background

Abbracciare le arti creative per un cambiamento positivo

La Biblioteca della Casa Gialla (Yelloh House): Arte creativa nel cuore della valle del Niger

Le scuole delle comunità povere nigeriane si concentrano meno sull'arte o sulle espressioni creative. L'enfasi è più convenzionale: aritmetica, lingua inglese e scienze sociali. E anche le scuole nelle città faticano ad inserire l'arte nel loro curriculum, lasciandola fuori dalla porta della quotidianità scolastica. L'arte e le attività creative si sono insediate nelle retrovie, spesso etichettate come "attività extracurricolari". I bambini con menti veramente dotate soffrono del soffocamento dell'attenzione artistica nei sistemi scolastici. E anche quelli senza un potenziale artistico perdono l'importanza dell'arte creativa nel loro processo educativo.

Ma sono i bambini dei luoghi più poveri a soffrire di più. L'economia delle loro famiglie fa sì che il pensiero dei libri o di qualsiasi cosa vicina all'arte sia messo da parte per attività più "produttive" come l'agricoltura, la pesca o il commercio. Il guadagno economico supera l'importanza creativa e i suoi effetti positivi. È questa triste realtà che ha fatto sì che Babafemi lasciasse la città di Lagos, dove lavorava in un bar (facendo zuppe di peperoni) e scriveva le sue opere destinate a varie riviste internazionali. Bayelsa era la destinazione, uno stato nel sud della Nigeria, nel cuore del Delta del Niger.

Babafemi Babawale era come ogni scrittore frustrato, quando nacque l'idea della biblioteca Yellow House. Difatti, le ricompense finanziarie per gli scrittori e gli artisti creativi sono molto esigue. Rispetto a ciò, Babafemi informò il suo mentore, uno scrittore americano Chiwan Choi (che più tardi sarebbe diventato il co-pioniere della Yellow House Library con lui), segnalandoli l'intenzione di vendere le pile di libri lasciati da suo padre per generare denaro. "Gli ho detto che volevo vendere i libri lasciati da mio padre; ero al verde!", ha raccontato Babafemi. Ma poi, per fortuna, Chiwan ha detto: "ti pagherò per quei libri".

Il sogno per lui e per la Biblioteca Gialla è stato specificamente quello di "esporre la parte creativa del bambino", come ha detto succintamente. La sua prima settimana nella povera comunità di Bayelsa è stata frenetica e, come ha ammesso, "stavo già rimpiangendo la mia decisione di trasferirmi a Bayelsa". Ha dormito nel piccolo negozio affittato appositamente per la Biblioteca della Casa Gialla per mesi, mentre andava in diverse scuole per raccontare loro cosa fosse il posto da lui ideato. Le scuole accolsero bene lui e le sue idee; era una cosa nuova e gratuita! I nigeriani amano le cose che vengono gratis, ma nello stesso entusiasmo alberga anche un pessimismo verso queste ultime. Ma nel complesso, il progetto è stato accolto bene.

Libri: Una parte essenziale della vita

Gli africani leggono? Babafemi Babawale ha una risposta inequivocabile: "basta partecipare a una delle nostre sessioni di lettura". Ad ogni sessione di lettura si può trovare l'entusiasmo nei volti dei bambini che sono pronti a leggere racconti di scrittori di tutto il mondo, dalla poesia classica ai romanzi indigeni. Molti dei bambini, inoltre, provengono da posti distanti dalla Yelloh House. 

Babafemi ha citato la storia di un ragazzo che ha camminato per due ore per partecipare ad una delle sessioni di lettura serali. "Di solito do loro il prezzo del trasporto per ogni sessione di lettura", ha detto. "Ma quel giorno, ho scoperto che il ragazzo aveva camminato a lungo per arrivare alla seduta programmata. Così l'ho seguito a casa sua. I suoi genitori erano poveri e ho notato che il ragazzo non aveva quaderni". La Casa Gialla gli ha quindi fornito libri e materiale di lettura. La reazione della madre del ragazzo, quella dimostrazione visiva di apprezzamento e di gratitudine, è ciò che Babafemi ha poi definito "impagabile".

Oltre all'impegno della Biblioteca nel dare libri gratis ai bambini in età scolare, il progetto si occupa anche del benessere delle madri adolescenti e delle ragazze incinte. La Biblioteca si impegna anche in concorsi creativi di scrittura di saggi, modellazione dell'argilla, scrittura di poesie, con piccoli prezzi per gentile concessione di Chiwan Choi.

L'arte, il bambino, il futuro

L'arte coinvolge i sensi e aiuta l'immaginazione, la creatività e l'innovazione; perciò è essenziale per la crescita generale di un bambino. "Impegnandosi in attività artistiche, i bambini praticano una varietà di abilità e progrediscono in tutte le aree di sviluppo. L'arte creativa aiuta i bambini a crescere nello sviluppo fisico, sociale, cognitivo ed emotivo. I bambini praticano anche l'immaginazione e la sperimentazione mentre inventano nuovi modi di creare arte"; come affermato da un articolo sull'importanza dell'arte per un bambino pubblicato su https://childcare.extension.or....

A maggio, la Casa Gialla ha visitato la scuola dei disabili. Lì hanno coinvolto i bambini nelle arti creative, chiedendo loro di disegnare qualsiasi cosa gli venisse in mente. Sono nati molti bellissimi schizzi. C'è stato il caso speciale di un ragazzino cieco che ha disegnato un violino su un cartone, e quando gli è stato chiesto della sua scelta ha detto che "desiderava che un giorno la musica potesse essere tradotta nel linguaggio dei segni", come racconta affettuosamente Babafemi. E c'è anche la storia di un bambino che ha disegnato un pollo colorato e ha chiesto: "un pollo verrebbe ancora ucciso se fosse veramente bello?"

Come ha sperimentato nella sua comunità di Bayelsa, Babafemi crede che la creatività permetta a un bambino di trascendere le costrizioni fisiche, specialmente per i bambini che hanno vissuto con una disabilità. Aiuta a creare un mondo di possibilità infinite. Ed è per questo che il suo mantra personale continua ad essere "esporre la parte creativa del bambino". Questa possibilità, cioè dell'arte e dell'espressione creativa, ci fa chiedere perché molte scuole in Nigeria non stanno esplorando sufficientemente questa cosa. 

Mentre il futuro del mondo appartiene sicuramente alla tecnologia e alle competenze digitali, il ruolo dell'arte rimane saliente. Aiuta a stimolare la mente, aumenta la nostra immaginazione e arricchisce la nostra produzione creativa. I bambini avrebbero bisogno di più attività creative nelle loro scuole e comunità. Le loro menti hanno bisogno delle arti tanto quanto della matematica. Senza un progetto come i libri della biblioteca della Casa Gialla, l'arte sarebbe un oggetto astratto e non il mondo di bellezza e immaginazione che abbiamo appena messo in luce. 


467237

A cura di  Ngoziukwu Livingstone Ifeanyichukwu (Mondo Internazionale Nigeria); traduzione della versione originale "Embracing creative arts for positive change".


Condividi il post

  • L'Autore

    Redazione

Categorie

Temi Cultura Mondo Internazionale Nigeria


Tag

nigeria Arts Culture society

Potrebbero interessarti

Image

MONDO INTERNAZIONALE - RIFLESSIONE SULLA GIORNATA MONDIALE DELLE COMPETENZE GIOVANILI

Redazione
Image

L’importanza di una visione “interculturale” nel mondo della nutrizione

Redazione
Image

African Giant

Jawad Arif
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui