background

Il caso delle sterilizzazioni forzate in Perù sotto il governo Fujimori

Si sta tenendo in questi giorni il processo contro Alberto Fujimori, presidente del Perù dal 1990 al 2000, e contro i suoi ex Ministri della Sanità per i casi di sterilizzazione forzata attuati dal governo nel periodo 1996-2000.

L'ex presidente si trova già in carcere per scontare una condanna per crimini contro l'umanità a causa delle nefandezze compiute dall'esercito e dagli squadroni della morte al soldo del governo durante il suo mandato (trasformatosi poi in dittatura, con un autogolpe compiuto per ottenere i pieni poteri nel 1992) nella guerra contro il gruppo insurrezionalista sendero luminoso, conclusasi ufficialmente nel 2000 con l'arresto dei capi del movimento.

La guerriglia, durata vent'anni, ha visto come principale teatro degli scontri le alte montagne, nonché i paesi e le cittadine abitati prevalentemente da indios quechua, che puntellano la sierra andina.

I crimini commessi dall'esercito, che includono uso sistematico della tortura, sparizioni, esecuzioni extragiudiziali e arresti senza processo, sono stati compiuti non solo contro i senderisti, ma in larghissima parte anche contro i campesinos indigeni, che nessuna colpa avevano se non quella di trovarsi in mezzo agli scontri.

Il lavoro della Comisión de Verdad y Reconciliación, gruppo di ricerca che negli anni seguenti alla fine del conflitto ha lavorato per portare alla luce la verità su quanto successo nei vent'anni di guerra e per istituire un piano di risarcimento delle vittime, ha dimostrato che l'impronta razzista dell'esercito ha avuto un grande peso nel comportamento dei soldati; la società peruviana, infatti, è tutt'oggi avvelenata da un razzismo sistemico nei confronti dei discendenti degli Inca.

Nonostante questo, però, Fujimori nel 1996 diede inizio al Programa Nacional de Salud Reproductiva y Planificación Familiar (PNSRPF), un progetto di lotta alla povertà rivolto prevalentemente a chi viveva negli isolati paesini sulle Ande, e che molto spesso non aveva (né ha tuttora) accesso ad un'educazione sessuale di alcun tipo né tantomeno a forme di contraccezione. La campagna aveva quindi come obiettivo quello di sensibilizzare le donne e gli uomini sul controllo delle nascite, ed aiutare le prime a sviluppare una maggiore consapevolezza del proprio corpo e dei propri diritti riproduttivi.

Il progetto, durato fino alle dimissioni del presidente, travolto da scandali di corruzione, prevedeva anche la sterilizzazione delle donne attraverso la chiusura delle tube, o, in altri casi, la vasectomia per gli uomini.

Molte donne, però, denunciarono di aver subìto l'operazione contro la loro volontà. Per la maggior parte giovani e analfabete, erano state costrette a firmare con l'inganno i documenti scritti solo in spagnolo: la lingua madre degli indios che vivono sulle Ande è il quechua nelle sue varie versioni, e molti di loro non parlano una parola di castigliano.

Già dopo poco più di sei mesi dall'inizio del programma anche Luis Bambarén Gastelmundi, vescovo di Chimbote e segretario della Conferenza Episcopale Peruviana, aveva denunciato questa situazione affermando che il piano di Fujimori, più che una lotta contro la povertà, sembrava una lotta contro i poveri. La società decise però di non ascoltare la sua voce, e il programma continuò.

Inizialmente ignorate e non credute, spesso rifiutate dai mariti e dalla comunità in quanto sterili, queste donne hanno dovuto aspettare più di vent'anni prima che la loro verità venisse presa in considerazione. Solo nel 2016 sono iniziate le indagini sui numerosi casi di sterilizzazione forzata ed è stato istituito il REVIESFO, ovvero il Registro de Víctimas de Esterilizaciones Forzadas[1]: un registro amministrativo che potesse raccogliere tutte le denunce di chi aveva subìto tale pratica contro la propria volontà. Dopo anni di indagini, il governo è arrivato a contare oltre 350mila sterilizzazioni[2], e ha dato inizio al processo contro l'ex presidente e gli allora Ministri della Sanità per quanto accaduto. 

In attesa di sapere cosa decideranno i giudici, non ci resta che sperare che queste donne ricevano un risarcimento (seppur, in ogni caso, insufficiente) per quanto subìto, e che non accada di nuovo che il corpo delle donne diventi uno strumento di controllo razzista.

[1]https://portalestadistico.pe/r...

[2] https://1996pnsrpf2000.wordpre...

https://www.ilgiorno.it/mondo/...

https://ilcaffegeopolitico.net...

https://www.ansa.it/sito/notiz...

https://www.fanpage.it/esteri/...

https://www.europarl.europa.eu...

https://www.minjus.gob.pe/defe...

https://1996pnsrpf2000.wordpre...

https://portalestadistico.pe/r...

https://www.italiamericalatina...


Condividi il post

  • L'Autore

    Simona Sora

    Laurea triennale in Lettere Moderne ad indirizzo storico, laurea magistrale in Antropologia Culturale ed Etnologia. Nel 2014 ha fatto volontariato in un pueblo delle Ande peruviane perché voleva sapere cosa si prova ad essere straniera; nel 2018 ha fatto ritorno sulla stessa catena montuosa, seppur in diversi confini nazionali, per scrivere una tesi sul rapporto tra volontari italiani e campesinos, o forse solo per fare di nuovo ricerca su sé stessa.

    Nella vita ha fatto la receptionist di un ostello in Portogallo, la cameriera a Brescia, la promoter sul lago di Garda, la commessa a Milano, tenendo sempre le orecchie e gli occhi ben aperti su tutto quello che le capitava intorno.

    Da grande vorrebbe continuare ad ascoltare le storie delle persone, per fare esperienza del mondo attraverso i loro occhi; vorrebbe prendere un’altra laurea cambiando completamente ambito o forse discostandosi solo di un po’, perché studiare le piace tanto e le piace anche spaziare tra le conoscenze, e vorrebbe anche scrivere.

    Si sente sempre un essere umano in costruzione.

    In Mondo Internazionale è autrice di pezzi per il progetto TrattaMI Bene e revisore di bozze.

    Bachelor’s Degree in Modern Literature with a major in history, Master Degree in Cultural Anthropology and Ethnology. In 2014 she volunteered in a pueblo in the Peruvian Andes, because she wanted to understand what it is like to be a stranger; in 2018 she returned to the same mountain chain, although in different national borders, in order to write her thesis about the relationship between Italian volunteers and Campesinos, or maybe just to research herself again.

    She worked as a receptionist in a hostel in Portugal, as a waitress in Brescia, as a promoter on Garda lake and as a shopping assistant in Milan, and she have always kept her hears and eyes opened to see all the things around her.

    When she will grow up, she would like to keep listening about people’s stories, to experience the world through their eyes; she would like to pursuit a new degree in something completely new, or maybe in something just a little different from her degrees. She loves studying and learning different subjects too. She would also like writing.

    She always feels herself like a constantly evolving human being. In “Mondo Internazionale” she writes articles about DirittiUmani and she proofreads articles.

Categorie

Dal Mondo America del Sud Sezioni Cultura Diritti Umani


Tag

Peru Fujimori Sterilizzazioneforzata Donne DirittiUmani Du

Potrebbero interessarti

Image

La nuova rivoluzione iraniana passa attraverso lo sport

Redazione
Image

Le odierne "suffragette": la lotta delle donne mediorientali per avere un peso in politica

Sofia Perinetti
Image

I migranti di Lipa: una sconfitta umanitaria

Elisa Capitani
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui