background

I pesticidi, nemici dell’ambiente

Tutti noi sappiamo quanto è importante mangiare bene, inserire nella nostra dieta frutta e verdura, limitare i grassi e masticare bene per garantire il corretto funzionamento del nostro apparato digestivo.

Fin da piccoli siamo stati sgridati dalle nostre madri perché non mangiavamo abbastanza frutta e verdura, o perché non bevevamo abbastanza acqua, ma adesso il vero problema da cui dobbiamo guardarci è la presenza di pesticidi che possono entrare nel nostro organismo e provocare gravi danni.

I pesticidi sono sempre più usati in agricoltura, perché rendono gli alimenti belli da vedere e spingono così i consumatori ad acquistarli, garantiscono una resa e quindi anche un guadagno maggiore per i produttori e permettono di avere frutti e verdure esotiche, anche in climi dove sarebbe impossibile, senza contare la disponibilità di cibo in tutte le stagioni.

Purtroppo i pesticidi sono sempre più usati e sempre più pericolosi e tossici, sono capaci di inquinare in profondità falde acquifere e tutto quello che viene in contatto con queste sostanze: aria, acqua e suolo, le cose più importanti che abbiamo. Non possiamo permetterci di inquinare tutto: un ambiente pulito e non inquinato ci permetterà di vivere meglio e più a lungo in armonia con la natura. Se noi rispettiamo la natura e l’ambiente verremo rispettati e ripagati con coltivazioni che danno i loro frutti e la possibilità di nutrire tutti.

Un evidente problema portato dai pesticidi, dicono gli esperti, "è di natura ecologica: molti trattamenti in commercio sono tossici e altamente inquinanti. Danneggiano in modo grave l’ambiente, a più livelli: contaminano il suolo, la falda acquifera, l’aria. Uccidono svariate forme di vita presenti sulle piante, nel suolo e nei corsi d’acqua”.

Secondo una ricerca dell’Università di Sydney, il 64% dei terreni agricoli a livello globale è a rischio di inquinamento da pesticidi e un terzo di queste aree presenta un rischio elevato. Questo studio ha analizzato l’uso e la diffusione di 92 ingredienti attivi di pesticidi in 168 Paesi e ha preso in esame il pericolo di contaminazione per il suolo, per l’atmosfera e per le acque superficiali. Gli esperti hanno ottenuto risultati definiti chiaramente preoccupanti, "una così alta probabilità di inquinamento comporta gravi danni alla salute umana e all’ambiente naturale. Tra l’altro, si prevede che l’utilizzo dei pesticidi aumenterà con la crescita della popolazione, che si stima arriverà ad 8,5 miliardi entro il 2030”.

I pesticidi inquinano nel profondo, intaccano la flora e la fauna per finire inevitabilmente nel nostro organismo. Tanti sono i veleni che finiscono nel piatto; crediamo che frutta e verdura ci facciano stare bene e invece sono gli alimenti più inquinati e potenzialmente più pericolosi.

Il nostro ambiente viene cambiato in profondità dai pesticidi, e i cambiamenti sono tutti in negativo. La perdita di biodiversità e di sostanze nutritive rovina il terreno, lo lascia più povero, sterile e incapace di sostenersi da solo. Ma più pesticidi comportano un’ulteriore perdita di nutrimento: diventa un cane che si morde la coda. Vogliamo che il terreno possa provvedere a sempre più persone ma gli togliamo tutto quello che lo aiuta ad arricchirsi di preziosi nutrienti; otteniamo così un terreno sterile, che deve sostenere tutti i nostri bisogni, cosa impossibile se non con quantità sempre più elevate di pesticidi.

E la domanda è: sappiamo da dove provengono i cibi che mangiamo? La risposta è no, perché pretendiamo frutta e verdura in ogni stagione, senza pensare all'importanza della stagionalità; vogliamo tutto e subito senza dare ai terreni la possibilità di rigenerarsi. Abbiamo frutta e verdura che arriva da molto lontano, alimenti trattati con pesticidi chimici talmente pericolosi che bisogna mettere la scritta “buccia da non mangiare”; e tutto ciò solo perché abbiamo la falsa convinzione che più pesticidi voglia dire dire più resa, ma la realtà è un'altra.

L’impegno per ridurre i pesticidi deve essere una sfida prioritaria: per cominciare, dovremmo sforzarci di comprare biologico e a km zero, poi dovremmo stare attenti alle etichette e comprare alimenti quanto più possibile privi di sostanze pericolose. Solo in questo modo potremo convincere le aziende grandi e piccole a evitare il più possibile l’uso di qualsiasi sostanza chimica.

In conclusione la quantità di pesticidi che troviamo nel nostro piatto, che inquinano e causano gravi danni anche al nostro organismo, dipende da noi e dai nostri consumi, che devono essere più consapevoli e più ragionati.


Condividi il post

  • L'Autore

    Valeria Fraquelli

    Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione.

    Ho fatto anche vari corsi post Laurea perchè non si finisce mai di imparare e io personalmente credo che rimanere sempre informati sia un dovere e un diritto per capire meglio come funziona il mondo che ci circonda.

    Adoro l'arte e la cultura e mi piace molto girare per mostre e musei. Mi piace anche viaggiare, il mondo è grande e tutto da scoprire con altre culture e altre tradizioni interessanti ed affascinanti.

Categorie

Temi Ambiente e Sviluppo Salute e Benessere Agenda 2030 Salute e Benessere Consumo e produzione responsabili Vita sulla terra


Tag

pesticidi inqinamento aria malsana acqua contaminata suolo inquinato nutrizione agricoltura

Potrebbero interessarti

Image

La cellulite, un inestetismo della sovralimentazione

Redazione
Image

Il segreto della dieta, la strada per la salute

Redazione
Image

Ceci: proprietà nutrizionali

Redazione
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui