background

La Svizzera e l'immagine di un paradiso fiscale

Nell'aprile 2021, Joe Biden ha dichiarato durante un discorso al Congresso che: "molte aziende evadono le tasse anche attraverso i paradisi fiscali in Svizzera, Bermuda e le Isole Cayman". Questa identificazione della Svizzera come paradiso fiscale ha stupito il ministro delle finanze svizzero Ueli Maurer. Egli ritiene che il paese "rispetta pienamente tutti i suoi obblighi internazionali ed è molto trasparente"[1]. Questi discorsi politici ci rivelano che non c'è una visione condivisa su ciò che costituisce un paradiso fiscale.

Secondo il Tax Justice Network (TJN), la nascita dei paradisi fiscali è avvenuta probabilmente anche prima della creazione della Confederazione svizzera nel 1848. Le banche svizzere nei cantoni di Ginevra e Zurigo potrebbero essere considerate come i primi rifugi per la ricchezza dell'élite europea. TJN ha anche menzionato "le baie dei pirati nei Caraibi, il Canale della Manica e altrove" per le pratiche "offshore iniziali"[2] . Altre ricerche percepiscono generalmente l'inizio dei paradisi fiscali a metà del 19° secolo negli Stati Uniti. A quel tempo, gli stati del New Jersey e del Delaware stavano affrontando problemi finanziari. Così, gli avvocati di New York consigliarono ai governatori di attirare le imprese di altri stati riducendo i controlli e le tasse[3]

Tuttavia, uno studio recente ha dimostrato che anche se il New Jersey e il Delaware hanno registrato un gran numero di imprese nei loro territori tra il 1890 e il 1914, non sono paradisi fiscali nella stessa misura della Svizzera. La ricerca dimostra che questi stati americani offrivano essenzialmente alle imprese "un regime ultraliberale" in cui la riduzione delle tasse era secondaria. Inoltre, dimostra che gli Stati Uniti non hanno pianificato una strategia internazionale per rendere il paese un paradiso fiscale come la Svizzera. Inoltre, ci sono prove che nel 1816 Ginevra offriva privilegi agli stranieri benestanti esonerando "le tasse sui redditi patrimoniali, e talvolta l'eredità". Negli anni 1860, altri cantoni perseguirono la stessa strada con ulteriori vantaggi come la revoca della tassazione sulle cambiali, l'istituzione di uffici amministrativi esteri (offshore). Di conseguenza, queste trasformazioni resero la Svizzera un luogo attraente per il commercio internazionale e le operazioni finanziarie. Inoltre, il settore bancario svizzero in base ai fattori politici esterni ha sviluppato ulteriormente il suo modello. Le banche svizzere rafforzano le loro condizioni di segretezza per attirare più stranieri. Per esempio, nel 1901, la Francia ha iniziato una "tassa di successione" e una "tassa sul reddito progressiva" che ha portato all'evasione fiscale dei ricchi cittadini francesi in Svizzera[4]

Tuttavia, lo studio sottolinea che la Svizzera non ha organizzato volontariamente tutti questi cambiamenti per creare un paradiso fiscale. Questi sviluppi sono venuti dalle strategie di vari attori e dalle rivalità tra i cantoni, così come dalla globalizzazione della finanza e del commercio[5]La prima guerra mondiale ha anche contribuito alla fuga della ricchezza europea al di fuori delle loro frontiere. In effetti, la Svizzera ha beneficiato della sua neutralità e del suo segreto bancario per attirare i capitali dei paesi coinvolti nella guerra[6]. Pertanto, ci rendiamo conto che c'è ancora un certo dibattito sulle origini dei paradisi fiscali. Osserviamo che le pratiche legate all'evasione fiscale sono iniziate in diversi luoghi del mondo per attirare ricchezza in questi paesi ospitanti. Così, possiamo affermare che la Svizzera ha giocato storicamente un ruolo importante nella creazione dei paradisi fiscali.

Oggi si discute su come determinare uno stato come paradiso fiscale. In effetti, non esiste ancora una definizione universale di paradiso fiscale, il che ha portato a molteplici qualificazioni da parte di Stati, media, istituzioni regionali e internazionali. Da un lato, questo potrebbe essere spiegato dalla pressione data agli stati che sono direttamente colpiti dall'evasione fiscale. Infatti, questi paesi devono affrontare difficili decisioni finanziarie a livello nazionale. Devono certamente adeguare le tasse sulla loro popolazione o avallare il debito pubblico. Inoltre, questa situazione aumenta la competitività tra le imprese con un ufficio amministrativo in un paradiso fiscale e le PMI che non si espandono a livello internazionale. D'altra parte, c'è spesso un'idea sbagliata sui paradisi fiscali che riguarda solo le isole e i piccoli paesi. In effetti, anche le grandi potenze sono coinvolte con pratiche legate all'evasione fiscale, come abbiamo visto nel caso degli stati americani[7] .

Secondo l'OCSE, un paradiso fiscale significa tradizionalmente: "un paese che impone una tassa bassa o nulla, ed è utilizzato dalle imprese per evitare le tasse che altrimenti sarebbero dovute in un paese ad alta tassazione". L'organizzazione definisce inoltre un paradiso fiscale con queste componenti: "Nessuna tassa o solo nominale; mancanza di un efficace scambio di informazioni; mancanza di trasparenza nel funzionamento delle disposizioni legislative, legali o amministrative"[8]. Nel 2014, l'OCSE espone una lista di 79 paesi in quattro categorie secondo il loro rispetto delle norme di cooperazione per lo scambio di informazioni fiscali. Classificano la Svizzera come "giurisdizione non conforme". Nel 2017, i 28 ministri delle finanze dell'UE hanno pubblicato una lista di 17 paesi considerati come un paradiso fiscale. Questo inventario è stato criticato per la sua parzialità, poiché nessuno dei membri dell'UE o di altri paesi europei è stato menzionato. Oxfam ha denunciato che altri 35 paesi dovrebbero apparire in quella lista come Svizzera, Irlanda, Lussemburgo e Paesi Bassi[9]. Tuttavia, la Svizzera faceva parte della lista grigia dell'UE dei paesi che hanno preso l'impegno senza miglioramenti. Nel 2019, la Svizzera era ufficialmente fuori da questa lista da quando ha accettato una riforma fiscale seguendo le condizioni dell'OCSE e dell'UE[10].
Pertanto, dovremmo capire che definire uno stato come un paradiso fiscale è un modo per fare pressione su quel paese per avviare le riforme. Vediamo anche che la Svizzera sta facendo del suo meglio per evitare di essere etichettata come un paradiso fiscale in quanto potrebbe avere un impatto negativo. Abbiamo anche osservato che la qualificazione dipende anche da vari indicatori.

Inoltre, eventi come gli scandali di UBS, Panama Papers e Paradise Papers hanno anche contribuito a modellare il sistema finanziario svizzero. Secondo il rapporto di Tax Justice Network (2020), il governo svizzero ha fatto notevoli cambiamenti negli ultimi anni per quanto riguarda il suo regime di segretezza. La Svizzera ha accettato di comunicare informazioni ai "paesi ricchi e alla maggior parte dei paesi a reddito medio-alto, se necessario". Il rapporto mostra anche che lascerà "ai cittadini dei paesi più poveri la possibilità di evadere le loro responsabilità fiscali" [11]. Di conseguenza, questa situazione dimostra che le pressioni dei paesi sviluppati servono solo a loro, mentre trascurano i paesi in via di sviluppo. Per concludere, i ministri delle finanze del G20 hanno concordato lo scorso luglio una grande riforma fiscale per le multinazionali. Potremmo osservare una trasformazione radicale nei prossimi anni.

A cura di Gopiga Arulchelvam (traduzione della versione originale "Switzerland and the image of a tax haven")

[1] SWISSINFO (2021). https://www.swissinfo.ch/eng/diplomacy_switzerland-diplomatically-rejects-biden-s--fiscal-paradise--label-/46578996

[2] https://taxjustice.net/faq/how-did-tax-havens-emerge/

[3] Chavagneux, Christian. 2011. À quoi servent les paradis fiscaux?. Le journal de l'école de Paris du management, 92, 26-33.

[4] Guex, Sébastien. 2021. The Emergence of the Swiss Tax Haven, 1816–1914. Business History Review: 1–20.

[5] Ibidem

[6] Farquet, Christophe. 2019. L’envol du centre financier suisse. Le déplacement de la fortune européene après la Grande Guerre. Une enquête statistique. Université de Fribourg.

[7] Jacques Fontanel. 2019. L’Europe des paradis fiscaux. Université Grenoble-Alpes. Liber Amicorum, Mélanges en l’honneur de Madame la Professeure Catherine Schneider.

[8] OECD. Glossary of Tax Terms, https://www.oecd.org/ctp/glossaryoftaxterms.htm#T.

[9] Jacques Fontanel. 2019. L’Europe des paradis fiscaux. Université Grenoble-Alpes. Liber Amicorum, Mélanges en l’honneur de Madame la Professeure Catherine Schneider.

[10] RTS INFO (2019). La Suisse définitivement retirée de la liste grise des paradis fiscaux, https://www.rts.ch/info/economie/10773713-la-suisse-definitivement-retiree-de-la-liste-grise-des-paradis-fiscaux.html.

[11] TAX JUSTICE NETWORK (2020). Financial secrecy index 2020, https://fsi.taxjustice.net/PDF/Switzerland.pdf.

[12] LE MONDE (2021). Accord historique des pays du G20 pour une taxation internationale des multinationales, https://www.lemonde.fr/economie/article/2021/07/10/les-pays-du-g20-donnent-leur-accord-pour-une-taxation-internationale-des-multinationales_6087855_3234.html.


Condividi il post

  • L'Autore

    Redazione

Categorie

Temi Società


Tag

Swizterland Economy society Tax politics

Potrebbero interessarti

Image

Essere classe operaia non è più sufficiente per mantenere il sostegno dei laburisti nel Nord

Redazione
Image

Covid-19: la Commissione Europea approva il primo vaccino

Elena Pavan
Image

Smokefree Aotearoa 2025: la lotta al tabagismo in Nuova Zelanda

Matteo Gabutti
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui