background

Febbraio europeo

L’andamento delle restrizioni e la paura della terza ondata

Con il rischio della terza ondata, a causa degli aumenti dei contagi – che arrivano quasi a 40 milioni in totale nel continente - e delle varianti del virus, i governi europei stanno valutando di adottare restrizioni più rigide. La Germania, con due milioni di casi, ha annunciato di estendere le misure d'emergenza fino al 7 marzo. Il nuovo governo Draghi sta meditando l’adozione di un lockdown simile a quello dell’anno scorso, dietro al numero di contagi che si avvicina ai 3 milioni e il numero dei morti a 100 mila. Stesso discorso per la Francia e la Spagna, in cui tutt’ora non sono in vigore dei lockdown veri e propri. La situazione sembra migliore nel Regno Unito, dove Boris Johnson ha annunciato la possibilità di ridurre le restrizioni nel mese di marzo.

299314

La mappa del 18 febbraio mostra come la maggior parte del continente sia considerata dal Consiglio in zona rossa, con rischio elevato – cioè zone in cui i tamponi delle due settimane precedenti registrino un tasso di positività del 4%, con positivi tra i 50 e 150 ogni 100 mila abitanti, oppure nei casi in cui siano tra i 150 e i 500. Vi sono varie zone rosso scuro nel continente (rischio molto elevato), dove sono rilevati più di 500 infetti ogni 100 mila abitanti.

Sviluppi e rallentamenti nella somministrazione dei vaccini

Continua la campagna di somministrazione di vaccini nell’Unione Europea. In Francia, quasi il 4% della popolazione ha ricevuto la prima dose necessaria, ma meno del 2% la seconda. Dati simili anche per la Germania e l’Italia. Nel Regno Unito la prima dose è stata somministrata quasi al 25% della popolazione - anche se meno dell’1% ha ricevuto la seconda. Questo vantaggio è un trionfo della Brexit? I ritardi nelle vaccinazioni in Europa sono in parte attribuibili alla distribuzione di AstraZeneca, che ha favorito il Regno Unito. Ma va anche considerata la lentezza nei processi decisionali dell’Unione, comparati a quelli di altri paesi: gli Stati Uniti hanno somministrato la prima dose a più del 12% della popolazione. Gli accordi europei per le somministrazioni di vaccini stanno garantendo comunque 600 milioni di dosi da BioNtech/Pfizer, 160 da Moderna e 400 da AstraZeneca - alle quali sono state aggiunte altre 90. Anche se non ancora approvati, sono in attesa 405 milioni di dosi da CureVac, 400 milioni da Johnson & Johnson e 300 da Sanofi-GSK.

Posticipato l’accordo definitivo per la Brexit

L’accordo provvisorio "post-Brexit" tra Regno Unito e Unione Europea sugli scambi, la sicurezza e la pesca è stato prorogato per un mese – fino a fine marzo -, in modo da garantire la conclusione di un accordo definitivo. I primi mesi sono stati caratterizzati da molti problemi burocratici alla dogana, che hanno colpito le esportazioni britanniche. Un tema di particolare rilevanza dell’accordo riguarda l’Irlanda del Nord, particolarmente interessata a restare nel mercato comune europeo e nell’unione doganale, al fine di evitare barriere ingombranti nell’isola e per compensare gli ostacoli nel collegamento con gli altri territori britannici. Il ritardo nell’accordo definitivo dà speranza alle future relazioni economiche tra l’Unione Europea e il Regno Unito – oggi incerte – mentre, dall’altro lato, l’unione britannica si è indebolita, anche a causa dello scontento della Scozia.


Condividi il post

  • L'Autore

    Michele Bodei

    Michele Bodei sta per conseguire la laurea triennale in Studi Internazionali e Istituzioni Europee presso l’Università degli Studi di Milano, dove sta approfondendo gli studi sul regime di Cuba negli anni Sessanta nella preparazione dell’elaborato finale.

    È appassionato di geopolitica e di musica, dall’hip hop al jazz, e pratica nuoto nel tempo libero.

    In Mondo Internazionale ricopre il ruolo di autore su tematiche europee.

    Michele Bodei is getting his Bachelor’s degree in International Studies and European Istitutions at “Univesità degli Studi di Milano”, where he is deepening his studying on cuban regime during the Sixties while preparing his final thesis.

    He loves geopolitics and music, from hip hop to jazz, and during free times he enjoys swimming.

    In Mondo Internazionale he is author for european themes.

Categorie

Dal Mondo Europa Sezioni Organizzazioni Internazionali Unione Europea


Tag

#ue #eu #vaccino #covid19 #lockdown #brexit #astrazeneca #news #internationalnews #unioneeuropea

Potrebbero interessarti

Image

Leadership femminile in Europa

Licia Signoroni
Image

La disciplina della cittadinanza nell’ordinamento italiano

Simona Maria Destro Castaniti
Image

Bielorussia: quale destino?

Michele Bodei
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui