background

Le morti sul lavoro in Italia: tra mancanza di tutele e economia sommersa

Negli ultimi giorni, la cronaca è tornata a occuparsi dei casi di morti sul lavoro. Dietro quella che può sembrare una questione di incuria e di poca attenzione riguardo la manutenzione e la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro, si nasconde una radice più profonda

Continua in maniera drammaticamente stabile una tendenza che caratterizza il mondo del lavoro nel nostro Paese. Negli ultimi tempi si è tornato a parlare delle cosiddette “morti bianche” (o “morti verdi”, quando si tratta di contesti agricoli) a seguito di casi emblematici quali quello di Luana D’Orazio, ventiduenne schiacciata da un macchinario alla quale lavorava, in un’azienda tessile del pratese. A quanto risulta dalle prime indagini, l’orditoio che ha ucciso la giovane mancava di alcune parti necessarie a garantire la sicurezza di chi vi operava, in favore di una maggiore velocità produttiva. Non solo, pare che la giovane avesse un contratto da apprendista, il quale non permette di lavorare in prossimità di macchinari simili. Negli ultimi anni, il dibattito in materia è stato monopolizzato dal funesto diffondersi di malattie respiratorie o tumorali a Taranto, nei quartieri in prossimità dell’ex Ilva. Le morti sul lavoro sono una piaga italiana che non accenna ad arrestarsi.

Va anzitutto considerata la presenza ingombrante del lavoro sommerso. L’occupazione in nero non comporta solo mancati introiti fiscali per lo Stato, ma anche una forte mancanza di tutele per i lavoratori. Secondo l’ultimo censimento triennale dell’Istat, risulta che “nel 2018 il valore aggiunto generato dall’economia non osservata […] si è attestato a poco più di 211 miliardi di euro. Tale ammontare sarebbe equivalso a circa l’11,9% del PIL.

La pandemia da Coronavirus ha ancora di più inasprito le disuguaglianze sociali, soprattutto per quanto concerne chi può godere di tutele e sicurezza sul posto di lavoro e chi no. Il cinquantaquattresimo Rapporto Censis, pubblicato a fine 2020, tratta le varie tipologie di persone senza un’occupazione che possa assicurare loro una garanzia, sia dal punto di vista economico che di sicurezza. Si parla dei cosiddetti “scomparsi”, lavori e servizi in nero a cui prendono parte circa 5 milioni di persone. Data la loro assenza dai radar statali, è agghiacciante pensare come statistiche affidabili sul numero di infortuni (letali o meno) siano difficili da stabilire. La legge tende a proteggere coloro che incontrano tali problematiche al lavoro, anche se sommerso, in quanto il mancato versamento contributivo del datore di lavoro non può ricadere sul singolo dipendente. È tuttavia complicato aspettarsi denunce da parte di lavoratori che spesso dipendono interamente dalla somma retribuita dai loro datori di lavoro, seppure in ambienti di illegalità. 

Oltretutto, molti di questi lavori non legalmente denunciati combaciano pericolosamente con circostanze di criminalità organizzata, per cui è anche molto alto il timore di ripercussioni. L’esempio più calzante di questo sono le tremende condizioni in cui riversano molti lavoratori agricoli migranti in varie zone d’Italia. Sono fin troppo frequenti le notizie di baraccopoli in preda a incendi o attacchi da parte di criminali sfruttatori. A livello sanitario, questi contesti risultano inevitabilmente essere delle sacche inesauribili di circoli viziosi, che uniscono l’illegalità ai buchi legislativi riguardanti le leggi sulla cittadinanza e le tutele per i lavoratori migranti. Le conseguenze più evidenti risultano essere l’impossibilità di rinnovare la tessera sanitaria, l’impossibilità di assegnazione del medico di famiglia per persone soggette a frequente mobilità e il mancato orientamento e supporto all’iscrizione al SSN da parte dei centri di accoglienza.

L’Ispettorato nazionale del lavoro conta 1.500 ispettori che devono svolgere anche compiti amministrativi. In quanto i dipendenti complessivi soffrono una penuria di circa duemila unità. All’Inail, di ispettori ne sono rimasti solo 246. Nel rapporto stilato per l’anno 2020, l’istituto ha effettuato controlli nei confronti di quasi 80.000 aziende in materia lavoristica, di legislazione sociale, di salute e sicurezza sul lavoro; in materia previdenziale e in materia assicurativa. Il settanta per cento in media di esse, nei vari ambiti, è risultato irregolare, con un totale di circa 267.677 lavoratori irregolari, di cui 22.366 totalmente in nero.

Nel terzo rapporto ANMIL (Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi del Lavoro) in materia di salute e sicurezza sul lavoro ha mostrato che, specialmente a livello nazionale, la situazione continua a essere critica. Appare evidente, anzitutto, una necessità di semplificazione e completamento della disciplina prevenzionistica del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Spesso, inoltre, le norme esistenti non vengono applicate, con conseguente decadimento delle tutele per i lavoratori. Il rapporto ANMIL evidenzia quindi l’importanza dell’aspetto culturale della faccenda, connessa all’incremento del fenomeno della globalizzazione. Essa rischia di porre i lavoratori in nuove condizioni di rischi, per via della forte flessibilità e crescente digitalizzazione, quali l’eccessiva instabilità occupazionale ed economica e un logorante carico lavorativo. Vi è inoltre un’insufficiente coerenza giuridica in ambito contrattuale. Difficilmente, di fatti, la flessibilità organizzativa del lavoro comporta un incremento del benessere dei lavoratori, che garantisce un maggior equilibrio dei tempi di lavoro con quelli di riposo, laddove tutele e protezioni vengono sacrificate.

Non tutti gli incidenti sul lavoro risultano essere mortali. Le denunce per infortunio nel 2021 sono calate di circa due punti percentuali. Tuttavia, va ricordato come in queste statistiche rientrino anche gli incidenti avvenuti sui mezzi di trasporto e nel tragitto per arrivare al luogo di lavoro. Questi casi, per via della pandemia e dello smartworking, sono chiaramente crollati. In netto aumento, invece, gli esposti per infortuni sul posto di lavoro. “Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Istituto nei primi tre mesi dell’anno sono state 185, 19 in più rispetto alle 166 denunce registrate nel primo trimestre del 2020 (+11,4%), effetto degli incrementi osservati in tutti i mesi del 2021 rispetto a quelli del 2020. L’Inail ha quindi registrato oltre due morti al giorno sul lavoro nei primi tre mesi dell’anno.”

Fonti consultate per il presente articolo:

Casadei Cristina, Nel 2021 oltre due decessi sul lavoro al giorno. Da inizio pandemia, un terzo delle morti bianche dovute al Covid, Il Sole 24 Ore, 5 maggio 2021.

Censis, 54° Rapporto sulla situazione sociale del Paese/2020, 4 dicembre 2020.

Ispettorato Nazionale del Lavoro, Rapporto annuale delle attività di tutela e vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale, 2020.

Istat, Economia non Osservata nei Conti Nazionali, https://www.istat.it/it/archivio/248596

Medici Senza Frontiere, “Una Stagione all’Inferno: Rapporto sulle condizioni degli immigrati impiegati in agricoltura nelle regioni del Sud”, 12 aprile 2016.

Terzo Rapporto Anmil sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, focus sull'emergenza Covid-19, settembre 2020.

Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, D.P.R. n. 1124, 30 giugno 1965.

guilherme-cunha-4zwozQxDbD4-unsplash.jpg, da Unsplash.com


Condividi il post

  • L'Autore

    Edoardo Cappelli

    Edoardo Cappelli nasce a Roma il 21 ottobre 1995. Ha conseguito la laurea triennale in Lingue e Culture Straniere, e quella magistrale in International Studies, presso l'Università degli Studi di Roma Tre. Data la precedente frequentazione del Liceo Linguistico Giuseppe Peano di Roma, ha potuto apprendere fluentemente l'inglese, il francese e lo spagnolo; andando poi a curarsi del tedesco nei primi tre anni universitari.

    Appassionato di arte - soprattutto di cinema, di cui scrive sulla rivista online "Quarto Potere"-, ama discutere di politica e attualità, soprattutto riguardo temi sociali che sfociano in ingiustizie e disuguaglianze umanitarie. Questo connubio tra amore per la scrittura creativa e voglia di approfondire tematiche politiche lo portano a sperare in una possibile carriera giornalistica.

    Da Marzo 2021 collabora con Mondo Internazionale Post, nel progetto Framing the World. Recentemente ha anche assunto il ruolo di Copywriter Freelance per l'associazione no profit Youth Leadership Network, e lavora come Junior Project Manager per la società Codex Global.


    Edoardo Cappelli was born in Rome on October the 21st, 1995. He holds a bachelor's degree in Foreign Languages ​​and Cultures, and a master's degree in International Studies, at the University of Roma Tre. Given his previous attendance at the Giuseppe Peano Linguistic High School in Rome, he was able to learn English, French and Spanish fluently; later taking care of German in the first three years of university.
    Enthusiast about art - especially cinema, of which he writes for the online magazine "Quarto Potere" -, he loves to discuss politics and current affairs, especially regarding social issues that lead to injustices and humanitarian inequalities. This combination of love for creative writing and the desire to explore political topics lead him to hope for a possible journalistic career.

    Since March 2021 he has been collaborating with Mondo Internazionale Post, in the Framing the World project. He also recently took on the role of Freelance Copywriter for the non-profit Youth Leadership Network, and works as a Junior Project Manager for Codex Global.

Categorie

Temi Diritti Umani Framing the World


Tag

Lavoro morti bianche sicurezza sul lavoro Economia Sicurezza dirittideilavoratori

Potrebbero interessarti

Image

Framing the World, Numero X

Redazione
Image

Il problema delle carceri curde e lo spettro dello Stato Islamico

Vincenzo Battaglia
Image

Cripto e governi – Parte 1

Davide Bertot
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui