background

La Conferenza Di Rio De Janeiro trent’anni dopo: cosa ne è rimasto?

Nel giugno del 1992 le Nazioni Unite convocarono una conferenza internazionale sull’ambiente e sullo sviluppo a Rio De Janeiro, conosciuta anche come Summit della Terra o Eco92. A questa conferenza parteciparono capi di stato e di governo e rappresentanti diplomatici di 172 paesi e oltre 2.400 rappresentanti di organizzazioni non governative. 
Fu inoltre memorabile il discorso pronunciato da Severn Cellis-Suzuki, una ragazza canadese di soli 12 anni che pose la questione della sostenibilità nell’ottica di un’eredità che le attuali generazioni lasciano a quelle future.
La Conferenza portò all’adozione di un trattato internazionale; ma, esattamente trent’anni dopo, cosa ci ha lasciato quella conferenza?

IL RAPPORTO BRUNDTLAND

La decisione di indire una conferenza sull’ambiente e sullo sviluppo da parte dell’ONU non era stata presa casualmente. Il 1992 si può definire come l’anno della presa di coscienza della questione della sostenibilità da parte della comunità internazionale (in particolar modo per quanto riguarda la tematica ambientale). Tuttavia, questo si inserisce in un più ampio processo che nasce a seguito della conferenza di Stoccolma sul clima del 1972 e della crisi petrolifera dell’anno seguente.

Questi eventi portarono l’opinione pubblica a porre l’attenzione sempre di più sulle tematiche della sostenibilità. Tuttavia, inizialmente, ci si concentrò solo ed esclusivamente sulle questioni ambientali. La svolta avvenne nel 1987 quando la World Commission on Environmental and Development delle Nazioni Unite adottò il rapporto Our Common Future, detto anche rapporto Brundtland, poiché la sua relatrice era il primo ministro norvegese Gro Harlmen Brundtland.
Questo rapporto fu fin da subito innovativo poiché non si limitava alle sole tematiche ambientali, ma estendeva il concetto di sostenibilità anche alle questioni sociali ed economiche. Inoltre, il rapporto introduceva per la prima volta una definizione di sviluppo sostenibile come quella forma di sviluppo che, secondo la formula originale in inglese, "meets the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs". 

Il rapporto Brundtland ha sicuramente avuto un’importanza enorme; il termine sostenibilità, in questa accezione, è entrato nell'agenda della Comunità Internazionale e l’opinione pubblica ha cominciato a interessarsene sempre di più.

LA CONFERENZA DEL 1992

Sebbene vi fosse stata una grossa presa di coscienza sulle tematiche della sostenibilità, vi era anche la necessità di vincolare gli stati con un atto normativo, in modo da poter raggiungere gli obbiettivi prefissati. Proprio per questo le Nazioni Unite convocarono la Conferenza (la quale però si concentrò solo sulle tematiche ambientali) ed ebbe come conseguenza la firma di un trattato internazionale che entrò successivamente in vigore il 21 marzo del 1994. All’interno del trattato adottato a seguito della conferenza erano presenti 5 documenti:

  • La Convenzione quadro delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici (UNFCCC)
  • La Convenzione sulla diversità biologica
  • L’Agenda 21
  • La dichiarazione di Rio su Ambiente e Sviluppo
  • I principi sulle Foreste

Tra questi documenti, sicuramente il più importante risulta essere La Convenzione quadro delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici. Al di là degli ambiziosi obbiettivi che la Convenzione contempla, è da ricordare come i partecipanti alla Convenzione abbiano portato avanti la lotta al cambiamento climatico attraverso l’adozione di un ulteriore trattato internazionale: il protocollo di Kyoto del 1997, entrato in vigore nel 2005 e il cui obbiettivo principale risulta quello di ridurre le emissioni di gas naturali. 
Inoltre, sempre gli aderenti alla Convenzione organizzano le annuali Conferenze sul clima, di cui l’ultima si è tenuta a Glasgow lo scorso novembre e ha visto la partecipazione della nota attivista Greta Thunberg.

L’EREDITÀ

L’importante eredità della Conferenza è lampante anzitutto dal punto di vista normativo: i governi delle Nazioni hanno deciso di adottare atti internazionali vincolanti e di conseguenza di impegnarsi nello sviluppo sostenibile, in particolar modo per quanto riguarda la lotta al cambiamento climatico. Da quest’ultima, infatti, dipendono anche ulteriori problematiche soprattutto in fatto di disuguaglianze sia economiche che sociali (tematiche a cui faceva riferimento proprio il rapporto Brundtland).

Un’ulteriore eredità è sicuramente rappresentata dalla presa di coscienza da parte dei governi della sostenibilità come eredità da lasciare alle future generazioni; un esempio si può rinvenire nella recente riforma costituzionale italiana. L’art. 9 è stato modificato come segue: "[La Repubblica] tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni".

Sebbene questa riforma rientri in un contesto più grande, all’interno del quale sia gli Stati che le persone sono sempre più attente alle tematiche della sostenibilità, non vi è alcun dubbio che la Conferenza di Rio abbia avuto un ruolo centrale e di forte impulso per la sua adozione.


Condividi il post

  • L'Autore

    Federico Quagliarini

    Federico Quagliarini è attualmente laureando in Giurisprudenza presso la Statale di Milano. Durante il suo percorso universitario ha sviluppato un forte interesse per il diritto internazionale in particolar modo per le questioni legate agli aspetti economici. In Mondo Internazionale ricopre il ruolo di caporedattore presso l'area Legge e Società.

    Federico Quagliarini is a grad student in law at University of Milan. Throughtout his studies he has developed a deep interest in international law, in particular for economic aspects. At Mondo Internazionale he is chief editor in the area Legge e Società.

Categorie

Temi Ambiente e Sviluppo


Tag

climatechange Rio 1992 Sustainability heritage

Potrebbero interessarti

Image

Multilateralismo e crisi climatica: il tortuoso percorso verso la Cop 26 di Glasgow

Tiziano Sini
Image

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile: un passo in avanti verso la giustizia climatica

Flavia Pergola
Image

La mobilità del futuro

Chiara Natalicchio
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui