background

Tassonomia europea verso la volata finale, ma le preoccupazioni non cessano

Gli ultimi mesi del 2021 si preannunciano molto complicati per le Istituzioni europee, soprattutto a causa delle numerose crisi che si stanno delineando all’orizzonte e che probabilmente caratterizzeranno anche il 2022.

In questa turbolenta situazione internazionale si aggiungono altrettante difficoltà interne, che stanno di fatto minando la solidità stessa dell’Unione, facendo mancare coerenza e unità di intenti di fronte alle circostanze avverse che si presentano.

Questa dinamica si è palesata nel tortuoso percorso che ha coinvolta la stesura e la promulgazione della cosiddetta Tassonomia europea - tassello imprescindibile nel processo dettato dalla transizione ecologica -, che trova la propria centralità nellEuropean Green Deal[1] e nel Next Generation Eu[2], in vista anche della stagione di investimenti che caratterizzerà i prossimi anni.

La rilevanza di questo strumento risiede nelle sue prerogative, in particolare adempie al ruolo di vera e propria bussola in grado di guidare gli investimenti e gli interventi sostenibili dei prossimi anni, attraverso la creazione di una classificazione univoca e riconosciuta[3]. Comprensibilmente, la strutturazione di un simile strumento presuppone una certa delicatezza, motivo per cui la sua genesi è risultata lunga e sormontata da dubbi e difficoltà nel processo di negoziazione.

Dal 12 luglio 2020, data di entrata in vigore del Regolamento della Tassonomia europea[4] (documento finalizzato a porre i pilastri per la costituzione di una proposta chiara e credibile in merito, soprattutto grazie al ruolo ricoperto dalla Commissione, incaricata di programmare ed organizzare in maniera armonica i lavori), l’iter ha subito rallentamenti repentini a causa di una crescente discrasia fra le posizioni dei vari Paesi.

In particolare, il primo stop si è verificato all’indomani della presentazione di un primo progetto di atto delegato, che conteneva le prime due serie di criteri. Questo è capitato prevalentemente a causa di una massiccia adesione alle consultazioni pubbliche che vi hanno fatto seguito, ritardando la pubblicazione di una proposta finale univoca che sarebbe dovuta arrivare i primi mesi del 2021. Non sorprende affatto il delinearsi di una tale situazione, specialmente se si considerano le differenti posizioni assunte dai vari Paesi su una decisione dall’impatto sostanziale notevole. Il tema del contendere, in particolare negli ultimi mesi, riguarda infatti la scelta o meno di inserire nella tassonomia europea il nucleare e il gas naturale. Nonostante le ultime dichiarazioni, i rappresentanti delle istituzioni europee (Dombrovskis)[5] e i rappresentanti nazionali (Cingolani)[6] sembrano far ormai propendere con una certa sicurezza verso la prima soluzione.

I negoziati hanno preso una svolta decisiva anche a causa di una serie di motivi congiunturali. 

Da un lato, la Francia si era fatta promotrice di queste modifiche, vista anche la forte dipendenza dall’energia nucleare (in questo momento di crisi circa il 70% dell’energia proviene da fonti nucleari, grazie ai 56 reattori attualmente presenti nel suolo francese)[7]. Gli stessi esponenti francesi all’interno delle istituzioni europee - primo fra tutti Pascal Canfin, presidente della commissione ambiente all’Europarlamento - si sono fatti a loro volta promotori di una proposta conciliativa in merito: l'inserimento delle fonti all’interno del piano come “fonti di transizione”, quindi non vincolanti e soprattutto sottoposte ad alcune limitazioni[8].

Dall’altro lato, un ruolo altrettanto significativo è stato giocato dalla crisi energetica che sta attraversando l’Europa e che ha spinto l’Ue verso decisioni drastiche destinate a cambiare le strategie iniziali in favore dell'adozione di una politica più realista. La questione Nord Stream 2 è un esempio palese di come la stretta energetica posta dalla Russia stia mettendo a dura prova non solo il piano economico, ma anche la politica estera. Ne sono chiara rappresentazione i rapporti di Germania e Ue con l’Ucraina, grande sacrificata in questa vicenda, e con la Russia.

Ad ogni modo, dopo l’accelerazione delle ultime settimane, la questione sembra ormai indirizzata. Intorno alla vicenda si sta però sollevando progressivamente un notevole scalpore, nonché un crescente dissenso da parte di ampie fasce della società civile, che sembrano ripudiare le scelte intraprese più di recente.

Questo fa propendere per l’idea che il discorso non sia assolutamente chiuso e che difficilmente, entro i primi mesi del 2022, vedrà la luce una proposta definitiva coerente con gli obiettivi e soprattutto condivisa.

[1] https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52021DC0188&from=ES

[2] https://italy.representation.ec.europa.eu/notizie-ed-eventi/notizie/nextgenerationeu-la-commissione-europea-si-prepara-emettere-250-miliardi_it

[3] https://www.eticasgr.com/storie/approfondimenti/tassonomia-verde

[4] https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32020R0852

[5] https://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/energia/2021/12/07/dombrovskis-tassonomia-ue-includera-anche-gas-e-nucleare_92316af6-2e7f-48ca-84d9-8b676b0a07bd.html

[6] https://www.editorialedomani.it/fatti/il-nucleare-tra-le-fonti-green-favorevoli-e-contrari-jpe8qnn4

[7] https://www.ilpost.it/2021/10/13/francia-energia-nucleare-crisi-energetica/

[8] https://www.euractiv.com/section/energy-environment/interview/canfin-mep-here-is-my-proposal-to-find-the-right-compromise-on-gas-and-nuclear-in-the-taxonomy/


Condividi il post

  • L'Autore

    Tiziano Sini

    Tiziano Sini dopo aver conseguito la laurea triennale in Scienze politiche presso la facoltà "Cesare Alfieri" di Firenze, si specializza presso la Luiss "Guido Carli" di Roma in Relazioni Internazionale con una tesi in Economia Europea sull'analisi dell'European Green Deal e la relazione con le politiche promosse dal Next Generation Eu.

    Da sempre appassionato di politica nazionale ed internazionale, con uno sguardo sempre rivolto alla dimensione economica.

    All'interno di Mondo Internazionale ricopre la carica di autore occupandosi di tematiche europee.

    Tiziano Sini after having obtained the Bachelor's Degree in Political Science at faculty "Cesare Alfieri" of Florence, majored at Luiss "Guido Carli" of Rome in International Relations with dissertation in European Economy on the analysis of the European Green Deal and the relationship with policies promoted by the Next Generation Eu.

    He was always been passionate about national and international politics, always looking at the economic dimension.

    In the context of Mondo Internazionale he holds the position of author dealing with European affairs.


Categorie

Temi Organizzazioni Internazionali


Tag

EuropeanUnion taxonomy France Gas Nuclear EuropeanCommission

Potrebbero interessarti

Image

Le proteste in Kazakistan

Redazione
Image

Tecnologia in guerra – Parte 2: cryptofunding

Davide Bertot
Image

Europa dei ponti o Europa dei muri?

Valeria Lavano
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui