background

Sarà Catalogna?

Una vera e propria insurrezione popolare è scoppiata a una settimana dal referendum (previsto per il 1° ottobre) che, anche se considerato illegale, potrebbe segnare una pagina importante della Spagna moderna.

Migliaia di manifestanti continuano a sfilare sulla Rambla in segno di protesta contro le "forze di occupazione" dopo che martedì la Guardia Civil spagnola, con regolare mandato, ha perquisito i ministeri dell'economia, degli affari esteri, la gendarmeria e l'esecutivo arrestando anche 14 persone tra cui Josep Maria Jové, membro del governo catalano che ora rischia fino a 15 anni di carcere.

La decisione del primo ministro del governo centrale Mariano Rajoy arriva dopo che il presidente catalano Carles Puigdemont ha dichiarato di continuare per una "nuova legalità catalana" in aperto dissenso alla decisione della Corte Costituzionale spagnola con cui il 12 settembre la stessa aveva sospeso la legge catalana che definisce il "quadro giuridico per la formazione di uno stato indipendente" (votata il 6 settembre con 72 voti a favore, 12 astenuti e 0 contrari). Rajoy ha poi giustificato dichiarando che " i giudici della Corte Costituzionale si sono espressi contro il referendum e noi come democrazia abbiamo l'obbligo di far rispettare la sentenza".

Durante l'operazione Anubis i militari hanno sequestrato la quasi totalità delle notifiche di convocazione ai seggi referendari e 10 milioni di tessere elettorali. Puigdemont ha commentato in proposito che "è stata sospesa la democrazia, il governo spagnolo ha oltrepassato la linea rossa" e ha poi invitato i cittadini catalani a dare una risposta "ferma, con atteggiamento civile e pacifico". Anche il sindaco di Barcellona Ada Colau si è espresso in maniera fortemente negativa "è uno scandalo democratico che si requisiscano le istituzioni e si arrestino cariche pubbliche per motivi politici. difendiamo le istituzioni catalane"

In manette anche Pep Masoliver, direttore tecnico della fondazione PutCat (responsabile dell'assegnazione dei domini catalani sul web) arrestato con lo scopo di oscurare il sito che promuove il referendum.

Il 15 settembre il governo centrale aveva già tentato in prima battuta il blocco dei fondi federali per impedire che venissero utilizzati soldi pubblici per promuovere il referendum, e successivamente aveva minacciato il ricorso a "misure eccezionali".

Il Portavoce della commissione UE Margaritis Schinas ha dichiarato "Rispettiamo l'ordine costituzionale della Spagna. È in seno a questo che le questioni dovranno o potranno essere affrontate"

Con Rajoy anche l'opposizione con Pedro Sanchez e Albert Rivera leader di Ciudadanos. Podemos unico partito a favore del referendum propone comunque una linea di dialogo con il governo catalano, mentre Pablo Iglesias attacca "in Spagna tornano a esserci detenuti politici".

Il movimento indipendentista nato nel 2010 sta mettendo a dura prova il sistema democratico spagnolo e si teme un nuovo sanguinoso conflitto nel paese che solo il 29 dicembre 1978 ha abbandonato il regime dittatoriale del Generale Francisco Franco.


Condividi il post

  • L'Autore

    Fabio Di Gioia

    Sono uno studente di Scienze Internazionali, mi piace spiegare argomenti complessi nella loro totalità e credo che la storia raccontata nei suoi dettagli sia molto importante per capire gli eventi che accadono.

Categorie

Dal Mondo Europa


Tag

Spagna Catalogna Referendum Indipendenza

Potrebbero interessarti

Image

Saharawi, questi sconosciuti!

Stefano Sartorio
Image

Il Kurdistan: The stateless nation

Vincenzo Battaglia
Image

Catalonia: Framing the issue

Vincenzo Battaglia
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui
Diventa Associato