Regolamento Mondo Internazionale Company

Divisione Mondo Internazionale Company

Articolo 1

ISTITUZIONE

Mondo Internazionale Company viene istituita in qualità divisione dell’Associazione Mondo Internazionale, come stabilito dall’art. 37 del Regolamento Unico della stessa. La divisione è sottoposta alla direzione della Presidenza.

Articolo 2

SCOPI E ATTIVITA’

Mondo Internazionale Company rappresenta la divisione dell’Associazione Mondo Internazionale per le attività svolte nel campo dell’impresa, la quale si occupa di fornire servizi di consulenza a soggetti terzi, enti pubblici e privati.

La visione di Mondo Internazionale Company prevede il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

a. aiutare e supportare gli enti pubblici e privati ad ampliare il raggio delle attività istituzionali ed economiche andando a ricercare opportunità di sviluppo, anche in contesti internazionali;

b. consigliare sulle decisioni che gli enti pubblici e privati devono adottare su scala globale;

c. permettere agli enti pubblici e privati di gestire i propri affari economici cercando di prevenire i rischi locali, regionali e internazionali legati alla sfera politica, economica, sociale e di sicurezza.

Articolo 3

I MEMBRI

Sono membri di Mondo Internazionale Company tutti coloro che risultano regolarmente iscritti all’Associazione Mondo Internazionale e la cui richiesta di adesione alla divisione ottenga esito positivo.

Articolo 4

CRITERI DI AMMISSIONE DEI MEMBRI

La richiesta di adesione a Mondo Internazionale Company viene valutata e approvata o respinta dal Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company con il consenso del Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale. La richiesta di adesione alla divisione di Mondo Internazionale Company può essere presentata qualora rispetti i seguenti requisiti:

a. Il candidato deve avere almeno 18 anni di età compiuti al momento della presentazione della richiesta;

b. Il candidato deve risultare membro regolare dell’Associazione Mondo Internazionale al momento della presentazione della richiesta.

c. La richiesta di adesione a Mondo Internazionale Company deve essere corredata dal Curriculum Vitae del richiedente insieme a lettera motivazionale. Qualora sia ritenuto necessario, il CEO di Mondo Internazionale Company ha la possibilità di richiedere delle referenze al richiedente per dimostrare eventuali esperienze pregresse alla richiesta di adesione.

d. È prevista una successiva fase di valutazione del candidato, che viene effettuata attraverso colloquio orale, per accertare le capacità tecniche e analitiche descritte durante la richiesta di adesione. Il colloquio viene condotto dall’Area Manager responsabile del settore di competenza del candidato. Durante questa fase di valutazione, deve essere presente almeno un membro del Consiglio di Amministrazione.

e. In caso di respingimento, il richiedente può ripresentare la richiesta di adesione trascorsi almeno 6 mesi dalla presentazione dell’ultima richiesta. Non è possibile presentare ricorso.

I membri operanti per conto di Mondo Internazionale Company sono inseriti attraverso un contratto di collaborazione volontario che può prevedere, salvo disponibilità di bilancio, una retribuzione secondo la normativa vigente in materia di lavoro subordinato o autonomo.

Articolo 5

CRITERI DI ESCLUSIONE DEI MEMBRI

L’espulsione dei membri dalla divisione di Mondo Internazionale Company viene regolata dall’art. 5 dello Statuo dell’Associazione Mondo Internazionale. In aggiunta, i membri della divisione Mondo Internazionale Company possono essere esclusi dalla medesima qualora risulti evidente l’impossibilità di svolgere con costanza e professionalità gli impegni assunti in tale sede. A deliberare sull’esclusione dei membri di Mondo Internazionale Company è il Consiglio di Amministrazione della stessa, il quale si esprime favorevolmente o contrariamente a maggioranza qualificata dei membri presenti alla votazione. Nei casi di assoluta urgenza, il Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale può mettere in atto le iniziative opportune, descritte a norma del cap. 1 art. 1 del Regolamento Unico dell’Associazione stessa.

Articolo 6

GLI ORGANI DELLA DIVISIONE

La divisione di Mondo Internazionale Company è composta dai seguenti organi:

a. Consiglio di Amministrazione;

b. Segreteria del Board.

Articolo 7

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

1. Il Consiglio di Amministrazione, denominato anche Board, è composto da tre Amministratori Delegati, dal CEO, dal COO e dal CFO.

2. Il Consiglio di Amministrazione è composto permanentemente da tre Amministratori Delegati che corrispondono ai tre membri della Presidenza dell’Associazione Mondo Internazionale, che possiedono diritto di voto. Qualora un Amministratore Delegato ricoprisse il ruolo di CEO, di COO, o di CFO è da intendersi che il diritto di voto vale uno, senza possibilità di cumulo.

3. Il Consiglio di Amministrazione ha il compito di supervisionare l’andamento generale di Mondo Internazionale Company e di stabilirne le linee guida per lo svolgimento delle attività.

4. Il Consiglio di Amministrazione deve agire sempre nell’interesse di Mondo Internazionale Company ed evitare qualsiasi forma di interesse personale;

5. Gli Amministratori Delegati devono verificare periodicamente il corretto svolgimento delle attività previste e il corretto svolgimento degli incarichi da parte del CEO, del CFO e del COO.

6. Il Consiglio di Amministrazione prevede, qualora ve ne sia la possibilità, la remunerazione economica annuale degli Amministratori Delegati, del CEO, del CFO e del COO.

7. Il Consiglio di Amministrazione delibera sulla gestione dei fondi della divisione, sulla ammissibilità dei finanziamenti e sulla gestione degli utili derivanti dalle attività della divisione. Altresì, il Consiglio di Amministrazione delibera sulle modalità e sulle destinazioni degli investimenti economici effettuati dalla divisione e sulla partecipazione di soggetti terzi alla gestione dei fondi della stessa.

8. Il Consiglio di Amministrazione delibera sulla stipula di accordi internazionali limitatamente alla divisione di Mondo Internazionale Company per l’operatività della stessa anche al di fuori del territorio italiano.

9. Il Consiglio di Amministrazione deve valutare sulle proposte di nomina degli Area Manager da parte del COO; il Consiglio di Amministrazione delibera a maggioranza qualificata sulla proposta di nomina.

10. Il Consiglio di Amministrazione deve approvare il bilancio della divisione entro il termine dell’anno fiscale.

Articolo 8

SEGRETERIA DEL BOARD

1. La Segreteria del Board è l’organo incaricato di gestire le esigenze amministrative quotidiane di Mondo Internazionale Company.

2. La Segreteria del Board è supervisionata dal CEO e ha il compito di fornire supporto all’organizzazione del lavoro del CEO, del COO e del CFO.

3. I membri della Segreteria del Board sono nominati dal CEO previa approvazione del Consiglio di Amministrazione.

4. La Segreteria del Board deve:

a. ritirare pacchi, lettere raccomandate ed assicurate presso gli uffici postali, le Ferrovie dello Stato, le compagnie di trasporto, le dogane, ed inoltrando ricorsi e reclami per qualsiasi titolo o causa, esigendo eventuali indennizzi;

b. predisporre preventivi per coloro che richiedano servizi di consulenza o di qualsiasi altro genere alla divisione;

c. predisporre i contratti per il personale dipendente e per i collaboratori esterni della divisione;

e. archiviare tutta la documentazione relativa all’attività della divisione;

f. organizzare l’amministrazione della divisione e controllare l’adempimento ai relativi obblighi imposti dalla legge dello Stato italiano, con la documentazione necessaria e richiesta;

g. supportare il Consiglio di Amministrazione nello svolgimento dell’attività di organizzazione e gestione della divisione;

h. effettuare acquisti nell’ambito dello svolgimento delle attività Associative, impegnando la divisione per tutti i diritti e le obbligazioni che possono derivarle, nei limiti dei programmi approvati dal Consiglio di Amministrazione;

i. effettuare e ritirare depositi cauzionali presso i ministeri, gli uffici del debito pubblico, le casse depositi e prestiti, l’Intendenza di Finanza, gli uffici doganali, i Comuni, le Regioni e ogni altro Ufficio, ente governativo e privato; altrettanto per normali utenze (telefono, elettricità, gas, ecc.) e per forniture di beni a terzi;

j. riscuotere crediti della divisione per qualunque importo;

k. disporre pagamenti, emettere e girare assegni bancari, far emettere vaglia, effettuare prelievi da conti correnti bancari e postali attivi ed allo scoperto nell’ambito dei fidi disponibili; scontare titoli di credito;

l. acquistare, vendere, permutare o prendere in locazione finanziaria: impianti, macchinari e loro accessori, attrezzature, arredi, computer, automezzi, svolgendo, ove necessario, pratiche presso i pubblici registri ed altri uffici competenti;

m. prendere in locazione unità abitative da terzi, locali per uffici, magazzini, depositi, connessi all'attività Associativa;

n. stipulare contratti con società ed istituti di assicurazione, firmando le relative polizze con facoltà di svolgere qualsiasi pratica relativa a liquidazione di danni e indennità;

o. provvedere al pagamento delle periodiche competenze di natura salariale del personale dipendente, nonché dei contributi e relativi adempimenti obbligatori;

p.porre in essere tutti gli adempimenti in ambito antinfortunistico a tutela dei dipendenti e collaboratori, adottando tutte le necessarie cautele e fornendo agli stessi la necessaria formazione allo scopo di evitare e prevenire ogni possibile rischio generico o specifico al quale essi possano essere esposti;

q. trattare rapporti di assistenza e consulenza con professionisti che abbiano durata continuativa od occasionale e che interessino questioni legali, amministrative, fiscali, tecniche, promozione, ecc. da proporre per la firma al CEO;

r. rilasciare certificazioni, anche fiscali e controllare dichiarazioni dei redditi, IVA, estratti dei libri paga ed attestazioni riguardanti il personale sia per Enti previdenziali, assicurativi, mutualistici, che per gli altri enti pubblici o privati, nonché rappresentare la divisione innanzi agli uffici finanziari, chiedendo e riscuotendo eventuali rimborsi rappresentando e consultando il Consiglio di Amministrazione.

5. La Segreteria del Board ha l’obbligo di richiedere il consenso e la firma del CEO al momento della stipula di accordi e/o contratti per l’adempimento delle funzioni previste. L’accettazione di contratti di qualsiasi natura da parte della divisione di Mondo Internazionale Company è inequivocabilmente sottoposta alla firma del CEO della divisione.

6. I membri della Segreteria del Board hanno il dovere di mantenere la riservatezza più assoluta in merito ai dati amministrati.

7. I membri della Segreteria del Board si assumono la piena responsabilità nello svolgimento delle attività indicate e l’onere della riparazione verso l’Associazione Mondo Internazionale in caso di danni derivanti da negligenza e/o inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni.

Cariche principali

Articolo 9

AMMINISTRATORE DELEGATO

1. Mondo Internazionale Company è composta da tre Amministratori Delegati.

2. L’Amministratore Delegato di Mondo Internazionale Company è una figura, a carattere permanente, rappresentata dal Presidente, dal Vice-Presidente e dal Consigliere dell’Associazione Mondo Internazionale.

3. Gli Amministratori Delegati di Mondo Internazionale Company si intendono figure incaricate di supervisionare la gestione della divisione a fianco del CEO della stessa.

4. Gli Amministratori Delegati, similmente a quanto previsto per la carica di Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale, devono presentare doti di leadership, ovvero capacità di identificare i problemi più importanti e di guidare la divisione con obiettività ed equilibrio, favorendo l'apporto di tutti i membri del Consiglio di Amministrazione, nonché di assistere il Consiglio stesso nelle decisioni che abbiano carattere di urgenza.

4. L’Amministratore Delegato deve:

a. garantire il buon funzionamento del Consiglio di Amministrazione e ne rappresenta le posizioni all’interno della divisione e all’esterno ad essa;

b. assicurare il rispetto delle norme di legge e delle regole interne;

c. delineare l’ordine del giorno insieme al CEO della divisione;

d. rappresentare ma non sostituirsi al Consiglio di Amministrazione nel dettare obiettivi o nel porre vincoli al personale, ad eccezione dei casi di urgenza in cui la capacità decisionale del Consiglio di Amministrazione è compromessa da questioni interne o da cause di forza maggiore;

e. delegare le proprie funzioni, qualora necessario, pur continuando a risponderne;

f. trattare e stipulare accordi per conto della di Mondo Internazionale Company insieme al CEO secondo le linee guida indicate dal Consiglio di Amministrazione;

g. rappresentare la divisione in sede legale. Qualora gli Amministratori Delegati ne sia impossibilitati, possono delegare tale mansione al CEO di Mondo Internazionale Company;

h. coordinare e supervisionare la gestione della divisione insieme al CEO, al COO e al CFO;

i. tutelare l'immagine e la credibilità di Mondo Internazionale Company;

j. aprire conti correnti bancari e postali, concordare e definire le linee di affidamento con istituti di credito finanziari, richiedendo, qualora necessario, l’intervento del CFO;

k. compiere tutte le operazioni inerenti cassette di sicurezza costituite o da costituire presso gli istituti di credito coordinandosi con il CEO.

5. Deve essere stipulata una polizza di responsabilità civile per gli Amministratori Delegati che copra i rischi inerenti al suo ruolo di rappresentante della divisione, non appena le disponibilità economiche della divisione lo permettano.

6. Gli Amministratori Delegati, in caso di assoluta urgenza per il rispetto delle normative vigenti, adottano tutte le misure necessarie, sostituendosi al Consiglio di Amministrazione per un tempo limitato. Gli Amministratori Delegati hanno tempo 30 giorni per fornire una relazione di quanto accaduto al Consiglio di Amministrazione e rimettere le decisioni allo stesso che deve deliberare a maggioranza qualificata sull’operato degli Amministratori Delegati. Qualora le normative vigenti siano state infrante inequivocabilmente da un membro del Consiglio di Amministrazione, quest’ultimo deve essere escluso immediatamente da ogni attività della divisione e del Consiglio in attesa che lo stesso si pronunci sulle misure da adottare. Gli Amministratori Delegati hanno il compito di presentare una relazione scritta che informi singolarmente ciascun membro del Consiglio di Amministrazione su quanto accaduto, entro 3 giorni dall’esclusione del membro.

7. Tutte le informazioni che gli Amministratori Delegati trattano in merito all’Associazione Mondo Internazionale ed alla sua organizzazione delle attività interne ed esterne sono da ritenersi confidenziali e fatto divieto di divulgazione. Lo stesso si applica per la divisione di Mondo Internazionale Company, in tutte le sue parti.

8. Gli Amministratori Delegati, in quanto rappresentanti legali della divisione, devono avere accesso in qualsiasi momento a tutti i documenti dell’Associazione Mondo Internazionale e della divisione; ai software, ai programmi informatici e non informatici in modalità admin; al conto bancario; alle cassette di sicurezza; alla sede legale e/o operativa dell’Associazione e a qualsiasi bene mobile e immobile dell’Associazione.

9. Nel contesto internazionale in cui opera l’Associazione è identificato come “Chief of Mondo Internazionale Company”.

10. Gli Amministratori Delegati si assumono la piena responsabilità nello svolgimento delle attività indicate e l’onere della riparazione verso l’Associazione Mondo Internazionale e la divisione in caso di danni derivanti da negligenza e/o inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni. Essi rispondono civilmente e penalmente qualora il danno causato preveda la possibilità di ricorso ad azioni legali nei loro confronti.

Articolo 10

CEO – Chief Executive Officer

1. Il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale, per il primo anno di attività, elegge a maggioranza qualificata, su proposta della Presidenza, il CEO - Chief Executive Officer di Mondo Internazionale Company, che deve essere nominato tra i 3 membri del Consiglio di Amministrazione o individuato, qualora loro fossero impossibilitati a svolgerlo, in un soggetto terzo. A partire dal secondo anno di attività, il CEO – Chief Executive Officer di Mondo Internazionale è nominato a maggioranza qualificata dal Consiglio di Amministrazione ogni 2 anni.

2. Il mandato ha durata di 2 anni ed è rinnovabile. Il CEO può dimettersi in qualsiasi momento informando preventivamente il Consiglio di Amministrazione per iscritto 90 giorni prima dalle effettive dimissioni, salvo diverso accordo tra le Parti. Qualora il Consiglio di Amministrazione lo ritenga necessario può revocare la carica di CEO di Mondo Internazionale Company attraverso voto unanime escluso il CEO stesso dalla votazione, motivando la decisione per iscritto e comunicandola attraverso i canali ufficiali. La decisione del Consiglio di Amministrazione ha effetto a partire da 3 giorni dalla comunicazione.

3. Il CEO ha in carico la gestione amministrativa di Mondo Internazionale Company e deve valutare l’assetto amministrativo, organizzativo e contabile di quest’ultima, intervenendo qualora emergano delle problematiche alla gestione interna.

4. Il CEO deve:

a. organizzare e supervisionare l’amministrazione, la contabilità e l’assetto operativo di Mondo Internazionale Company;

b. fornire periodicamente una panoramica sugli scenari presenti e futuri di Mondo Internazionale Company al Consiglio di Amministrazione;

c. coordinare la gestione della divisione insieme al COO e al CFO;

d. gestire la formulazione e la stipula di accordi di collaborazione con partner e/o enti terzi;

e. verificare che l’operato della divisione rispetti le disposizioni di legge dello Stato italiano, le normative interne all’Associazione Mondo Internazionale e il presente regolamento;

f. dare attuazione alle decisioni e delibere del Consiglio di Amministrazione in merito alle linee guida stabilite per il funzionamento della divisione;

g. scegliere liberamente gli strumenti più idonei per conseguire gli obiettivi stabiliti dal Consiglio di Amministrazione, salvo disposizioni specifiche formulate dallo stesso;

h. partecipare a incontri di rappresentanza in nome della divisione Mondo Internazionale Company;

i. dare attuazione ai piani di bilancio predisposti dal CFO;

j. intrattenere i rapporti con enti pubblici e privati con cui è opportuno collaborare per il conseguimento degli obiettivi fissati dal Consiglio di Amministrazione, nel rispetto delle norme di legge e della riservatezza;

k. rispondere dell’operato del personale e gestirlo nel rispetto delle norme fissate dal Consiglio di Amministrazione e dei contratti di lavoro; non deve impedire ad alcun dipendente di rivolgersi al Consiglio di Amministrazione per segnalare violazioni di disposizioni interne;

l. convocare, con cadenza periodica e almeno una volta ogni due settimane, una riunione del Consiglio di Amministrazione;

m. predisporre l’ordine del giorno delle riunioni del Consiglio di Amministrazione;

n. assumere, promuovere, sospendere, licenziare il personale.

5. Al CEO e, su sua delega, al COO, il Consiglio di Amministrazione attribuisce inoltre i seguenti poteri da esercitare a firma congiunta con gli Amministratori Delegati:

a. esercitare le funzioni di rappresentante legale, su richiesta degli Amministratori Delegati, per i rapporti tributari, con poteri tra l'altro di rappresentare l’Associazione nei confronti dell'amministrazione finanziaria, delle commissioni tributarie in ogni grado di giurisdizione, con facoltà di trattare, discutere, negoziare e firmare qualsiasi domanda, istanza e ricorso, in nome e per conto dell'associazione, con specifico potere di mandato, a sottoscrivere le dichiarazioni dei redditi, certificazioni fiscali ed ogni altra dichiarazione richiesta dall'amministrazione finanziaria, quelle dell’IVA e quelle delle imposte dirette e/o indirette;

b. adottare tutte le necessarie misure atte a prevenire violazioni dell’obbligo della privacy con facoltà di nominare dei responsabili preposti al trattamento informatico di dati personali;

c. compiere ogni altro atto rientrante nell'ordinaria amministrazione, secondo i programmi ed entro i limiti di spesa approvati dal Comitato Direttivo.

6. Il CEO può avere accesso, con autorizzazione del Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale, o in sua vece del Vice – Presidente, a tutti i documenti; ai software, ai programmi informatici e non informatici in modalità admin; al conto bancario; alle cassette di sicurezza; alla sede legale e/o operativa dell’Associazione e a qualsiasi bene mobile e immobile dell’Associazione.

Gli accessi consentiti permanentemente sono:

a. tutti i documenti presso la sede legale e/o operativa;

b. conto bancario;

c. sistemi informatici e non informatici, ad esclusione del server e del dominio.

7. Tutte le informazioni che il CEO tratta in merito all’Associazione Mondo Internazionale ed alla sua organizzazione delle attività interne ed esterne sono da ritenersi confidenziali e fatto divieto di divulgazione. Lo stesso si applica per la divisione di Mondo Internazionale Company, in tutte le sue parti.

8. Nel contesto internazionale in cui opera la divisione è identificato come il “CEO of Mondo Internazionale Company”.

9. Il CEO si assume la piena responsabilità nello svolgimento delle attività indicate e l’onere della riparazione verso l’Associazione Mondo Internazionale e la divisione in caso di danni derivanti da negligenza e/o inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni. Egli risponde civilmente e penalmente qualora il danno causato preveda la possibilità di ricorso ad azioni legali nei suoi confronti.

Articolo 11

COO – Chief Operations Officer

1. Il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale, per il primo anno di attività, elegge a maggioranza qualificata, su proposta della Presidenza, il COO – Chief Operations Officer di Mondo Internazionale Company, che deve essere nominato tra i 3 membri del Consiglio di Amministrazione o individuato, qualora questi fossero impossibilitati a svolgerlo, in un soggetto terzo. A partire dal secondo anno di attività, il COO – Chief Operations Officer di Mondo Internazionale è nominato a maggioranza qualificata dal Consiglio di Amministrazione ogni 3 anni.

2. Il mandato ha durata di 3 anni ed è rinnovabile. Il COO può dimettersi in qualsiasi momento informando preventivamente il Consiglio di Amministrazione per iscritto 90 giorni prima dalle effettive dimissioni, salvo diverso accordo tra le Parti. Qualora il Consiglio di Amministrazione lo ritenga necessario può revocare la carica di COO di Mondo Internazionale Company attraverso voto unanime, motivando la decisione per iscritto e comunicandola attraverso i canali ufficiali. La decisione del Consiglio di Amministrazione ha effetto a partire da 3 giorni dalla comunicazione.

3. Il COO ha in carico la gestione delle varie figure professionali all’interno di Mondo Internazionale Company e ha il compito di coordinare tali figure nello svolgimento delle rispettive mansioni.

4. Il COO deve:

a. dirigere il personale della divisione che opera in Italia e all’estero;

b. dirigere i piani di lavoro e i relativi budget in Italia e all’estero;

c. dirigere l’attività degli uffici e la loro organizzazione in Italia e all’estero;

d. dirigere l’attività amministrativa della divisione;

e. partecipare agli incontri nazionali ed internazionali a carattere operativo in cui è necessario programmare l’attività dell’Associazione;

f. affiancare il CEO nella stipula di accordi che riguardino l’operatività della divisione;

g. organizzare e supervisionare la Segreteria del Board;

h. fornire analisi e prospettive sulle attività svolte all’interno della divisione;

i. coordinare l’apertura di nuovi sedi della divisione in Italia e all’estero;

j. nominare gli Area Manager, previa approvazione del Consiglio di Amministrazione;

k. coordinare l’organizzazione dei team di lavoro interni alla divisione e verificare che gli Area Manager adempiano ai propri compiti in linea con le responsabilità e le linee guida previste;

l. definire le competenze specifiche del personale dipendente e dei collaboratori esterni.

5. Il COO può avere accesso, con autorizzazione del Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale, o in sua vece del Vice – Presidente, a tutti i documenti del personale; ai software, ai programmi informatici e non informatici in modalità gestore; al conto bancario; alla sede legale e/o operativa dell’Associazione e a qualsiasi bene mobile e immobile dell’Associazione per lo svolgimento delle attività Associative.

Gli accessi consentiti permanentemente sono:

a. tutti i documenti presso la sede legale e/o operativa in merito alla gestione del personale;

b. sistemi informatici e non informatici, ad esclusione del server e del dominio.

6. Tutte le informazioni che il COO tratta in merito all’Associazione Mondo Internazionale ed alla sua organizzazione delle attività interne ed esterne sono da ritenersi confidenziali e fatto divieto di divulgazione. Lo stesso si applica per la divisione di Mondo Internazionale Company, in tutte le sue parti.

7. Nel contesto internazionale in cui opera la divisione è identificato come il “COO of Mondo Internazionale Company”.

8. Il COO si assume la piena responsabilità nello svolgimento delle attività indicate e l’onere della riparazione verso l’Associazione Mondo Internazionale e la divisione in caso di danni derivanti da negligenza e/o inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni. Egli risponde civilmente e penalmente qualora il danno causato preveda la possibilità di ricorso ad azioni legali nei suoi confronti.

Articolo 12

CFO – Chief Financial Officer

1. Il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale, per il primo anno di attività, elegge a maggioranza qualificata, su proposta della Presidenza, il CFO – Chief Financial Officer di Mondo Internazionale Company, che deve essere nominato tra i 3 membri del Consiglio di Amministrazione o individuato, qualora questi fossero impossibilitati a svolgerlo, in un soggetto terzo. A partire dal secondo anno di attività, il CFO – Chief Financial Officer di Mondo Internazionale è nominato a maggioranza qualificata dal Consiglio di Amministrazione ogni 3 anni.

2. Il mandato ha durata di 3 anni ed è rinnovabile. Il CFO può dimettersi in qualsiasi momento informando preventivamente il Consiglio di Amministrazione per iscritto 90 giorni prima dalle effettive dimissioni, salvo diverso accordo tra le Parti. Qualora il Consiglio di Amministrazione lo ritenga necessario può revocare la carica di CFO di Mondo Internazionale Company attraverso voto unanime, motivando la decisione per iscritto e comunicandola attraverso i canali ufficiali. La decisione del Consiglio di Amministrazione ha effetto a partire da 3 giorni dalla comunicazione.

3. Il CFO ha in carico la gestione finanziaria di Mondo Internazionale Company e deve vigilare attentamente sul buon uso del capitale a disposizione, regolare la portata degli investimenti, fornire previsioni sull’andamento economico di Mondo Internazionale Company, fissare le quote di compenso per gli incarichi svolti dai collaboratori di Mondo Internazionale Company e predisporre un bilancio interno.

4. Il CFO deve:

a. fissare compensi e benefici dei collaboratori entro i limiti usuali per la professionalità impiegata e nel rispetto delle norme vigenti in materia di lavoro, consultando preventivamente il Consiglio di Amministrazione;

b. predisporre un bilancio annuale da presentare al Consiglio di Amministrazione al termine di ogni anno fiscale;

c. prevedere le entrate e le uscite economiche della divisione durante lo svolgimento delle attività;

d. predisporre un Business Plan annuale da presentare al Consiglio di Amministrazione per prevedere l’impiego delle risorse economiche della divisione nello svolgimento delle attività. Il Business Plan redatto può essere utilizzato anche per la richiesta di fondi e/o finanziamenti da parte di enti pubblici e/o privati;

e. affiancare il Consiglio di Amministrazione nell’analisi economica e finanziaria della divisione e consigliare in merito alla possibilità di richiedere fondi e o finanziamenti da parte di enti pubblici e/o privati;

f. Valutare l’impatto economico sul bilancio degli investimenti effettuati per sviluppare o portare avanti le attività e i progetti della divisione;

g. affiancare la Segreteria del Board, qualora richiesto, per l’elaborazione di preventivi per i servizi che la divisione offre verso soggetti terzi;

h. gestire le operazioni sul capitale proprio (acquisizioni, fusioni, cessioni);

i. gestire la tesoreria e i finanziamenti e rapporti con terzi in merito alle attività economiche della divisione;

j. predisporre e sviluppare degli studi interni in merito a investimenti industriali e finanziari.

5. Il CFO può avere accesso, con autorizzazione del Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale, o in sua vece del Vice – Presidente, a tutti i documenti del personale; ai software, ai programmi informatici e non informatici in modalità gestore; al conto bancario; alla sede legale e/o operativa dell’Associazione e a qualsiasi bene mobile e immobile dell’Associazione per lo svolgimento delle attività Associative.

Gli accessi consentiti permanentemente sono:

a. tutti i documenti presso la sede legale e/o operativa in merito alla gestione del personale;

c. sistemi informatici e non informatici, ad esclusione del server e del dominio.

6. Tutte le informazioni che il CFO tratta in merito all’Associazione Mondo Internazionale ed alla sua organizzazione delle attività interne ed esterne sono da ritenersi confidenziali e fatto divieto di divulgazione. Lo stesso si applica per la divisione di Mondo Internazionale Company, in tutte le sue parti.

7. Nel contesto internazionale in cui opera la divisione è identificato come il “CFO of Mondo Internazionale Company”.

8. Il CFO si assume la piena responsabilità nello svolgimento delle attività indicate e l’onere della riparazione verso l’Associazione Mondo Internazionale e la divisione in caso di danni derivanti da negligenza e/o inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni. Egli risponde civilmente e penalmente qualora il danno causato preveda la possibilità di ricorso ad azioni legali nei suoi confronti.

Articolo 13

AREA MANAGER

1. L’Area Manager di Mondo Internazionale Company viene nominato a maggioranza qualificata da parte del Consiglio di Amministrazione su proposta del COO della divisione.

2. Il mandato ha durata di 2 anni ed è rinnovabile. L’Area Manager può dimettersi in qualsiasi momento informando preventivamente il Consiglio di Amministrazione e il COO per iscritto 90 giorni prima dalle effettive dimissioni, salvo diverso accordo tra le Parti. Qualora il Consiglio di Amministrazione lo ritenga necessario può revocare la carica di Area Manager di Mondo Internazionale Company attraverso voto a maggioranza qualificata, motivando la decisione per iscritto e comunicandola attraverso i canali ufficiali. La decisione del Consiglio di Amministrazione ha effetto a partire da 3 giorni dalla comunicazione.

3. L’Area Manager di Mondo Internazionale Company si occupa di organizzare e supervisionare l’attività della divisione relativamente a un settore specifico. Il settore di competenza viene specificato nella qualifica di Area Manager così come segue: Area Manager – Settore.

4. L’Area Manager deve:

a. garantire che il personale dipendente e i collaboratori della divisione, i quali operano nel settore di sua competenza, svolgano le attività previste nel rispetto del presente regolamento;

b. organizzare le attività, previste dal Consiglio di Amministrazione e dal CEO, per il settore di competenza;

c. informare il COO sulle modalità previste per lo svolgimento delle attività;

d. riportare periodicamente, attraverso la reportistica necessaria, l’andamento delle attività del settore di competenza fornendo un quadro generale della situazione e pareri su come aumentare la produttività delle attività e progetti;

e. supportare il CFO nella previsione di costi e ricavi delle attività svolte nel settore di competenza;

f. fornire supporto al personale dipendente e ai collaboratori della divisione qualora sorgano problemi relativi allo svolgimento delle attività;

g. informare tempestivamente il COO e il CEO qualora sorgano problematiche relative a uno o più soggetti che operano nel settore di competenza;

h. proporre all’approvazione del COO la nomina dei Project Manager di Mondo Internazionale Company.

5. L’Area Manager deve avere cura dell’immagine dell’Associazione Mondo Internazionale e della divisione Mondo Internazionale Company nell’esercizio delle sue funzioni, operando nella maniera più trasparente e oggettiva possibile.

6. L’Area Manager ha il compito di tutelare eventuali informazioni e/o dati sensibili appartenenti all’Associazione Mondo Internazionale e alla divisione durante lo svolgimento delle sue funzioni.

7. L’Area Manager può avere accesso alla documentazione legale, contabile e operativa dell’Associazione Mondo Internazionale e della divisione Mondo Internazionale Company inoltrando richiesta formale e scritta al COO. Il COO ha il compito di fornire una risposta positiva o negativa alla richiesta entro 7 giorni dalla ricezione di essa.

8. Tutte le informazioni che l’Area Manager tratta in merito all’Associazione Mondo Internazionale ed alla sua organizzazione delle attività interne ed esterne sono da ritenersi confidenziali e fatto divieto di divulgazione. Lo stesso si applica per la divisione di Mondo Internazionale Company, in tutte le sue parti.

9. Nel contesto internazionale in cui opera la divisione è identificato come il “Area Manager – Sector of Mondo Internazionale Company”.

10. L’Area Manager si assume la piena responsabilità nello svolgimento delle attività indicate e l’onere della riparazione verso l’Associazione Mondo Internazionale e la divisione in caso di danni derivanti da negligenza e/o inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni. Egli risponde civilmente e penalmente qualora il danno causato preveda la possibilità di ricorso ad azioni legali nei suoi confronti. Qualora il danno causato sia attribuibile a inadempienza dei compiti previsti in capo al COO di Mondo Internazionale Company, quest’ultimo risponde civilmente e penalmente dell’operato dell’Area Manager di Mondo Internazionale Company.

Articolo 14

PROJECT MANAGER

1. Il Project Manager di Mondo Internazionale Company è nominato dall’Area Manager del settore di attività, previa approvazione del COO della divisione. Il mandato ha durata di 2 anni ed è rinnovabile. Il Project Manager può dimettersi in qualsiasi momento informando preventivamente l’Area Manager e il COO per iscritto 90 giorni prima dalle effettive dimissioni, salvo diverso accordo tra le Parti. Qualora il Consiglio di Amministrazione lo ritenga necessario può revocare la carica di Project Manager di Mondo Internazionale Company attraverso voto a maggioranza qualificata, motivando la decisione per iscritto e comunicandola attraverso i canali ufficiali. La decisione del Consiglio di Amministrazione ha effetto a partire da 3 giorni dalla comunicazione.

2. Il Project Manager di Mondo Internazionale Company è il responsabile di tutte le attività del progetto assegnato, che deve dirigere e coordinare secondo le linee guida fornite dall’Area Manager del settore in cui il progetto viene sviluppato.

3. Il Project Manager deve:

a. comunicare con gli altri Project Manager, anche di settori differente, per favorire la creazione di sinergie tra i diversi progetti e settori;

b. fornire continuamente e/o su richiesta dell’Area Manager un quadro chiaro e delineato delle sue attività;

c. organizzare il lavoro del personale dipendente e dei collaboratori della divisione con lo scopo di raggiungere gli obiettivi prefissati;

d. implementare le modalità di svolgimento del progetto stabilite dall’Area Manager;

e. non ostacolare in alcun modo il corretto svolgimento delle attività, favorendo il dialogo e la collaborazione all’interno del progetto.

4. Il Project Manager può nominare due Vice – Project Manager, previa approvazione dell’Area Manager, i quali possono sostituirlo in caso di assenza e possono affiancarlo nello svolgimento dei compiti quotidiani. Quando il Vice – Project Manager sostituisce la figura del Project Manager, si assume anche la responsabilità delle azioni intraprese durante il suo periodo di gestione.

5. Tutte le informazioni che il Project Manager tratta in merito all’Associazione Mondo Internazionale e alla divisione, soprattutto riguardo all’organizzazione delle attività interne ed esterne, sono da ritenersi confidenziali e fatto divieto di divulgazione. In caso vengano richieste delle conoscenze ed informazioni al di fuori dell’Associazione Mondo Internazionale e della divisione, eventuali comunicazioni devono essere approvate dal Comitato Direttivo e/o dal Consiglio di Amministrazione su richiesta scritta da parte del Project Manager interessato.

6. In caso di danni recati all’Associazione Mondo Internazionale e alla divisione che siano dovuti a negligenza, divulgazione di informazioni a persone non autorizzate, dimissioni impreviste tutto ciò che riguarda danni compiuti con dolo ed intenzionalità, la persona incaricata deve riparare il danno nel minor tempo possibile. In caso di controversie si ritiene competente il Foro di Milano.

7. Il Project Manager deve avere cura dell’immagine dell’Associazione Mondo Internazionale e della divisione Mondo Internazionale Company nell’esercizio delle sue funzioni, operando nella maniera più trasparente e oggettiva possibile.

8. Il Project Manager può avere accesso alla documentazione legale, contabile e operativa dell’Associazione Mondo Internazionale e della divisione Mondo Internazionale Company inoltrando richiesta formale e scritta al COO. Il COO ha il compito di fornire una risposta positiva o negativa alla richiesta entro 7 giorni dalla ricezione di essa.

9. Tutte le informazioni che il Project Manager tratta in merito all’Associazione Mondo Internazionale ed alla sua organizzazione delle attività interne ed esterne sono da ritenersi confidenziali e fatto divieto di divulgazione. Lo stesso si applica per la divisione di Mondo Internazionale Company, in tutte le sue parti.

10. Nel contesto internazionale in cui opera la divisione è identificato come il “Project Manager of Mondo Internazionale Company”.

11. Il Project Manager si assume la piena responsabilità nello svolgimento delle attività indicate e l’onere della riparazione verso l’Associazione Mondo Internazionale e la divisione in caso di danni derivanti da negligenza e/o inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni. Egli risponde civilmente e penalmente qualora il danno causato preveda la possibilità di ricorso ad azioni legali nei suoi confronti. Qualora il danno causato sia attribuibile a inadempienza dei compiti previsti in capo all’Area Manager di Mondo Internazionale Company, quest’ultimo risponde civilmente e penalmente dell’operato del Project Manager di Mondo Internazionale Company.

Organizzazione della divisione

Articolo 15

I MEMBRI

1. Coloro che intendono diventare membri della divisione Mondo Internazionale Company devono risultare, al momento di presentazione della richiesta, Associati ordinari dell’Associazione Mondo Internazionale.

2. Per la candidatura alla divisione Mondo Internazionale Company, la richiesta di associazione a essa deve essere accompagnata da Curriculum Vitae del candidato e lettera motivazionale.

3. Sull'ammissione delle domande, di cui ai precedenti articoli, decide il Comitato Direttivo, con proprio insindacabile giudizio nella prima seduta che terrà dopo la presentazione della domanda o in quella immediatamente successiva, qualora si renda necessario acquisire agli atti ulteriori chiarimenti o elementi conoscitivi. Al fine di semplificare l’ammissione il Comitato Direttivo può eleggere a maggioranza qualificata un delegato all’interno dello stesso che controlli e deliberi le domande di ammissione.

4. La richiesta di associazione a Mondo Internazionale viene effettuata attraverso domanda scritta tramite il modulo “diventa associato” presente sul sito mondointernazionale.com. Al modulo di richiesta di associazione va inserita una autocertificazione in cui il candidato dichiari se ha subito condanne penali o ha cariche penali pendenti in Italia o all’estero, specificando, nel caso, i reati per i quali è stato condannato o risulta indagato. A tale modulo è necessario allegare una copia di un documento di riconoscimento in corso di validità (Carta d’Identità o Passaporto), conforme secondo le disposizioni di legge dello Stato italiano, e una copia del Curriculum Vitae. È necessario inserire, inoltre, l’accettazione dei diritti per la tutela della privacy e l’assunzione di ogni responsabilità civile e penale per ogni attività svolta all’interno dell’Associazione, compresa la responsabilità di ciò che viene divulgato a titolo personale per mezzo di canali di Mondo Internazionale.

5. Specificando quanto previsto dall’art. 4 dello Statuto di Mondo Internazionale, il Comitato Direttivo può nominare Associati Ordinari coloro che hanno particolare competenza nei settori interessanti le attività dell’Associazione.

6. Gli Associati Ordinari che presentano le loro dimissioni per poter assumere un incarico retribuito nell’Associazione, al termine di tale incarico possono presentare domanda di riammissione come Associati Ordinari.

7. Gli Associati ordinari ed onorari hanno diritto di voto nell'Assemblea ed hanno altresì diritto all'elettorato attivo e passivo per la nomina delle cariche sociali dell’Associazione. Gli Associati ordinari ed onorari possono farsi rappresentare nell' Assemblea da un altro Associato ordinario; nessun associato, tuttavia, può possedere più di tre deleghe. Non sono ammesse deleghe per l'elezione del Comitato Direttivo.

8. Gli associati sono tenuti a versare la quota annuale di iscrizione nell’ammontare e con le modalità stabilite ogni anno dal Comitato Direttivo.

L’effettiva ammissione è determinata da un e-mail ufficiale che attesta l’associazione presso Mondo Internazionale.

9. La qualifica di associato si perde nei casi previsti dall'art. 5 dello Statuto. L’esclusione di un associato dall'Associazione è deliberata dall’Assemblea su proposta del Comitato Direttivo qualora l’Associato non osservi le disposizioni contenute nello Statuto, in questo regolamento ed in qualsiasi altro atto adottato dagli organi dell’Associazione, ovvero le delibere assunte dagli organi competenti, svolga attività contrastanti con gli interessi dell'Associazione, la danneggi materialmente o moralmente, fomenti dissidi e disordini tra gli associati, non adempia agli obblighi assunti verso l'Associazione.

10. I casi di associati inefficienti o dannosi devono essere segnalati alla Presidenza da ciascun associato che ne abbia notizia. Il Segretario Generale, esperita l’attività istruttoria di concerto se del caso con il Vice-Presidente, riferisce in forma scritta al Presidente che in sede di riunione del Comitato Direttivo adotterà gli opportuni provvedimenti, anche ai sensi dell’art. 5 dello Statuto. Nei casi di assoluta urgenza, il Presidente assumerà le iniziative opportune a norma del cap. 1 art. 3 del Regolamento Unico dell’Associazione Mondo Internazionale.

11. L’Associato deceduto o escluso o gli eredi dell’associato deceduto non hanno diritto di ripetere le quote eventualmente versate, né possono accampare alcun diritto sui beni mobili ed immobili dell'Associazione e sono tenuti a far fronte alle obbligazioni validamente assunte dall’associato in costanza di rapporto societario.

12. L’Associato ordinario, il quale non abbia versato la quota associativa, come previsto dal comma 6 del presente articolo, per un periodo di tre mesi a seguito di due richiami scritti da parte dell’Associazione effettuati a tre mesi di distanza l’uno dall’altro, decade dalla qualifica su decisione del Comitato Direttivo.

Articolo 16

ORGANIZZAZIONE

1. La divisione Mondo Internazionale Company ha l’obiettivo di operare nel settore dell’impresa sociale fornendo un servizio di consulenza a terzi riguardo ai settori in cui l’Associazione Mondo Internazionale opera. L’erogazione del servizio viene effettuata attraverso il lavoro dei membri della divisione, che possono essere suddivisi in personale dipendente, collaboratori o volontari al progetto. Può essere prevista una retribuzione per le mansioni svolte qualora le disponibilità economiche della divisione Mondo Internazionale Company e/o dell’Associazione Mondo Internazionale lo permettano.

2. Le attività generali della divisione vengono definite e pianificate dal Consiglio di Amministrazione della divisione Mondo Internazionale Company insieme al Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale.

3. Il CEO, il COO, il CFO e tutte le altre figure che operano in Mondo Internazionale Company hanno il compito di implementare le linee guida stabilite dal Consiglio di Amministrazione, verificando che tutte le attività e i progetti condotti le rispettino in ogni loro aspetto.

4. Il Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company può deliberare, durante le riunioni periodiche, per l’adozione di regolamenti interni alla divisione che ne garantiscano un’efficiente organizzazione in base all’evoluzione delle attività della stessa.

Articolo 17

MARCHIO

1. Il marchio di Mondo Internazionale Company è:

L’utilizzo del marchio di Mondo Internazionale Company da qualsiasi suo membro deve essere autorizzato dal Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company. Il marchio deve essere riprodotto fedelmente nei caratteri e nel colore. Il marchio di Mondo Internazionale Company è tutelato nella stessa modalità del marchio dell’Associazione Mondo Internazionale.

2. Tale nome e marchio sono tutelati in Italia e nei principali Paesi esteri in cui si svolgono programmi dell'Associazione e della divisione.

3. Nel caso delle Associazioni “Mondo Internazionale – Nazione” il logo indicato al cap. 7 art. 36 comma 1 del Regolamento Unico dell’Associazione Mondo Internazionale prevede l’aggiunta della “Nazione” di riferimento.

Articolo 18

ATTIVITÀ

1. L’attività di Mondo Internazionale Company è programmata in cicli annuali attraverso piani di lavoro stabiliti dal Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company e dal Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale.

2. Le attività di Mondo Internazionale Company prevedono la fornitura di servizi di consulenza a terzi. L’erogazione di tali servizi è coordinata dalla Segreteria del Board. Le modalità operative per lo svolgimento delle attività e dei progetti sono definite dal Consiglio di Amministrazione; la loro implementazione è supervisionata dal CEO e dal COO.

3. I diversi settori coinvolti nei servizi di consulenza sono coordinati e supervisionati dall’Area Manager, che deve verificare l’implementazione delle modalità operative da parte dei gruppi di lavoro. I Project Manager sono incaricati di coordinare tutti i partecipanti al progetto e di informare frequentemente i responsabili delle attività sugli sviluppi.

4. La Segreteria del Board è incaricata di informare i responsabili delle attività sulle necessità e le tempistiche stabilite al momento della presa in carico della consulenza. Altresì, la Segreteria del Board deve predisporre dei preventivi, completi di tutti i costi previsti per l’erogazione del servizio, da inviare al richiedente prima dell’inizio della consulenza.

Utilizzo del sistema informatico

PREMESSA

La progressiva diffusione delle nuove tecnologie informatiche, ed in particolare il libero accesso alla rete Internet dai Personal Computer, espone Mondo Internazionale ai rischi di un coinvolgimento sia patrimoniale sia penale, creando problemi alla sicurezza e all’immagine dell’Associazione stessa.

Premesso quindi che l’utilizzo delle risorse informatiche e telematiche della nostra Associazione deve sempre ispirarsi al principio della diligenza e correttezza, comportamenti che normalmente si adottano nell’ambito di un rapporto di lavoro, Mondo Internazionale ha adottato un regolamento interno diretto ad evitare che comportamenti inconsapevoli possano innescare problemi o minacce alla Sicurezza nel trattamento dei dati personali.

Articolo 19

UTILIZZO DELLE CHIAVI DI ACCESSO

Per tale disposizione si rimanda all'art. 48 del Regolamento Unico di Mondo Internazionale.

Articolo 20

UTILIZZO DELLA RETE DI FILE SHARING DI MONDO INTERNAZIONALE

Per tale disposizione si rimanda all'art. 49 del Regolamento Unico di Mondo Internazionale.

Articolo 21

USO DELLA POSTA ELETTRONICA

Per tale disposizione si rimanda all'art. 50 del Regolamento Unico di Mondo Internazionale.

Articolo 22

IL SERVER DELL’ASSOCIAZIONE

Per tale disposizione si rimanda all'art. 51 del Regolamento Unico di Mondo Internazionale.

Articolo 23

SITO WEB

Per tale disposizione si rimanda all'art. 52 del Regolamento Unico di Mondo Internazionale.

Articoli e documenti

Articolo 24

DIVULGAZIONE DOCUMENTI

1. I documenti di Mondo Internazionale Company possono essere richiesti inviando richiesta formale e scritta al Consiglio di Amministrazione della divisione. L’Amministratore Delegato deve rispondere alla richiesta secondo le medesime modalità indicate per l’Associazione Mondo Internazionale previste al cap. 9 art. 54 del Regolamento Unico; in caso di impossibilità di quest’ultimo, il CEO provvede a rispondere alla richiesta per conto dell’Amministratore Delegato.

2. Non possono essere resi pubblici i documenti che contengono le strategie delineate dal Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company per le attività e i progetti che la divisione intende sviluppare e il procedimento di analisi elaborato dalla Divisione.

Rapporti con enti terzi

Articoli 25

GESTIONE ATTIVITÀ DI MONDO INTERNAZIONALE COMPANY CON ENTI TERZI

1. La gestione delle attività di Mondo Internazionale Company con enti terzi è attribuita agli Amministratori Delegati della divisione, che operano in nome della divisione con il supporto del CEO.

2. Il CEO ha il compito di formulare gli accordi di collaborazione con enti terzi, rispettando le norme stabilite dall’Associazione Mondo Internazionale in materia. La formulazione degli accordi avviene in concerto con il Team di Relazioni Esterne dell’Associazione Mondo Internazionale.

3. Il CEO di Mondo Internazionale Company ha il dovere di consultare il Consiglio di Amministrazione della divisione prima di dare il consenso a qualunque partner e/o ente terzo per l’avvio di collaborazioni con Mondo Internazionale Company e la creazione di partnership.

4. La formalizzazione dell’accordo è, in qualsiasi caso, sottoscritta direttamente dal Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale.

5. Qualunque accordo venga stipulato dal CEO della divisione, senza aver consultato e informato preventivamente il Consiglio di Amministrazione della divisione e/o senza aver ricevuto l’apposizione della firma da parte del Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale è da ritenersi viziato nella firma e, pertanto, invalido ai sensi del presente regolamento.

6. Gli Amministratori Delegati ha il compito di mantenere costantemente aggiornato sia il Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company sia il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale sullo svolgimento delle attività e delle collaborazioni con enti terzi.

Riunioni

Articolo 26

RIUNIONI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI MONDO INTERNAZIONALE COMPANY

Il Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company si riunisce almeno una volta al mese, tutti i mesi ad eccezione dei mesi di gennaio e agosto, per attività di gestione quali:

a. deliberare per attività con enti terzi;

b. organizzare la gestione della divisione;

c. stabilite le linee guida per lo svolgimento delle attività;

d. assicurarsi che le attività svolte seguano le linee guida stabilite;

e. valutare l’operato complessivo degli Amministratori Delegati, del CEO, del COO e del CFO. Altresì, deve valutare l’operato degli Area Manager e dei Project Manager in base ai risultati ottenuti durante lo svolgimento delle attività e dei progetti;

f. approvare il bilancio fiscale;

g. eleggere il CEO, il COO, il CFO alla scadenza del relativo mandato;

h. eleggere gli Area Manager su proposta del COO;

i. eleggere la Segreteria del Board su proposta del CEO;

j. stabilire, qualora ve ne sia la possibilità, remunerazioni economiche dei suoi componenti per le mansioni svolte all’interno della divisione;

k. deliberare sui cicli di lavoro annuali e sull’impiego delle risorse economiche della divisione;

l. visionare e approvare il Business Plan redatto dal CFO;

m. proporre, valutare e implementare nuove iniziative per sviluppare la divisione;

n. deliberare sulle migliori strategie operative da implementare per migliorare i servizi offerti dalla divisione.

Finanziamenti

Articolo 27

RICHIESTA

1. La possibilità di richiedere finanziamenti, da parte di enti pubblici e/o privati, per Mondo Internazionale Company deve essere vagliata dal Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company.

2. Qualora sia possibile per Mondo Internazionale Company ottenere dei finanziamenti da parte di enti pubblici e/o privati, la richiesta di accessibilità al finanziamento deve essere presentata al Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company, che deve analizzare la richiesta con il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale.

Articolo 28

MODALITÀ DI VALUTAZIONE

1. Il Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company e il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale possono valutare la possibilità di richiedere un finanziamento a seguito dell’accertamento dell’impossibilità di autofinanziarsi o di richiedere fondi all’Associazione Mondo Internazionale. L’analisi deve essere effettuata in seduta congiunta tra il Tesoriere dell’Associazione Mondo Internazionale e il CFO di Mondo Internazionale Company. Il vaglio della proposta deve, in ogni caso, essere sottoposta ad analisi da parte del Collegio dei revisori dei conti. Una volta approvata è sottoposta ad una votazione da parte del Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale e del Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company, che devono approvarla all’unanimità.

2. Entro 10 giorni dall’approvazione unanime del Comitato Direttivo e del Consiglio di Amministrazione, il Tesoriere dell’Associazione Mondo Internazionale e il CFO di Mondo Internazionale Company devono redigere un piano di rientro dal finanziamento, illustrandone i tempi e le finalità del finanziamento. Il piano deve poi essere vagliato dal Collegio dei revisori dei conti e infine nuovamente dal Comitato Direttivo e dal Consiglio di Amministrazione, che devono approvarlo all’unanimità.

3. Dalla richiesta formale all’ultima approvazione non devono trascorrere più di 60 giorni.

4. In caso di rigetto della richiesta devono intercorrere almeno 90 giorni dalla data di rigetto alla data di una nuova richiesta formale al Presidente e/o all’Amministratore Delegato.

5. In caso di approvazione, il Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale autorizza il Tesoriere della stessa a procedere con la richiesta di finanziamento. In tal caso, devono essere informati e coinvolti anche l’Amministratore Delegato di Mondo Internazionale Company e il CFO della divisione.

6. Il Tesoriere dell’Associazione Mondo Internazionale e il CFO di Mondo Internazionale Company devono in seguito illustrare il piano di finanziamento al Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company. Il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale deve verificare, congiuntamente al Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company, che il finanziamento ottenuto venga utilizzato per le finalità previste e nel rispetto delle disposizioni di legge dello Stato italiano, del Regolamento Unico e dello Statuto dell’Associazione Mondo Internazionale.

Articolo 29

DURATA

1. La durata massima di un finanziamento deve essere di 36 mesi.

2. Non c’è un limite di durata minima.

Articolo 30

IPOTECHE

È severamente proibito imporre delle ipoteche per i finanziamenti sui beni mobili ed immobili degli Associati, qualunque carica essi ricoprano all’interno dell’Associazione.

Articolo 31

AMMISSIBILITÀ DEL FINANZIAMENTO

1. Tutti i finanziamenti sono ammissibili a patto che siano emessi da società finanziarie riconosciute o in alternativa da enti istituzionali.

2. Non sono ammissibili finanziamenti che non rispecchino tutto le caratteristiche indicate e che non abbiano seguito l’intero iter di approvazione.

3. È compito dell’Amministratore Delegato e del CEO di Mondo Internazionale Company accertarsi che i finanziamenti rispecchino i criteri stabiliti dell’Associazione Mondo Internazionale prima della presentazione della richiesta come stabilito dal comma 1 del presente articolo.

Articolo 32

CASI ECCEZIONALI

Il Presidente dell’Associazione Mondo Internazionale, dopo aver consultato il Segretario Generale e il Tesoriere della stessa, può richiedere in casi di estrema urgenza che venga convocata un’assemblea dei tre organi aventi diritto di voto su questioni di finanziamenti per poter effettuare una votazione all’unanimità per richiedere un prestito necessario ed urgente. L’Assemblea Generale deve essere convocata entro tre giorni e devono essere presenti almeno i 2/3 degli aventi diritto al voto ai fini della validità della stessa e per poter procedere alla votazione.

Articolo 33

FINANZIAMENTI LIBERALI

I finanziamenti liberali diretti a Mondo Internazionale Company sono discussi ed approvati alla maggioranza dal Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale.

Disciplina del Consiglio di Amministrazione

1. Considerata la rilevanza del Consiglio di Amministrazione nella pianificazione delle attività della divisione Mondo Internazionale Company e per il buon funzionamento della medesima, possono essere adottati dei provvedimenti disciplinari, in conformità con i principi espressi nel Codice Etico dell’Associazione Mondo Internazionale, per prevenire e limitare comportamenti e pratiche nocive per il corretto svolgimento dei compiti posti in carico al Consiglio di Amministrazione.

2. Qualora uno o più membri del Consiglio di Amministrazione dovessero presentare comportamenti e/o azioni lesive nei confronti dell’integrità dell’organo in questione e del corretto svolgimento dei compiti a esso attribuiti, possono essere applicati nei confronti del soggetto o dei soggetti delle misure di allontanamento o, nei casi più gravi, di espulsione dal Consiglio di Amministrazione. Inoltre, queste misure possono essere applicate per azioni compiute dai membri del Consiglio di Amministrazione anche al di fuori di tale sede, con condizione che si siano verificate in merito allo svolgimento delle attività, direttamente o indirettamente, dell’Associazione Mondo Internazionale e che abbiano recato danni materiali e/o di immagine alla stessa.

3. Sono considerati comportamenti non accettabili da parte dei membri del Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company e soggetti a provvedimenti disciplinari i seguenti:

a. Ledere l’immagine dell’Associazione Mondo Internazionale e della divisione di fronte ai membri e/o al pubblico esterno attraverso azioni di natura colposa o dolosa;

b. Azioni e/o comportamenti volontari mirati a condizionare negativamente i rapporti di natura professionale all’interno dell’Associazione e della divisione, rendendo impossibile il corretto svolgimento delle attività Associative;

c. Assenza prolungata, pari a 3 riunioni consecutive, dalle riunioni interne Consiglio di Amministrazione. Non vengono considerate le assenze di un membro del Consiglio di Amministrazione se quest’ultimo provveda a delegare un altro membro del Consiglio che lo rappresenti in sede di riunione.

4. Qualora vengano riscontrati tali comportamenti da parte di uno o più membri del Consiglio di Amministrazione, il Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale ha la facoltà di emettere un richiamo formale verso i soggetti che presentano comportamenti passibili di sanzione disciplinare. Il richiamo viene emesso o rigettato attraverso votazione a maggioranza semplice dei membri presenti su proposta di un singolo membro del Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale o Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company:

a. Il primo richiamo rappresenta una diffida formale per porre termine a qualsiasi comportamento in contrasto con la buona condotta all’interno del Consiglio di Amministrazione;

b. Qualora un membro del Consiglio di Amministrazione riceva due richiami, esso è soggetto ad allontanamento dal Consiglio per un periodo di 1 mese. L’allontanamento dal Consiglio di Amministrazione prevede la sospensione dello status di membro del Consiglio, da cui ne consegue la perdita del diritto di voto e della possibilità di partecipare alle riunioni del Consiglio stesso. Altresì, è facoltà del Comitato Direttivo impedire al membro sospeso l’accesso ai canali di comunicazione ufficiali del Consiglio di Amministrazione;

c. Qualora un membro Consiglio di Amministrazione, dopo due richiami formali, riceva un terzo richiamo formale esso è espulso in maniera definitiva e irrevocabile dal Consiglio di Amministrazione. L’espulsione dal Consiglio di Amministrazione comporta anche l’impossibilità di essere rieletto come membro dello stesso. Il Comitato Direttivo si riserva la possibilità di adottare ulteriori procedimenti disciplinari qualora il soggetto mantenga comportamenti lesivi nei confronti dell’Associazione e dei suoi membri, in conformità a quanto stabilito dalle norme interne dell’Associazione Mondo Internazionale.

5. Qualora un membro del Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale Company venga espulso dallo stesso per cattiva condotta, il Consiglio di Amministrazione può inserire un nuovo membro provvisorio al suo interno, il quale sostituisce il membro espulso fino a convocazione straordinaria del Consiglio di Amministrazione. Il membro provvisorio viene nominato dal Comitato Direttivo dell’Associazione Mondo Internazionale, che deve approvare l’inserimento di quest’ultimo attraverso votazione a maggioranza qualificata dei suoi componenti. Il membro provvisorio designato dal Comitato Direttivo viene nominato attraverso lettera di incarico formale, sottoscritta dal Comitato Direttivo, che deve accettare senza apporre alcuna riserva. Il Consiglio di Amministrazione di Mondo Internazionale deve riunirsi alla prima data utile per nominare il suo nuovo membro, attraverso votazione all’unanimità dei presenti.

Dovere di fedeltà

Mondo Internazionale Company, in order to prevent confidential information from becoming public knowledge, provides that each employee must respect the duty of loyalty established by the provisions of Italian law.

Should the provisions on secrecy and non-competition be violated by one or more collaborators, Mondo Internazionale Company reserves the right to take action to claim damages, after having ascertained the existence of the fact, according to the terms and procedures provided for by civil and criminal law.

Mondo Internazionale Company, per prevenire che le informazioni riservate divengano di pubblico dominio, prevede che ogni collaboratore rispetti il dovere di fedeltà stabilito dalle disposizioni di legge dello Stato italiano.

Qualora le disposizioni in materia di segretezza e di non concorrenza dovessero essere violate da uno o più collaboratori, Mondo Internazionale Company si riserva la facoltà di agire per richiedere il risarcimento del danno, dopo aver appurato la sussistenza del fatto, secondo i termini e le modalità previste dalla disciplina di legge civile e penale.

Articolo 35

DISPOSIZIONI SULLA NON CONCORRENZA

1. Oltre all’Accordo di Segretezza, rientra nel dovere di fedeltà anche la stipula del Patto di non concorrenza.

2. Mondo Internazionale Company può inserire nelle clausole contrattuali tale accordo, redatto in forma scritta. Esso rappresenta un accordo scritto tra Mondo Internazionale Company e il lavoratore o il collaboratore volontario con cui le parti convengono di stipulare, per tutta la durata del rapporto, un obbligo di fedeltà. Tale obbligo prevede che il prestatore di lavoro non deve:

a. trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con Mondo Internazionale Company;

b. divulgare notizie attinenti all'organizzazione e alle strategie e/o metodi di lavoro della divisione, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio, come stabilito dall’art. 2105 del Codice civile.

3. L’obbligo sopracitato può essere esteso anche alla fine del rapporto di lavoro secondo le disposizioni previste dall’art. 2125 del Codice civile.

4. Il Patto di non concorrenza viene stipulato sia per il personale subordinato e parasubordinato, secondo le normative del Codice civile sopracitate, sia per il personale autonomo, in rispetto a quanto previsto dall’art. 1751 bis del Codice civile.

Ulteriori disposizioni

1. Tutte le informazioni, le attività, e le strategie con cui ogni associato viene a contatto non sono divulgabili all’esterno e non ne è permessa la replica.

2. Le cariche elette devono rispettare tutti i contenuti presenti nel presente regolamento, nello Statuto, nel Regolamento Unico, nel Codice Etico e nel Regolamento di Riservatezza dell’Associazione Mondo Internazionale.

3. Ogni associato è tenuto al rispetto dello Statuto, del Regolamento Unico, del Codice Etico e del Regolamento di Riservatezza dell’Associazione Mondo Internazionale e delle delibere degli organi assembleari previsti per lo svolgimento delle attività associative.

4. Le violazioni dello Statuto, del Regolamento Unico, del Codice Etico, del Regolamento di Riservatezza e del presente regolamento e delle delibere degli organi assembleari dell’Associazione sono perseguite nelle sedi opportune.

5. Qualora un associato non possa svolgere le attività di sua competenza liberamente accettate secondo quanto previsto dal Regolamento Unico e dal presente regolamento, è tenuto a identificare un suo sostituto e/o al completamento dell’attività al fine di non ostacolare le attività associative, salvo casi eccezionali identificati dal Comitato Direttivo.

6. In caso di danni recati all’Associazione e/o alla divisione che siano dovuti a negligenza, divulgazione di informazioni a persone non autorizzate, dimissioni impreviste tutto ciò che riguarda danni compiuti con dolo e intenzionalità, la persona incaricata deve riparare il danno nel minor tempo possibile. In caso di controversie si ritiene competente il Foro di Milano.

Ultimo aggiornamento in data 21 febbraio 2020

Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui