background

Le spezie dell'Asia

Le spezie sono sostanze aromatiche provenienti da piante che crescono nelle regioni tropicali, con un sapore più o meno profumato, intenso e piccante. Un tempo, con il termine “spezie” si intendeva qualunque sostanza esotica rara proveniente dall’Oriente. Gli europei scoprirono le spezie solo all’inizio del Medioevo e ne divennero appassionati consumatori. All’epoca, le spezie erano utili per coprire il gusto poco gradevole di alimenti che mal sopportavano condizioni di conservazione precarie e per dare loro un colore più vivace (l’unico mezzo di conservazione a quel tempo era, infatti, il sale). Considerate efficaci anche come farmaci, erano usate in alcuni casi come profumi. Il desiderio di colonizzare terre ricche di questi prodotti fu l’impulso per molti viaggi di conquista. Le spezie possono essere ricavate dai frutti, dai semi, dalle radici, dai bottoni floreali o dalla corteccia della pianta. Esse contribuiscono a ridurre l’uso del sale, sia durante la cottura sia a tavola. 

Una delle miscele di spezie più antiche al mondo è la Zhuatang, nata intorno al 1300 in Cina. Nella cucina cinese viene normalmente usata in un metodo di cottura per stufare alcune pietanze. La leggenda afferma che sia stata creata riunendo tutti e cinque i sapori: il dolce dalla cannella, il salato dai chiodi di garofano, l’amaro dall’anice, l’acido dai semi di finocchio e il piccante dal pepe. 

È in India che, invece, ha avuto origine il famoso Curry, definito Curry di Madras, dall’antico nome della città di Chennai (India sud-orientale). Questa miscela può essere più o meno piccante a seconda delle quantità di peperoncino. Il sapore prevalente è quello della curcuma, che colora e aromatizza molti piatti: minestre, salse, insalate, lenticchie, riso, uova, pesci e crostacei. Seguono, poi, la senape e il pepe, accompagnati dalla leggera affumicatura della paprica. Infine, l’aroma floreale del cardamomo completa la miscela. 

L’Asia è stata per il mondo occidentale fonte preziosa di spezie ed erbe aromatiche. Ad esse sono attribuite numerose proprietà medicinali e molte sono fonti interessanti di calcio, potassio e fosforo.  


Condividi il post

  • L'Autore

    Maria Parisi

    Maria ha conseguito la laurea magistrale in Biologia Applicata alle Scienze della Nutrizione presso l’Università degli Studi di Milano ad ottobre 2017. Ha effettuato il tirocinio universitario presso l’U.O. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva del Policlinico San Donato, dove ha appreso alcune conoscenze specifiche. Successivamente ha ottenuto l'abilitazione all'esercizio della professione di Biologo dopo il superamento della prima sessione dell'Esame di Stato del 2018 e si è iscritta all'albo dei Biologi (Sezione A). Attualmente frequenta un master universitario di II livello presso l'Università di Milano-Bicocca, che prende il nome di "Master ADA - Alimentazione e Dietetica Applicata", e lavora in qualità di Biologa Nutrizionista e di docente di biologia, chimica e scienze alimentari.

Categorie

Salute e Benessere Nutrizione Salute e Benessere


Tag

Spezie nutrizione Asia

Potrebbero interessarti

Image

Il segreto della dieta, la strada per la salute

Maria Parisi
Image

QUINOA e AMARANTO: due pseudocereali sudamericani con ottime proprietà nutrizionali

Federica Mascaretti
Image

Conoscere la celiachia: di che cosa si tratta esattamente?

Francesca Locatelli
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui
Diventa Associato