background

Riapertura delle scuole: un ritorno alla normalità o un rinnovamento?

I politici si preoccupano per la riapertura delle scuole, temendo una recrudescenza del Virus. Ma come possono arrivare ad una decisione di equilibrio tra le diverse esigenze? E come sta venendo in nostro soccorso la scuola a domicilio e la tecnologia?

Correre il rischio più "sicuro"

Purtroppo è estremamente difficile capire a cosa si debba dare precedenza. Collettivamente, abbiamo fatto fatica ad accettare questo particolare dilemma. Ciò rende il tutto ancora più difficile. I nostri responsabili politici si muovono di verdetto in verdetto, passando al vaglio molte decisioni, anche perchè soffermarsi su una soluzione più rapida e semplice sarebbe deleterio; non sono stati preparati per tali complessità.

Permettono la riapertura delle scuole, e mettono in atto rigorose precauzioni - come la fornitura di gadget di sicurezza nelle scuole pubbliche di tutta la federazione - e rinforzano le scuole private? Questa proposta fa sorgere diverse preoccupazioni: l'attuazione delle politiche, come possiamo testimoniare, è una sfida enorme; i fondi governativi per la fornitura dei gadget necessari sono estremamente limitati. 

Se decidessimo di riaprire le scuole, questo non servirebbe come vettore di propagazione del virus? Se l'attuale sessione scolastica venisse abdicata, quale sarebbe il destino degli studenti diplomati? Dovrebbero essere promossi alla classe successiva? Siamo a un bivio, un bivio tra la vita e la morte.

Siamo consapevoli dei milioni di insegnanti e del personale scolastico che improvvisamente si ritroverebbero tra le fila dei disoccupati. Questa è una preoccupazione anche per il governo. Bisogna esporre le persone al rischio del virus, o è necessario che essi rischino di divenire poveri?

"Non è una buona cosa ad essere sinceri, essere stati appena sollevati dai doveri verso i propri alunni - che hanno vissuto una parte di te". E poi, le bollette sono state pagate con lo stipendio derivante dalla professione di insegnante", ha dichiarato Ayo, un insegnante.

Queste sono un'ulteriore fonte di preoccupazione per i politici, e negoziare una potente soluzione per l'ambiente scolastico è di estrema urgenza. A questo punto la nostra definizione di "potente" deve essere spiegata. Alla fine, potente può essere la decisione di aderire all'aforisma "sicurezza prima di tutto", o di aprire le porte delle nostre scuole, per non rinunciare alle esigenze della nostra popolazione più vivace. Qualunque sia la decisione che il governo prenderà, dovrebbe essere quella inerente al minor rischio e ai minori problemi futuri. I posteri giudicheranno queste mosse un giorno.

Normalità o rinnovamento?

Nel corso dei secoli, il sistema scolastico ha avuto pochissimi cambiamenti strutturali o sistemici. Mentre si sta verificando una digitalizzazione complessiva dello spazio finanziario, e settori come la medicina e l'agricoltura stanno accettando il cambiamento, le nostre scuole sono in qualche modo sopravvissute alle spinte della modernità, soprattutto in un paese del terzo mondo come la Nigeria. Solo pochissime scuole private possono vantarsi di avere una visione digitale delle loro strategie di insegnamento. La pandemia potrebbe essere la spinta per il nostro settore dell'istruzione verso un altro percorso: quello tecnologico. I professionisti dell'istruzione sono d'accordo sul fatto che la pandemia potrebbe essere una benedizione sotto mentite spoglie, uno spiraglio di speranza per un sistema già malato e bisognoso di rinascita: un rinnovamento!

"La pandemia ci ha colpiti nel bene e nel male" dice Thelma Igwe, la consulente principale dell'Iniziativa di sostegno scolastico. "Nel bene, nel senso che ogni insegnante è in grado di insegnare in digitale, cosa che non avremmo mai pensato o immaginato che sarebbe accaduta nei prossimi cinque anni in Nigeria, ma all'improvviso è successo e in molti si sono interessati a ciò,  ansiosi di saperne di più". Ha continuato, quando ha parlato dell'effetto positivo che la pandemia ha sul fronte educativo. Il cambiamento non comporta solo l'improvvisa metamorfosi del sistema educativo e l'apprezzamento degli strumenti digitali disponibili, ma anche la deviazione dell'approccio dei genitori nei confronti dell'educazione dei loro figli. I genitori prestano ora maggiore attenzione all'inclinazione dei loro bambini.

"Ogni genitore è ora coinvolto nei lavori accademici dei propri figli" dice Thelma. "Ma in questa pandemia tutti sono diventati insegnanti, soprattutto quelli che l'hanno rifiutata. Vedevano la scuola come un luogo dove poter scaricare il proprio figlio", dice. Di per sé questo è un buon sviluppo: perché comporta una soluzione per il problema che i  politici stanno cercando di risolvere. Se i genitori possono abbracciare il concetto di istruzione a distanza e perfezionare le performance, possiamo anche rallentare la nostra corsa ad aprire i luoghi fisici dell'apprendimento quali sono gli istituti scolastici. Scolari che studiano da casa grazie al miracolo degli strumenti digitali, questi ultimi sarebbero per noi ciò che il genio è stato per Aladdin: uno spiraglio di luce nel nostro presente angoscia. Il governo dovrebbe investire nella didattica a distanza (e anche i genitori), non solo per scongiurare gli effetti negativi della chiusura delle scuole, ma soprattutto come opzione praticabile anche quando le condizioni potrebbero tornare alla normalità.

NB: il presente elaborato è stato portato a termine nel mese di ottobre. Seguiranno altri aggiornamenti da parte dell'autore.


Condividi il post

  • L'Autore

    Redazione

Categorie

MI International Mondo Internazionale Nigeria


Tag

school return normal life

Potrebbero interessarti

Image

Riapertura delle scuole: un ritorno alla normalità o un rinnovamento?

Redazione
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui