background

La geopolitica dell'India e del Pakistan secondo Henry Kissinger (6)

Parte 6

L'India, oltre ai problemi d'occidente deve pensare ad est e a nord est, concentrandosi su ciò che sarà il futuro della regione.

Un altro elemento di frizione tra i due colossi asiatici è lo stato nord-orientale indiano dell’Arunachal Pradesh, che la Cina rivendica in quanto «Tibet meridionale». Più aumenta la fiducia della Cina in sé stessa, più si allarga il territorio che reclama. 

La pretesa cinese è in parte geografica e in parte psicologica. L’Arunchal Pradesh confina con la Cina, con il Bhutan e con il Myanmar, il che lo rende strategicamente prezioso, ma la rivendicazione territoriale serve anche a ricordare al Tibet che l’indipendenza è fuori discussione. 

Il mondo è così impressionato dalla stupefacente ascesa della Cina da trascurare spesso il suo grande vicino di casa; ma in questo secolo l’India potrebbe rivaleggiare con la Cina come potenza economica. Confina con sei paesi. Ha circa 15000 chilometri di acque interne navigabili, buone forniture d’acqua e immense terre coltivabili; è un grande produttore di carbone e ha grossi giacimenti di petrolio e gas naturale, anche se sarà sempre un importatore netto di tutte e tre le risorse, e il sovvenzionamento pubblico dei costi energetici pesa notevolmente sulle sue finanze. 

Nonostante tutte le sue ricchezze naturali, l’India non ha eguagliato la crescita della Cina, e siccome quest’ultima si sta aprendo al mondo esterno, i due paesi potrebbero entrare in rotta di collisione non lungo il confine terrestre, ma sul mare. 

Per migliaia di anni, le regioni corrispondenti alla Cina e all’India contemporanee si sono potute ignorare per via della configurazione geografica. L’espansione dell’una nel territorio dell’altra attraverso la catena dell’Himalaya era impossibile, e per giunta ognuna delle regioni aveva terre coltivabili più che sufficienti.

Proprio come i primi leader americani avevano sviluppato nella Dottrina Monroe una concezione del ruolo speciale degli Stati Uniti nell’emisfero occidentale, così l’India si è assegnata in pratica una posizione particolare nella regione dell’Oceano Indiano compresa tra le Indie orientali e il Corno d’Africa.

Oggi, tuttavia, lo sviluppo tecnologico fa sì che entrambi i paesi abbiano bisogno di enormi risorse energetiche; la geografia non ha tramandato loro queste ricchezze, perciò sia l’India sia la Cina hanno dovuto espandere i propri orizzonti e avventurarsi negli oceani, ed è lì che si sono incontrate.

All’inizio degli anni Novanta, l’India ha adottato una politica «orientata a est», anche per bloccare quella che prevedeva essere l’imminente ascesa della Cina. Ha «fatto la sua parte» incrementando enormemente gli scambi commerciali con la Cina (in prevalenza importazioni) e sviluppando nel contempo relazioni strategiche con quello che la Cina considera il proprio retroterra.

Sebbene i punti di vista americani e indiani siano stati spesso in contrasto sulla condotta alla fine della guerra fredda, dopo il collasso dell’Unione Sovietica essi sono stati per lo più convergenti per quanto riguarda la regione dell’Oceano Indiano e le sue periferie.

L’India ha rafforzato i suoi legami con il Myanmar, le Filippine e la Thailandia; ma soprattutto, sta lavorando con il Vietnam e il Giappone per tenere a freno l’espansione della Cina nel Mar Cinese Meridionale. In questa strategia ha un nuovo alleato, che si tiene a distanza di sicurezza: gli Stati Uniti. L’India ha temuto per decenni che gli statunitensi fossero i nuovi inglesi. Nel XXI secolo un’India più sicura di sé, che opera in un mondo sempre più multipolare, ha scoperto una buona ragione per cooperare con gli USA.

L’India ha una grande marina militare ben equipaggiata che include una portaerei, ma non potrà competere con la marina oceanica che sta mettendo in cantiere la Cina. Perciò, l’India si sta associando ad altri paesi per sorvegliare, se non dominare, la marina cinese nella rotta che attraversa i mari della Cina e lo stretto di Malacca, per uscire nel Golfo del bengala e costeggiare l’India fino al Mare Arabico in direzione del grande porto che ha costruito a Gwadar, in Pakistan.

Fonti principali:
- Marshall Tim, (2017), Le 10 mappe che spiegano il mondo, Garzanti. Traduzione a cura di Roberto Merlini. 
- Kissinger Henry, (2017), Ordine Mondiale, Mondadori. Traduzione a cura di Tullio Cannillo.
- Kissinger Henry, (2012), On China, The Penguin Press. 
- Kissinger Henry, (1994), Diplomacy, Simon&Schuster Paperbacks, Rockefeller Center.


Condividi il post

  • L'Autore

    Michele Pavan

    Nasco a Gallarate nel 1995 e mi laureo in Scienze Internazionali ed Istituzioni Europee nel luglio 2017, ormai prossimo al conseguimento della laurea magistrale in Relazioni Internazionali - Diplomazia ed Organizzazioni Internazionali presso l'Università degli Studi di Milano.
    Una grande passione per la diplomazia e gli studi strategici ed un particolare interesse per il settore di intelligence, mi hanno portato a seguire diverse iniziative a carattere internazionale, sia per il mio percorso formativo che lavorativo.
    Negli ultimi anni a contatto con diverse culture ho sviluppato un particolare interesse per le strategie di sviluppo e innovazione in diversi settori e questo ha suscitato in me il desiderio di realizzare progetti internazionali. Nello specifico l'attenzione è rivolta a sviluppare idee e proposte pensate per i giovani, dando loro uno spazio per esprimere le proprie potenzialità in diversi ambiti e che permetta la concretizzazione delle loro ambizioni.
    Per questo l'idea di creare con i miei colleghi, nonché amici, Mondo Internazionale.
    Mi piace descrivermi come creativo, ambizioso, equilibrato, sensibile e flessibile nella vita e nel contesto lavorativo, ed altrettanto desideroso di imparare da chi mi circonda confrontandomi.

Categorie

Geopolitica


Tag

Geopolitica Diplomacy Diplomatico Kissinger India Pakistan

Potrebbero interessarti

Image

La geopolitica della Cina secondo Kissinger (2)

Michele Pavan
Image

The Just War Theory and the International Order

Marcello Alberizzi
Image

La geopolitica dell'India e del Pakistan secondo Henry Kissinger (2)

Michele Pavan
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui
Diventa Associato