background

I Sistemi Alimentari come acceleratori della crescita globale

Mondo Internazionale ha tenuto un evento internazionale nel quadro del World Food Forum

Mondo Internazionale ha tenuto un evento all'interno della cornice del World Food Forum - "Food Systems as Global Economy Accelerators" - in cui ha voluto sensibilizzare le giovani generazioni sulle grandi opportunità del settore agroalimentare e sulle responsabilità che questo settore porta con sé nei confronti della società civile e dell'economia globale. Attraverso un panel internazionale l'evento ha offerto una visione concreta dei punti critici della situazione globale ma, soprattutto, ha offerto soluzioni per un futuro condiviso.

I relatori all'evento: Alessandro Cocchi, Agroeconomista e Docente di Economia dello Sviluppo all'Università di Firenze, Kaitlyn Rabe, Direttore di Mondo Internazionale G.E.O. e Gloria Marinsanti Rwakihembo, Vice Segretario Generale di Mondo Internazionale.


Definire le priorità


Secondo la Banca Mondiale (2021) la povertà estrema globale è aumentata nel 2020 per la prima volta in più di 20 anni, poiché lo sconvolgimento causato dalla pandemia COVID-19 ha aggravato la situazione globale e l'impatto del cambiamento climatico, che stavano già rallentando tutti i progressi sulla riduzione della povertà. Circa 120 milioni di persone vivono in povertà a causa della pandemia, e ci si aspetta che il totale salga a circa 150 milioni entro la fine del 2021. La crisi economica causata dalla pandemia di COVID ha contribuito anche  alla disoccupazione globale di più di 200 milioni di persone il prossimo anno, con le donne e i giovani lavoratori tra i più colpiti. La crescente competizione per la scarsità d'acqua sta portando a tensioni e conflitti tra le parti interessate, esacerbando così le disuguaglianze nell'accesso alle risorse - specialmente per le popolazioni vulnerabili, tra cui le popolazioni più povere e agricole, le donne e le popolazioni indigene. Questi sono alcuni dei problemi che stiamo affrontando oggi. Eppure l'agricoltura inclusiva, la produzione alimentare e l'innovazione possono creare posti di lavoro ed eliminare la fame nelle zone rurali a livello globale, dando alle persone la possibilità di nutrire le loro famiglie e vivere una vita dignitosa.


Sistemi alimentari globali e locali 


Quando parliamo delle differenze tra sistemi alimentari globali e locali, ci imbattiamo in diverse caratteristiche che dovrebbero essere considerate in qualsiasi attività politica. I sistemi alimentari globali comportano specializzazione, bassi costi di produzione e beni di alta qualità. Questi sistemi possono essere confrontati con i sistemi alimentari locali, che sono naturalmente a bassa intensità di capitale e lavoro, quindi non sempre competitivi su larga scala.

Quando guardiamo il panorama dei sistemi alimentari globali - in particolare nel sud del mondo - vediamo che la maggior parte degli agricoltori sono piccoli proprietari. Come ha riferito il professor Cocchi, i produttori locali mantengono un equilibrio complicato tra i sistemi alimentari internazionali e quelli locali. La globalizzazione ha il potere di aumentare le disparità se le persone non partono da situazioni euguali.

Facendo diversi esempi - come la sua esperienza in Sud America con i produttori di caffè - il professor Cocchi ha spiegato che questo effetto è molto più visibile quando si studiano le commodities internazionali. La mancanza di flessibilità e di reattività del produttore locale rischia di ostacolare i sistemi alimentari locali, danneggiando profondamente le economie locali. L'assenza di strumenti finanziari e assicurativi in alcuni paesi poi può addirittura aggravare i possibili effetti negativi sui piccoli proprietari e sugli agricoltori locali.

Costruire modelli di aggregazione associativa


Quindi, come può l'economia locale avere un impatto sull'economia globale? Come è osservabile in molti contesti, una possibile strategia per aumentare la resilienza dei produttori locali è la possibilità di costruire cooperative di piccoli proprietari. Questo aiuta i piccoli proprietari ad essere meglio attrezzati per impegnarsi nei mercati globali, ad aiutarsi a vicenda nella ristrutturazione delle loro catene di valore e nel costruire maggiore sicurezza sui loro beni di produzione.

La capacità degli agricoltori e dei piccoli proprietari locali di associarsi tra loro è stata definita come la pre-condizione per qualsiasi sviluppo importante nelle zone rurali. Per svilupparsi, è necessario avere accesso ai servizi esterni, alla fornitura di input, ai meccanismi di assicurazione e ad altri servizi come l'assistenza tecnica. Senza il potere delle organizzazioni associative, questi sarebbero quasi impossibili da raggiungere per i singoli piccoli proprietari. Inoltre, queste organizzazioni possono rivelarsi un meccanismo efficiente per rappresentare le istanze degli agricoltori di fronte alle istituzioni e al mercato globale.


La Sovranità Alimentare 


La sovranità alimentare - come definita dalla FAO - è il diritto dei popoli a un cibo sano e culturalmente appropriato, prodotto con metodi ecologicamente sani e sostenibili, e il loro diritto a definire i propri sistemi alimentari e agricoli. Da un punto di vista economico, invece, la "sovranità alimentare" è intesa come l'autonomia e il controllo di uno Stato sulle proprie risorse alimentari ed il conseguente peso politico-economico che la sua produzione agricola può avere sul mercato globale. Abbiamo visto negli ultimi anni la crescente importanza di questo concetto, sia a livello locale che internazionale. 

Su scala geopolitica, la mancanza di "autosufficienza" alimentare colpisce molti paesi sia nel Nord che nel Sud del mondo; per esempio, paesi come la Gran Bretagna e il Giappone non possiedono la capacità di produrre abbastanza cibo per nutrire la propria popolazione, rendendoli dipendenti da altri stati per le forniture alimentari. Il concetto di sovranità alimentare è diventato anche un nuovo strumento di influenza diplomatica, poiché i giganti economici, come la Russia e la Cina, perseguono la totale autosufficienza alimentare proprio come perseguono la sovranità militare, economica o politica.

Nei paesi economicamente e politicamente fragili, invece, la questione della sovranità alimentare è meno uno strumento politico, ma è una questione di vita o di morte; in aree remote dove è quasi impossibile trasportare le scorte alimentari - come nel Sahel - il controllo degli individui sulla produzione delle proprie risorse è essenziale, dimostrando così la necessità di localizzare il paradigma della "sovranità alimentare" in contesti particolarmente fragili. In questo senso, la sovranità alimentare gioca un ruolo essenziale sia nelle economie nazionali che in quelle locali.

“FTA” multilaterali, bilaterali e regionali


Secondo Kaitlyn Rabe, gli accordi internazionali acquistano un'importanza costante quando si parla di cooperazione che comporta l'interconnessione di due o più sistemi alimentari. Tali accordi sono gestiti in modi diversi a seconda del paese coinvolto. Se ci si concentra sugli Stati Uniti, è evidente che l'approccio bilaterale è quello preferito. Se invece guardiamo all'Unione Europea, l'approccio multilaterale (o addirittura regionale) è molto più apprezzato.

La ragione per la quale l'Unione Europea adotta un approccio così inglobante deriva dalla necessità di prevenire (o evitare) la concorrenza tra aree della stessa regione. L'idea dell'UE in questo senso implica la necessità di creare comunità economiche con cui creare accordi. Tuttavia, come testimoniato dai relatori, gli accordi di libero scambio sono quasi sempre basati su approcci e precondizioni squilibrate. Infatti, gli agricoltori europei godono di situazioni finanziarie più favorevoli (come quelle concesse nel quadro della Politica Agricola Comune). 

Nel 2013 un accordo internazionale sui prodotti lattiero-caseari è stato negoziato da UE e Colombia. A causa degli squilibri in termini di concorrenza e prezzi (in riferimento ai forti sussidi nell'UE) è stato negoziato un periodo di "adattamento" per la Colombia, dove il paese doveva investire nel miglioramento dei suoi livelli di produttività per competere con i prodotti del mercato europeo. Tuttavia, rimangono problemi con diverse parti coinvolte nei negoziati sulle questioni alimentari con l'UE riguardo a tariffe nascoste e requisiti di sicurezza alimentare troppo alti.

Quale sistema alimentare è il migliore?


Come menzionato, la globalizzazione è un fenomeno complicato che ha guidato lo sviluppo ma ha anche contribuito all'esacerbazione degli squilibri sociali ed economici. La necessità è capire come gestire gli esiti negativi della globalizzazione. Un punto di partenza equo nel processo di sviluppo deve essere centrale in qualsiasi discorso sulla questione.

I sistemi alimentari locali tendono ad essere più strutturati per essere resistenti al clima, ma devono essere sviluppati per essere anche resistenti alla globalizzazione. Il cambiamento climatico sarà un grande punto di svolta nella valutazione di ciò che promuoveremo come modello economico in futuro. Come ha detto il professor Alessandro Cocchi alla fine dell'evento, "I sistemi alimentari locali avranno un nuovo importante ruolo nella gestione degli effetti negativi del riscaldamento climatico sulle catene di approvvigionamento alimentare".


Condividi il post

  • L'Autore

    Stefano Sartorio

    Laureato in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee e studente di Relazioni internazionali, mi piace indagare sulle cause delle problematiche e capire i fondamenti che caratterizzano le più odierne sfide globali.

Categorie

Temi Ambiente e Sviluppo Organizzazioni Internazionali Società


Tag

WFF World Food United Nations Food systems events international youth youth FAO

Potrebbero interessarti

Image

Lo stallo libico: il rischio di nuove frammentazioni interne

Alessandro Micalef
Image

Framing the world, Numero LXXXII

Redazione
Image

Cambiamento climatico e nutrizione: minacce e soluzioni

Andrea Radaelli
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui