Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Cookie Policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Cookie Policy completa
background

Tutto è interconnesso.

L'irruenza con cui l'Africa irrompe nelle vite degli europei riporta spesso alla realtà dei fatti e con i piedi per terra. La migrazione dimostra ancora una volta tutto il suo peso demografico e politico, contribuendo a modificare le preferenze degli attori del sistema internazionale e gli assetti futuri globali. In particolare, ad oggi, vi è uno Stato che principalmente conserva la stabilità del continente occidentale: 

1901

Il Niger, con una superficie di 1.267.000 km^2 (301.000 per l’Italia) e una popolazione di 21.954.867 milioni di abitanti, si inquadra come secondo paese al mondo per natalità (7.6 figli per donna) e sesto per crescita demografica. Osservandolo come potenziale serbatoio di nuove migrazioni o semplicemente instabilità, è essenziale definirne i dati demografici e geografici per poterne delineare con più praticità gli sviluppi futuri.

L’interesse europeo nel suo insieme, caratterizzato soprattutto dalla Francia (che già opera in questa regione), Germania e Italia, si attesta durante il summit sulle migrazioni tenutosi a Valletta nel 2015. Il Niger infatti è uno Stato fondamentale per quanto riguarda le due rotte migratorie principali provenienti dall’Africa Occidentale (Ghana, Senegal, Camerun, Mali, Gambia e Nigeria), facendo di esso un transito obbligatorio per il raggiungimento della più lontana costa libica e algerina. Secondo un rapporto AGI del novembre 2016, dei 160 mila migranti provenienti dalla Libia in quell’anno, l’80% provenivano dal Niger. La regione di Agadez si configura come il punto nodale in cui i flussi si dividono per raggiungere i due stati costieri. 

1904

L’intervento decisosi all’interno del summit prevedeva l’istituzione dello European Trust Fund for Africa, attuato e sostenuto oggi per il 75% dai fondi per lo sviluppo europei (EDF), per il 20% dal budget dell’Unione Europea e il restante 7% da parte degli stati membri. Il fondo è gestito da 3 comitati che rispettivamente operano per le zone del Corno d’Africa, del Sahel e del lago Chad (area di forte instabilità data dalla presenza di Boko Haram e da una perdurante desertificazione) e del Nord Africa.

L’obiettivo di questo Fondo rispecchia l’interesse dell’Europa all’interno del quadro nigerino. Gli obiettivi infatti sono relativi alla gestione della migrazione, alla sicurezza e alla cooperazione allo sviluppo. Il progetto si ripropone di affrontare le cause delle migrazioni, anche irregolari, e degli spostamenti forzati. Il principale metodo con il quale queste finalità vengono perseguite si basa concretamente sul blocco o contrasto dei flussi, senza però porre in essere una distinzione tra le migrazioni e gli spostamenti forzati, che originano da cause ben diverse: le prime infatti si originano dalla semplice facoltà e abilità dell’uomo di potersi spostare, mentre i secondi sono causati da situazioni in cui le persone sono costrette a fuggire per sopravvivere da conflitti, disastri e catastrofi. Oltretutto, il secondo pilastro della cooperazione messa in atto tramite il Fondo stabilisce la volontà di creare nuove rotte per la migrazione, facilitandola e rendendola ordinata e regolare.  Partendo dal budget generale per tutto il progetto (3 miliardi), 1.9 milioni (52% impiegati per la fascia del Sahel e del Lago Chad) sono già stati allocati e solo il 3% è stato utilizzato per questo fine.        

1905

L’interesse europeo sembrerebbe concentrarsi quindi sull’opportunità geopolitica di chiudere e impedire alle migrazioni di raggiungere le coste del nord Africa, agendo attraverso la collaborazione delle forze dell’ordine locali, che attuerebbero delle attività di controllo e arresto all’interno del territorio africano. La legge 36/2015 promulgata dall’Assemblea Generale dello Stato saheliano si muove verso queste richieste provenienti dall’Ue, che gli abitanti ritengono dubbiamente legittime. La legge infatti condanna una attività che poco prima non veniva considerata illegale e che assicurava un reddito ad un altissimo numero di famiglie che altrimenti sarebbero vissute sotto la soglia di povertà. Essa prevede di combattere e prevenire il traffico dei migranti, di proteggere i loro diritti e di promuovere la cooperazione internazionale e nazionale. Per fare ciò, viene criminalizzata qualsiasi attività che porti vantaggi finanziari e/o materiali attraverso l’ingresso illegale di un individuo non cittadino né residente, tramite la detenzione e sanzioni in denaro.

La preoccupazione popolare e il sentore che le misure di cooperazione e sviluppo attuate dall’UE all’interno dello Stato non siano sufficienti rischiano di inficiare la strategia applicata. La grave disoccupazione dovuta alla chiusura degli impianti di estrazione dell’Uranio a ovest di Agadez e la volontà del governo di chiudere le miniere d’oro a nord, unite alle situazioni di arretratezza economica generale non di certo aiutata dalle condizioni ambientali, rischiano di rendere la regione africana ancora più instabile. I cittadini continuano comunque ad accompagnare i migranti verso la Libia corrompendo i funzionari dell’esercito preposto a pattugliare le oasi e le rotte più battute, spingendo però i flussi verso zone più inospitali e battute da predoni. 

1902

L'impegno internazionale verso questi obiettivi si concretizza anche attraverso le azioni dei singoli stati europei. In particolare, diventa utile accennare all’allargamento dell’operazione Sérval, per il Nord del Mali, che nel 2014 viene regionalizzata con l’operazione Barkhane che oggi conta 4mila soldati. In Niger la Francia gestisce 4 basi per un totale di 1000 unità. La Germania ha deciso anch’essa di schierare 1000 unità nella regione dell’Africa Occidentale e nel Sahel, trasformandolo nel teatro straniero più importante, progettando di costruire una nuova base in Niger ai pressi del confine con il Mali, inviando altri 850 soldati. L’Italia, memore dell’impegno internazionale sancito anche dalle proposte del Migration Compact del 2016, ha scelto di schierare 470 soldati a nord del Niger nella base francese di Madama, con l’obiettivo di controllare i flussi migratori e stabilizzare la Libia. La decisione italiana di stanziarsi in questa località, invece che nella più strategica Libia, sembra abbia per primo un valore di sicurezza, in quanto il nord nigerino è indubbiamente meno pericoloso del Fezzan libico. La seconda ragione sembra essere di carattere politico, in quanto la recente scoperta di giacimenti auriferi nella regione la rendono di sensibile interesse francese.

L’Europa dovrà in definitiva capire se ad agire saranno i singoli stati ed i loro relativi interessi oppure se un concerto ed uno sforzo comune verso determinati obiettivi sarà la strada più conveniente da percorrere. Senza queste considerazioni, il rischio che gli sforzi di collaborazione e cooperazione esplicitati a Valletta si trovino schiacciati dall’ imponente peso demografico dei flussi migratori e dall’aggravarsi delle situazioni degli stati di transito di queste ultime, è concreto. La minaccia terroristica e jihadista è poi all’ordine del giorno, fomentata anche dal risentimento originato da una non ottimale gestione delle crisi in atto. La comprensione della strutturalità del fenomeno migratorio è prioritaria per poter reagire non verso un suo contrasto bensì verso una gestione controllata e regolamentata. "Tutto è interconnesso" sostiene l'ambasciatore Trupiano, di stanza in Libia dal 2004 fino al 2010 e successivamente ad Atene. "L'emigrazione fa scaturire diverbi negli Stati ma anche tra gli Stati; la Francia impedisce che i migranti entrino nel territorio e lo stesso fa l'Austria al Brennero. E' l'unione Europea che deve farsi carico di queste sfide odierne" 


  • Image

    Stefano Sartorio

    Laureato in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee e studente di Relazioni internazionali, mi piace indagare sulle cause delle problematiche e capire i fondamenti che caratterizzano le più odierne sfide globali. Attualmente sono Junior Researcher per l'università statunitense di Harvard ma partecipo ad altre iniziative e forum internazionali in associazioni Italiane e non. Ho studiato all'interno dell'Istituto di Studi di Politica Internazionale a Milano le implicazione dell'intervento umanitario e dell'aiuto allo sviluppo. Sono molto sensibile alle tematiche ambientali e sociali e spero un giorno di poter contribuire attivamente allo sviluppo sostenibile della nostra civiltà.

Data di pubblicazione 6 febbraio 2018

Categorie Mondo Africa
Tag niger Africa Europa ue Geopolitica

Potrebbero interessarti

Una risorsa rinnovabile ma non inesauribile (4)
7 maggio 2018
Una risorsa rinnovabile ma non inesauribile (4)
Leggi
La via verso una maggiore integrazione
15 novembre 2017
La via verso una maggiore integrazione
Leggi
How Fracking Changed the U.S Energy Sector and How It Could Change Europe's (Part 1 of 4)
24 luglio 2018
How Fracking Changed the U.S Energy Sector and How It Could Change Europe's (Part 1 of 4)
Leggi

Iscriviti alla nostra newsletter

inviando il modulo accetto i termini e condizioni
Ciao !

Logout
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui
Diventa Associato