background

Smart Waste Management

La popolazione della terra continua a crescere, e così fanno le quantità di rifiuti che vengono prodotte ogni giorno. Secondo le Nazioni Unite, circa il 70% della popolazione mondiale vivrà in grandi centri urbani entro il 2050. Questa concentrazione di persone negli spazi metropolitani preoccupa molte persone, perché spesso una crescita incontrollata è sinonimo di scarsa sostenibilità. Così, tutte le grandi comunità si trovano ad affrontare un'importantissima sfida, quella gestione dei rifiuti. Problema non certo nuovo, ancora oggi esso presenta moltissime inefficienze e richiede un grande dispendio di risorse economiche e materiali. Tali inefficienze sono legate a metodi di raccolta principalmente manuali e a processi logistici datati, che non sono in grado di adattarsi facilmente ai cambiamenti dei cittadini. D’altra parte, lo sviluppo dell’Internet of Things mette a disposizione dei decisori pubblici diverse tecnologie avanzate che possono migliorare notevolmente questo servizio. Si tratta dello smart waste management.

Lo smart waste management usa la tecnologia per rendere più efficiente la gestione dei rifiuti. Generalmente, i rifiuti che produciamo, sia in casa che quando siamo fuori, vengono gettati in bidoni di raccolta dell’immondizia. Una delle difficoltà più significative per i Comuni è sapere se i cestini sono pieni o no e quando svuotarli. Lo smart waste management consente di risolvere questo problema, evitando che un cestino vuoto sia sul percorso dei mezzi che svuotano i cestini, impedendo anche che un bidone resti pieno per una settimana o anche più. Le previsioni per il settore nei prossimi anni sono positive: secondo i recenti dati presentati dal rapporto “Smart Waste”, di Navigant Research, il mercato delle tecnologie e dei servizi per il trattamento intelligente dei rifiuti a livello globale arriverà a valere oltre 42 miliardi di dollari entro il 2023.

Ma quali sono le tecnologie che vengono utilizzate? Di solito i contenitori di rifiuti sono equipaggiati con sensori che misurano ogni genere di dati: il livello di riempimento del contenitore, la temperatura, l’umidità, il peso dei rifiuti, la distribuzione della quantità dei rifiuti gettati nel corso della giornata o della settimana; è possibile inoltre produrre immagini 3D del contenuto, da diversi punti di osservazione. I contenitori sono dotati di un modulo GPS, necessario per collocarli geograficamente con esattezza. Questi sensori possono essere applicati a contenitori dalle forme più disparate, indipendentemente dal fatto che il loro contenuto sia solido o liquido. Il rilevamento dei dati avviene in modo ciclico durante la giornata.

Vi è poi un sistema centrale che gestisce e analizza i dati raccolti nei singoli cestini, che possono essere così sfruttati per elaborare strategie di ottimizzazione del sevizio: efficientamento delle tratte, taglio dei costi, riduzione dell’impronta ambientale, miglioramento delle condizioni di lavoro per gli operatori. Monitorare è il primo step per risparmiare.

Di solito i sistemi di smart waste management non richiedono grandi dimensioni di banda per una corretta trasmissione dei dati: la tecnologia 2G risulta essere del tutto adatta agli obiettivi prefissati.

Questo sistema si integra con delle applicazioni per smartphone che funzionano come navigatori, suggerendo agli operatori delle compagnie di raccolta rifiuti la strada migliore da perseguire per svuotare tutti i cestini. Quando il conducente apre l’app, tutti i bidoni che, secondo l'analisi dei dati, sono già pieni o lo saranno entro la fine della giornata vengono piazzati sul percorso. L’operatore deve così seguire le istruzioni di una voce, che indica la strada e i bidoni da svuotare. Il processo è dinamico: se un contenitore che non era stato preso in considerazione per la raccolta si riempie prima del previsto, il mezzo più vicino viene allertato e modifica il suo percorso in modo da svuotarlo. In questo modo i conducenti dei veicoli concludono il loro lavoro quotidiano più velocemente. Naturalmente anche i dati sui percorsi dei veicoli vengono raccolti: durata media dei viaggi, costi del carburante, tempo necessario per lo svuotamento.

Esistono anche applicazioni per smartphone destinate ai cittadini comuni, che possono facilmente avere accesso alle informazioni sui cestini per la raccolta dei rifiuti: verificare lo stato dei contenitori collocati nelle vicinanze e visualizzare le previsioni di smaltimento, per smaltire i propri rifiuti dopo la raccolta comunale. L’applicazione può essere personalizzata in base al profilo dell’utente con la possibilità, per esempio, di registrare un contenitore preferito, più vicino alla propria residenza. In questo modo, l'applicazione può controllare automaticamente lo stato del contenitore preferito e passare informazioni tramite un pop-up: se lo scomparto ha un livello di riempimento massimo compare automaticamente una seconda opzione di scomparto disponibile.

La creazione di prototipi di contenitori intelligenti, lo sviluppo di app e il lancio di attività di sperimentazione in diverse parti del mondo mostrano che il sistema proposto può effettivamente cambiare le abitudini delle persone in materia di rifiuti e ottimizzare le risorse economiche e materiali. E c’è ancora molto spazio di miglioramento: i servizi esistenti potranno essere ulteriormente perfezionati grazie all’aggiunta di nuovi strumenti che interagiscono con il sistema centrale.


Condividi il post

  • L'Autore

    Chiara Natalicchio

    Laureata con Lode in Ingegneria Meccanica Magistrale con indirizzo Smart Factory al Politecnico di Bari.
    Durante gli studi, ha partecipato a un tirocinio presso il Centro Nazionale di Ricerca a Bari, e a due esperienze internazionali: il programma Erasmus a Bilbao, in Spagna, e il programma Double Degree a Parigi, in Francia. Qui si è occupata principalmente di energia, collaborando, durante uno stage di sei mesi, al progetto di commercializzazione di una strada solare, che è diventato poi oggetto di tesi.
    Attualmente svolge uno stage in una società di gestione immobiliare, dove si occupa di gestire progetti di manutenzione, rinnovazione ed efficientamento energetico degli immobili gestiti dal Gruppo.
    La sua passione è lo sport, in tutte le sue forme: al chiuso, all’aperto, individuale, di gruppo. Dopo una lunga carriera da ginnasta, durante gli anni universitari si dedica all’allenamento delle giovani leve; da sei anni nuota in una squadra master, partecipando a competizioni regionali.
    Ama la lettura, il cinema, i viaggi e le lingue straniere.
    Da sempre sensibile a temi sociali, politici ed ecologici, nel Novembre 2020 entra nel team di Mondo Internazionale per occuparsi della redazione di articoli per l’area “Ambiente e Sviluppo” e come Policy Analyst nel gruppo MIIP.Graduated with honors in Mechanical Engineering at the Polytechnic of Bari.

    During her studies, she carried out an internship at the National Research Center in Bari, and two international experiences: the Erasmus program in Bilbao, Spain, and the Double Degree program in Paris, France. Here, she mainly dealt with energy, collaborating, during a six-month internship, on the marketing project of a solar road, which later became the subject of her thesis.
    She currently takes part in an internship at a property management company, where she manages maintenance, renovation and energy efficiency projects of the properties managed by the Group.
    Her passion is sport, in all its forms: indoors, outdoors, individually or in groups. After a long career as a gymnast, during her university years she started to train young talents; she has been swimming in a master team for six years, participating in regional competitions.
    She loves reading, travelling and studying foreign languages.
    Always sensitive to social, political and ecological issues, in November 2020 she joins the Mondo Internazionale team to write articles for the "Environment and Development" area and as a Policy Analyst in the MIIP group.

Categorie

Sezioni Tecnologia ed Innovazione


Tag

#smart #waste #management #IoT

Potrebbero interessarti

Image

Smart Waste Management

Chiara Natalicchio
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui