantarono.” In tutto questo stavano perdendo denaro, manodopera e pazienza. La pandemia non aiutò. Molti di questi contadini locali non avevano le capacità per praticare l’irrigazione, ma dipendevano solamente dalla pioggia. “Tutto l’igname che avevamo piantato non era cresciuto, ma si era bruciato. La maggior parte degli agricoltori finì per indebitarsi a causa dei prestiti dalle loro società corporative.”

Trovando soluzioni: governo e cooperative alla ribalta


Quest’anno sembrava migliorare, nonostante ci fosse la paura che sarebbe stato peggio, quando la stagione dell’Harmattan è arrivata nel mezzo del mese di gennaio (normalmente si presenta tra la fine di ottobre e dicembre e, a volte, nella prima settimana dell’anno). I contadini erano spaventati, ma non appena è arrivata la pioggia a marzo le loro paure sono scemate. Eppure, dopo il primo periodo di piogge e il primo raccolto di mais, i contadini aspettano ancora le piogge perché si sono fermate nuovamente. Giugno, che dovrebbe essere il picco della stagione delle piogge, è arido come la stagione di settembre.

Le soluzioni al problema del cambiamento climatico dovrebbero essere un’astinenza totale dalle attività che continuano a danneggiare l’ambiente. Ma per gli agricoltori il rimedio più rapido è una minore dipendenza dalla pioggia, che abbraccia l'agricoltura meccanizzata. Questa è una soluzione costosa soprattutto per gli agricoltori delle zone rurali. “L’agricoltura meccanizzata migliorerebbe la produzione”, dice Sanni su come gli agricoltori locali come lui possono far fronte alle incertezze del tempo. “Molti dei miei amici, dopo il terrore dello scorso anno, stanno scavando pozzi nelle loro fattorie così da non avere più bisogno delle piogge. Ma questi progetti sono molto costosi.”

I prestiti del governo e dalle società delle cooperative aiutano molti agricoltori locali. “Il governo sta dando sovvenzioni agli agricoltori, specialmente ai giovani per incoraggiarne le attività agricole. E per di più ci sono cooperative che stanziano ingenti prestiti.” I contadini prendono questi prestiti agevolati in buona fede. A parità di condizioni possono aspettarsi uguali ritorni sugli investimenti. L'attesa della pioggia è finita con gli spruzzi dei tubi e la garanzia dell’irrigazione. Possono andare a dormire senza preoccupazioni. Possono essere sicuri del raccolto e dei profitti. Ma molti di loro che non riescono a permettersi la spesa dell'irrigazione, sono costantemente in attesa, guardando il cielo, leggendo le previsioni del tempo nei quotidiani, e chiedendosi quando (o se) pioverà presto.

A cura di Livingstone Ngoziukwu

427214

427235

427264

427301


Condividi il post

  • L'Autore

    Redazione

Categorie

Dal Mondo Mondo Internazionale Nigeria


Tag

local Farmers rain

Potrebbero interessarti

Image

Aspettando le piogge

Redazione
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui