background

Mancanza di diritti dei lavoratori nel panorama italiano

La trattazione sulla mancanza di diritti per alcune categorie di lavoratori di “nuova generazione” a livello internazionale può anche essere riportata a livello italiano, relativamente alla condizione dei lavoratori nostrani.

Le condizioni di queste categorie di lavoratori sono a rischio data la precarietà nella quale lavorano giornalmente; a questo, durante la pandemia, si è unito un elevato pericolo di contagio, trattandosi di tipologie di impego fortemente a contatto con un elevato numero di persone sempre diverse.

I sindacati autonomi Deliverance Milano e Rider Union Roma hanno denunciato, in occasione delle numerose manifestazioni indette dalla categoria, l’assenza di DPI (dispositivi di protezione individuale) messi a disposizione dalle aziende, a differenza di ciò che prevede la legge soprannominata “Legge riders”. La legge in oggetto, ossia la numero 128 del 2019, riporta a pagina 39 le disposizioni utili a predisporre i livelli minimi di tutele e protezioni per i lavoratori che si occupano di “consegne di beni per conto altrui”, ordinabili quindi da piattaforme digitali. Nel testo della legge, entrato in vigore dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il 3 novembre 2019, riporta: “Art. 47- ter (Forma contrattuale e informazioni). — 1. I contratti individuali di lavoro di cui all’articolo 47-bis sono provati per iscritto e i lavoratori devono ricevere ogni informazione utile per la tutela dei loro interessi, dei loro diritti e della loro sicurezza”.

La legge prevede quindi la sicurezza dei lavoratori e, sebbene tale pubblicazione sia avvenuta precedentemente l’emergenza sanitaria da Covid-19, la tutela contro la diffusione del virus pandemico è uno degli aspetti attualmente più rilevanti per tale categoria di lavoratori.

La consegna di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, gel igienizzanti e soluzioni a base alcolica per la disinfezione degli zaini, permetterebbe loro di svolgere la propria attività in condizioni di sicurezza, ed eventualmente di non trasmettere il virus a persone terze con le quali ogni giorno entrano in contatto.

In merito alla questione si sono espressi anche diversi giudici del lavoro, primo tra tutti il Tribunale di Firenze Sez. Lavoro, n. 886/2020, con il decreto pubblicato in data 1° aprile 2020. Il giudice ha ordinato la consegna dei dispositivi oggetto del ricorso alla società resistente, a favore del rider ricorrente. Dopo il Tribunale di Firenze si sono pronunciati anche quello di Bologna e Roma, confermando ovviamente la pronuncia del primo giudice.

Il Tribunale di Firenze, facendo riferimento alla precedente sentenza della Suprema Corte, n. 1663/2020, ha stabilito che “in un'ottica sia di prevenzione sia "rimediale", si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato quando la prestazione del collaboratore sia esclusivamente personale, venga svolta in maniera continuativa nel tempo e le modalità di esecuzione della prestazione, anche in relazione ai tempi ed al luogo di lavoro, siano organizzate dal committente”. Il Tribunale di Firenze ha anche ritenuto applicabile il comma 1 dell’art. 47-bis, in base al quale sono stati stabiliti “livelli minimi di tutela per i lavoratori autonomi che svolgono attività di consegna di beni per conto altrui, in ambito urbano e con l'ausilio di velocipedi o veicoli a motore”.

La speranza relativa al periodo che succederà la pandemia da Covid-19 è che le migliorie apportate con le lotte per le condizioni lavorative possano persistere nel tempo.

FONTI:


Condividi il post

  • L'Autore

    Sofia Perinetti

    Sofia Perinetti è laureata in magistrale in Scienze Internazionali e della Cooperazione, ha approfondito nella sua carriera universitaria e post il lato delle relazioni internazionali che concerne la cooperazione internazionale come strumento di aiuto e sostegno verso paesi terzi.

    E' interessata sin dai primi anni di università alla tutela dei diritti umani e per questo in Mondo Internazionale è presente nel team di Diritti Umani come vice dello Chief Editor, è inoltre presente nel team di grant-management ed infine di GEO. Questi tre team le permettono di esprimere a pieno gli interessi sociali e culturali che la contraddistinguono.

    Sofia Perinetti has a degree in International and Cooperation Sciences, she has deepened in her university career and post the side of international relations that concerns international cooperation as an instrument of aid and support to third countries.

    Since the first years of university she has been interested in the protection of human rights and for this reason in Mondo Internazionale she is present in the Human Rights team as deputy to the Chief Editor, she is also present in the grant-management team and finally in GEO. These three teams allow her to fully express the social and cultural interests that distinguish her.

Potrebbero interessarti

Image

Mancanza di diritti dei lavoratori nel panorama italiano

Sofia Perinetti
Image

Il suicidio assistito nella Legislazione italiana. Il caso “Dj Fabo”

Simona Maria Destro Castaniti
Image

Cosa prevede il DDL Zan?

Simona Maria Destro Castaniti
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui