background

SDG4 e pandemia: gli effetti del Covid-19 sull’educazione

Ricorre il 24 gennaio la Giornata Internazionale dell’Educazione, al terzo anno di celebrazione. Sono (solo) tre anni, infatti, che le Nazioni Unite hanno deciso di dedicare un giorno a questo tema per ribadire che l’istruzione è un diritto di tutti. Considerata un mezzo per “promuovere la comprensione, la tolleranza, l’amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi” e per “favorire l’opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace” nell’Articolo 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, il tema dell’educazione è presente anche nella Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, adottata nel 1989.

Sulla scia dei Millennium Development Goals (MDG), il cui secondo obiettivo era “rendere universale l’istruzione primaria”, l’educazione è protagonista anche tra gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e difatti il quarto tra gli SDGs dell’Agenda 2030 consiste in Garantire un'istruzione di qualità inclusiva e paritaria e di promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti”. Oltre ad un accesso all’istruzione di base per tutti, a prescindere da sesso ed età, si sottolinea il legame tra istruzione di base e formazione professionale e un’educazione volta alla promozione dello sviluppo sostenibile.

“Entro il 2030, aumentare sostanzialmente il numero di giovani e adulti che abbiano le competenze necessarie, incluse le competenze tecniche e professionali, per l'occupazione, un lavoro dignitoso e per l'imprenditorialità (SDG 4.4)

“Entro il 2030, assicurarsi che tutti gli studenti acquisiscano le conoscenze e le competenze necessarie per promuovere lo sviluppo sostenibile, attraverso l'educazione per lo sviluppo sostenibile e stili di vita sostenibili, i diritti umani, l'uguaglianza di genere, la promozione di una cultura di pace e non-violenza, cittadinanza globale e l'apprezzamento della diversità culturale e del contributo della cultura allo sviluppo sostenibile(SDG 4.7)

Impatto del Covid-19 sull’educazione

La diffusione della pandemia di Covid-19 ha esacerbato una situazione non semplice dal punto di vista dell’istruzione nel mondo. Secondo il rapporto delle Nazioni Unite “Education during Covid-19 and beyond” pubblicato ad agosto 2020, la chiusura o l’interruzione temporanea di scuole, università e luoghi di apprendimento ha influenzato la vita di circa 1,6 miliardi di studenti in tutti i Paesi del mondo.

Da quanto rivela questo rapporto, i progressi compiuti negli ultimi anni potrebbero regredire a causa del deficit di apprendimento causato dalla chiusura prolungata delle scuole e circa 23,8 milioni di studenti (dalle materne ai licei) potrebbero abbandonare gli studi o non avere accesso alla scuola l’anno prossimo a causa dell’impatto economico della pandemia.

Guardando all’Europa e al mondo occidentale, possiamo affermare che non sono mancate nuove idee e iniziative per garantire la continuità scolastica: didattica a distanza, materiali educativi online, in televisione, in radio e molto altro. Purtroppo, in Italia l’emergenza Covid-19 ha evidenziato diverse debolezze del sistema educativo tra cui, ad esempio, il divario digitale. Secondo quanto riportato dai più recenti dati Istat, emerge che il 12,3% dei minori dai 6 ai 17 anni non possiede un tablet o un computer, con forti disuguaglianze territoriali soprattutto a scapito delle regioni meridionali. Questo divario si ripresenta nell’accesso alla banda larga, essenziale per svolgere lezioni a distanza: nel Mezzogiorno è il 73,1%, mentre nelle isole il 64,6% la percentuale di studenti tra i 6 e i 17 anni le cui famiglie dispongono di banda larga a confronto del 77,9% nelle altre regioni del Paese. Le famiglie che dispongono di un tablet o un computer e dell’accesso a Internet, non sempre hanno un numero di dispositivi sufficiente per tutti i membri della famiglia. L’accesso digitale è uno dei tanti problemi oltre alle scarse competenze digitali e all’abbandono scolastico, ad esempio.

La nota dolente è che anche se in Italia la situazione potrebbe sembrare catastrofica, vale la pena ricordare che nei paesi in via di sviluppo dell’Africa, America Latina e Asia del Sud la scuola significa non solo l’unica fonte di istruzione ma un luogo sicuro dove i bambini sono protetti dal lavoro minorile, abbandoni, abusi e violenze. Andare a scuola in molti Paesi equivale ad avere almeno un pasto sicuro e gratuito al giorno, un motivo per uscire di casa o una valida alternativa per non dover scendere in strada e lavorare, anche se si è minorenni.


Fonti consultate

Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (n.d.). “Obiettivi di sviluppo sostenibile”. https://www.aics.gov.it/home-ita/settori/obiettivi-di-sviluppo-sostenibile-sdgs/ (data di consultazione 18/01/2021)

Asnor (n.d.). “L'obiettivo 4 dell'Agenda 2030, le mille facce del diritto all'istruzione” https://asnor.it/it-schede-41-agenda_2030_obiettivo_4_diritto_all_istruzione (data di consultazione 18/01/2021)

ASVIS (18/11/2020). “FOCUS. Bambini e adolescenti: per loro un presente difficile e un futuro incerto”. https://asvis.it/focus-bambini-e-adolescenti-per-loro-un-presente-difficile-e-un-futuro-incerto/ (data di consultazione 17/01/2021)

ASVIS (19/11/2020). “ASviS: le bambine, i bambini e l’Agenda 2030”. https://asvis.it/public/asvis2/files/Comunicati_stampa/CS_Giornata_Infanzia_e_Agenda_2030.pdf (data di consultazione 17/01/2021)

ASVIS (n.d.). “Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030”. https://asvis.it/goal-e-target-obiettivi-e-traguardi-per-il-2030/ (data di consultazione 18/01/2021)

Education 2030 UN (n.d.). “Sustainable Development Goal 4”. https://sdg4education2030.org/the-goal (data di consultazione 17/01/2021)

Gruppo CRC (05/11/2020). “I diritti dei bambini ai tempi del Covid-19: quali sfide per il futuro?”. http://gruppocrc.net/i-diritti-dei-bambini-ai-tempi-del-covid-19-quali-sfide-per-il-futuro/ (data di consultazione 17/01/2021)

ISTAT (18/12/2019). “Cittadini e ICT”. https://www.istat.it/it/archivio/236920#:~:text=Nel%202019%2C%20in%20Italia%2C%20il,a%20fattori%20generazionali%20e%20culturali (data di consultazione 16/01/2021)

UNICEF (n.d.). “Obiettivi di sviluppo sostenibile”. https://www.unicef.it/obiettivi-di-sviluppo-sostenibile/ (data di consultazione 18/01/2021)

United Nations (4/08/2020). “Policy Brief: Education during COVID-19 and beyond”. https://unric.org/it/policy-brief-del-segretario-generale-onu-istruzione-al-tempo-di-covid-19-e-oltre/ (data di consultazione 18/01/2021)

United Nations (n.d.). “International Day of Education
24 January
”. https://www.un.org/en/observances/education-day (data di consultazione 18/01/2021)

Immagine: Yannis H https://unsplash.com/photos/uaPaEM7MiQQ


Condividi il post

  • L'Autore

    Flavia Pergola

    IT_Appassionata di lingua e cultura araba, sostenibilità e viaggi, il suo sogno è lavorare nel mondo del terzo settore. Laureata con lode in Interpretariato e Traduzione, con specializzazione in inglese e arabo, approda nel mondo della comunicazione dopo un Master in Marketing e Comunicazione.

    Ha esperienze lavorative e di stage in alcune cooperative e ONG come Oxfam Italia e Medici Senza Frontiere, dove è attualmente tirocinante presso l’Ufficio Stampa. Lavora saltuariamente come traduttrice e mediatrice culturale e ha fatto un’esperienza di tre mesi presso l’Ufficio Stampa dell’Ambasciata dell’Arabia Saudita a Roma.

    Ha vissuto molto tempo all’estero tra Spagna, Libano, Turchia, Egitto e Oman e non si lascia sfuggire nessuna occasione per viaggiare e vivere nuove esperienze. Nel tempo libero si dedica al volontariato e a piccoli progetti personali.

    In Mondo Internazionale è autrice per l’area tematica di Ambiente e Sviluppo e Policy Analyst per il progetto MIPP, l’Incubatore di Politiche Pubbliche di Mondo Internazionale.

    ____________________________________________________________________________

    EN_Lover of sustainability, travels and Arabic language and culture, her dream is to work in the third sector. Graduated with honors in Interpreting and Translation (English and Arabic), she is exploring the world of communication after a Master in Marketing and Communication.

    She is now an intern by the Press Office of Doctors Without Borders (MSF) Italy and she had internship and work experiences in other NGOs and organizations like Oxfam Italia and Cooperativa Auxilium. She occasionally works as translator and cultural mediator and she had the opportunity to work as an Intern at the Media and Press Office of the Embassy of Saudi Arabia in Rome.

    She lived for long periods abroad, including Spain, Lebanon, Turkey, Egypt and Oman and she doesn’t miss a chance to travel and experience new things. She devotes her free time in volunteering and developing small personal projects.

    Within Mondo Internazionale she is Author for ​​“Environment and Development” and Policy Analyst for the MIPP project, the Public Policy Incubator of Mondo Internazionale.

Potrebbero interessarti

Image

SDG4 e pandemia: gli effetti del Covid-19 sull’educazione

Flavia Pergola
Image

Indonesia: verso gli SDGs 4 e 5

Redazione
Image

Russia: verso gli SDGs 4 e 5

Redazione
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui