background

I due alleati della salute, dieta e attività fisica

Il giusto mix che fa la differenza

Già prima della nascita di Cristo, un medico chiamato Ippocrate aveva capito l’importanza dell’alleanza tra la dieta e l’attività fisica, con la celebre frase “se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, né in eccesso né in difetto, avremmo trovato la strada giusta per la salute”. Ad oggi si sa, infatti, che solo una sana alimentazione o solo un’adeguata attività fisica non bastano se presi singolarmente a raggiungere l’obiettivo dello stare in salute. È il giusto mix di essi che fa davvero la differenza, poiché basta la sedentarietà o un’alimentazione sregolata a rovinare i piani.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) afferma che gli adulti (18-64 anni), per stare in salute, dovrebbero effettuare almeno 150 minuti alla settimana di attività moderata o 75 minuti di attività vigorosa (o combinazioni delle due), in sessioni di almeno 10 minuti per volta, da svolgere almeno 2 volte alla settimana.

Iniziare una dieta, intesa come stile di vita, è come iniziare a volersi prendere cura di se stessi. Specialmente in questo periodo di cambiamenti e presa di posizione è importante iniziare o aumentare l’attività fisica, possibilmente sia aerobica (attività di resistenza) sia anaerobica (attività contro resistenza o di potenza). La prima aiuta a mantenere attivo il metabolismo, a bruciare i grassi e soprattutto a prevenire le patologie cardio-vascolari, a migliorare il profilo lipidico e glucidico, a controllare la pressione e a migliorare la peristalsi intestinale. La seconda aiuta anche a mantenere una buona massa muscolare, migliorando così la composizione corporea (meno massa grassa e più massa magra). Il muscolo è tra gli organi più dispendiosi del nostro organismo e per questo aiuta a mantenere attivo il metabolismo.

Ma non è finita qui. Il movimento svolge anche un effetto benefico sul sistema nervoso centrale, aumentando le endorfine e stimolando il buon umore. A lungo termine, inoltre, aiuta a mantenere una buona funzione della memoria.

Insomma, dalla scienza giunge la buona notizia che per cercare di stare in salute e anche per avere un dimagrimento efficace nel tempo serve svolgere prima di ogni cosa l’attività fisica, da abbinare sicuramente ad una dieta sana ed equilibrata.


Condividi il post

  • L'Autore

    Maria Parisi

    Maria ha conseguito la laurea magistrale in Biologia Applicata alle Scienze della Nutrizione presso l’Università degli Studi di Milano ad ottobre 2017. Ha effettuato il tirocinio universitario presso l’U.O. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva del Policlinico San Donato, dove ha appreso alcune conoscenze specifiche. Successivamente ha ottenuto l'abilitazione all'esercizio della professione di Biologo dopo il superamento della prima sessione dell'Esame di Stato del 2018 e si è iscritta all'albo dei Biologi (Sezione A). Attualmente frequenta un master universitario di II livello presso l'Università di Milano-Bicocca, che prende il nome di "Master ADA - Alimentazione e Dietetica Applicata", e lavora in qualità di Biologa Nutrizionista e di docente di biologia, chimica e scienze alimentari.

Categorie

Salute e Benessere Nutrizione


Tag

dieta attivitàfisica movimento benessere prevenzione

Potrebbero interessarti

Image

Il cibo in una visione antropologica

Maria Parisi
Image

L'atleta e la dieta a basso indice glicemico

Maria Parisi
Image

Ogni sintomo è attribuito ad un’intolleranza alimentare, è veramente così? Facciamo chiarezza

Federica Mascaretti
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui