background

Le leggi umanitarie internazionali e i crimini di guerra


A cura di Francesco Marchesetti e Graziana Gigliuto


Le leggi umanitarie internazionali

Le leggi del diritto internazionale umanitario, da non confondere con le convenzioni internazionali sui diritti umani, vengono applicate esclusivamente durante i conflitti armati. Gli obiettivi del diritto internazionale umanitario sono tentare di disciplinare la conduzione delle ostilità e proteggere le vittime di guerra.

È importante sottolineare che il diritto internazionale umanitario non si occupa di rispondere alla domanda: “Il conflitto armato è legittimo?” (ius ad bellum), funzionalità svolta dallo Statuto delle Nazioni Unite (ONU), garantendo la neutralità della sua applicazione per qualsiasi tipo di conflitto armato e per tutte le parti coinvolte. La maggior parte delle norme del diritto internazionale umanitario sono frutto di consuetudini consolidate ed inderogabili (ius cogens) volte a tutelare dei valori considerati fondamentali. I principali aspetti del diritto internazionale bellico sono stati delineati durante le Conferenze Internazionali svoltesi all’Aia nel 1899 e nel 1907, mentre le disposizioni per proteggere le vittime dei conflitti sono codificate nelle quattro Convenzioni di Ginevra scritte dal 1949 al 1977, con un ulteriore aggiunta di un protocollo nel 2005.

Infine, la particolarità del diritto internazionale umanitario è quella di contenere disposizioni sia rivolte agli Stati o attori del conflitto (per esempio gruppi armati organizzati) sia alle singole persone. Il diritto internazionale bellico richiede agli Stati di osservare le norme in esso contenuto, far cessare le eventuali violazioni e giudicare o estradare le persone accusate di aver commesso di gravi violazioni definite crimini di guerra. Nel caso in cui uno Stato non abbia l’intenzione o la capacità di perseguire gli imputati dei crimini di guerra, la comunità internazionale può intervenire, affidando il processo alla Corte Penale Internazionale (CPI, in inglese International Criminal Court - ICC) con sede a L’Aia.

Che cosa si intende per “crimine di guerra”?

Non esiste una definizione precisa di “crimine di guerra”; per questo motivo, nello Statuto di Roma che regola l’operato della Corte Penale Internazionale, è presente una lista di violazioni della Convenzione di Ginevra che include uccidere (o provocare sofferenze) deliberatamente, torturare, prendere ostaggi, distruggere ampie aree senza che vi siano obiettivi strategici e colpire volontariamente la popolazione civile.

La Corte Penale Internazionale non può processare stati, ma solo individui per crimini di guerra, crimine di aggressione, genocidio e crimini contro l’umanità. I crimini contro l’umanità, in particolare, si distinguono dai crimini di guerra perché comprendono atti commessi come parte di un attacco generalizzato e sistematico diretto contro la popolazione civile, tanto da essere considerabili come perpetrate in danno dell'intera umanità.

L’attuale procuratore capo della CPI Karim Ahmad Khan ha dichiarato che ci siano già prove fondate per affermare che in Ucraina siano stati commessi sia crimini di guerra, sia crimini contro l’umanità.


La dichiarazione di Biden

Lo scorso giovedì, al termine di una conferenza alla Casa Bianca, il Presidente statunitense Joe Biden ha risposto alla domanda di una reporter, definendo il Presidente russo Vladimir Putin un “criminale di guerra”.

Quella di Biden è una dichiarazione pesante, che testimonia una forte presa di posizione da parte di Washington. Se infatti solo due settimane fa il segretario dell’ufficio stampa della Casa Bianca Jen Psaki aveva dichiarato che gli Stati Uniti “non erano giunti a conclusioni” riguardo alla possibilità che in Ucraina fossero stati perpetrati crimini di guerra, il giorno successivo alla dichiarazione del Presidente Biden – venerdì 18 marzo – il Segretario di Stato Antony J. Blinken si è allineato alle parole di Biden. Blinken ha citato una lunga lista di attacchi russi che hanno colpito e ucciso la popolazione civile ucraina anche nelle sue fasce più deboli e esposte, concludendo che “colpire intenzionalmente la popolazione civile è un crimine di guerra”.

Che cosa rischia Putin?

Tom Malinowski, rappresentante dello Stato del New Jersey ed ex-sottosegretario di Stato per i diritti umani, ha detto ai reporter del New York Times che «non esiste un marshal service per la Corte Penale Internazionale» (il marshal service è il corpo di polizia federale più antico degli Stati Uniti, che nelle intenzioni del fondatore George Washington doveva fungere da braccio armato del potere giudiziario). Secondo una delle voci più autorevoli degli Stati Uniti in capo di diritti umani, quindi, il Presidente Putin non rischia di finire effettivamente al banco degli imputati nel tribunale di stanza a L’Aia.

Tuttavia, aggiunge Malinowski, le indagini per crimini di guerra possono essere un forte strumento di deterrenza; se infatti la classe dirigente russa ha motivo di credere che in futuro – a conflitto terminato – le sanzioni imposte dall’Occidente verranno meno, un’eventuale condanna per crimini di guerra a carico del Presidente Putin potrebbe portare alla conferma dei vari pacchetti sanzionatori che stanno affossando l’economia russa: uno scenario che Putin vuole di certo evitare.

Fonti consultate:

https://www.un.org/en/genocideprevention/war-crimes.shtml

https://www.nytimes.com/topic/subject/war-crimes-genocide-and-crimes-against-humanity

https://www.nytimes.com/2022/03/17/us/politics/russia-ukraine-war-crimes.html

https://www.whitehouse.gov/briefing-room/press-briefings/2022/03/04/press-briefing-by-press-secretary-jen-psaki-and-chair-of-the-council-of-economic-advisers-cecilia-rouse-march-4-2022/

https://www.nytimes.com/2022/03/17/us/politics/biden-putin-war-criminal.html

https://it.wikipedia.org/wiki/Corte_penale_internazionale

https://it.wikipedia.org/wiki/Corte_internazionale_di_giustizia

https://www.eda.admin.ch/dam/eda/it/documents/publications/GlossarezurAussenpolitik/ABC-Humanitaeren-Voelkerrechts_it.pdf

https://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_internazionale_umanitario

https://www.wsj.com/articles/what-are-war-crimes-russia-ukraine-11646680445

https://www.editorialedomani.it/idee/commenti/crimini-in-ucraina-cosa-puo-fare-la-corte-penale-internazionale-contro-putin-o8bpn5z7

https://www.editorialedomani.it/politica/ucraina-russia-guerra-crimini-di-guerra-c4l6buop

Immagine: https://wordpress.org/openvers...




Condividi il post

  • L'Autore

    Redazione

Categorie

Dal Mondo Temi Organizzazioni Internazionali Società


Tag

criminidiguerra dirittointernazionale Diritto

Potrebbero interessarti

Image

Tractatus iuris philosophiae: il fascino della semplicità e il moderno orientamento giurisprudenziale

Redazione
Image

Uno sguardo sul sistema giudiziario italiano

Ana Maria Soare
Image

Le leggi umanitarie internazionali e i crimini di guerra

Redazione
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui