background

Sanna Marin

Domina

"Voglio costruire una società in cui ogni bambino possa diventare qualsiasi cosa e ogni persona possa vivere e crescere con dignità primo tweet di Sanna Mirella Marin

Sanna Mirella Marin, classe 1985, è l’attuale Primo Ministro finlandese. Entra a far parte dei giovani socialdemocratici nel 2006 e nel 2012 si laurea in “Scienze dell’Amministrazione”, dopo molti sacrifici per potersi pagare gli studi. Viene eletta in Parlamento nel 2015 diventando poi, nel 2019, Ministro dei trasporti e delle telecomunicazioni nel governo guidato dai socialdemocratici e sostenuto dal Centro, dai Verdi e dalla Sinistra. Dopo una disputa sulla gestione di uno sciopero postale che ha portato alla fine della coalizione, la giovane donna ne approfitta per ottenere il consenso della leadership del partito e dar vita ad una nuova alleanza, decisamente più spostata verso sinistra: così, il 10 dicembre 2019 viene eletta Ministro Capo della Repubblica finlandese, diventando, a soli 34 anni, la più giovane Prima Ministra in carica nel mondo.

Cresciuta con due mamme, ritiene che l’uguaglianza fra i diritti umani non debba essere considerata una questione di opinione, per questo in cima agli obiettivi da lei prefissati c'è sicuramente quello di dare un’influenza positiva sulla visione che la società ha dei propri cittadini e dei loro diritti. I suoi punti cardine vertono su una forte tutela del welfare state, del rilancio della spesa pubblica e del lavoro. Proprio a questo proposito, un’iniziativa che ha destato molta curiosità nei Paesi membri dell’Unione Europea è quella della riduzione dell’orario lavorativo a ventiquattro ore, distribuite su quattro giorni. La ratio di questa proposta avanzata dal Ministro Capo risiede nel permettere ai lavoratori di godere di più tempo da passare con famiglia ed affetti o da dedicare ad attività ludiche e culturali, al fine di permettere loro di lavorare con più produttività nei giorni stabiliti. Un posto d’onore sembra essere riservato alla tecnologia, che potrebbe aiutare le aziende a compensare le ore non coperte dal personale.

Una delle promesse fatte dalla Marin è stata quella di limare le disuguaglianze legate alla parità di genere in Finlandia. Per questo, il suo governo ha annunciato l’intenzione di concedere ad entrambi i genitori lo stesso periodo di congedo parentale, con l’obiettivo di far trascorrere ad entrambe le parti il medesimo quantitativo di tempo con il neonato, spingendo i padri a fare un passo deciso verso questa direzione.

Le idee ben chiare e i lungimiranti progetti scaturiti dal pensiero di Sanna Marin non hanno potuto evitare lo scontro con il nemico instauratosi nella quotidianità di ognuno di noi nel corso di quest'anno: il Covid-19. Grazie al modus operandi adottato durante la Guerra Fredda, che prevedeva un costante accumulo di scorte, la Finlandia non ha dovuto imbattersi nella battaglia globale per la ricerca di camici e mascherine. Questo ha sicuramente permesso alla popolazione di adattarsi in maniera più rapida ed efficace alle norme di contenimento del virus. Insieme alla direttrice delle comunicazioni del governo, si è da subito pensato ad un modo per sensibilizzare nell'immediato anche le menti giovani a proposito delle motivazioni delle misure adottate e dell’importanza che queste vengano rispettate: per questo, sono stati “arruolati” più di millecinquecento influencer che, attraverso l’utilizzo dei social network, hanno spiegato in maniera semplice ed efficace cosa stesse accadendo nel mondo, combattendo le fake news. Il "New York Times" ha definito la Finlandia "il Paese più preparato al mondo contro il Covid".

Sanna Marin, con determinazione ed intelligenza, sembra non essere disposta a cedere ad ignoranza e pregiudizi: ha infatti dichiarato di non pensare mai alla sua età anagrafica o al suo genere, poiché la sua concentrazione è volta piuttosto a portare a termine quei progetti che hanno conquistato la fiducia dell'elettorato.

Fonti consultate per il presente articolo:

https://tg24.sky.it/mondo/approfondimenti/sanna-marin-chi-e

https://www.corriere.it/economia/lavoro/20_gennaio_04/finlandia-l-idea-premier-sanna-marin-ufficio-quattro-giorni-resto-famiglia-4eb5ba5a-2ef9-11ea-838c-ac55de770e3c.shtml

https://www.huffingtonpost.it/entry/parita-di-congedo-a-mamme-e-papa-164-giorni-ciascuno_it_5e3c494ac5b6b70886fc0afc

https://it.insideover.com/schede/politica/chi-e-sanna-marin.html

https://www.corriere.it/esteri/cards/coronavirus-se-donne-al-governo-si-difendessero-meglio-merkel-jacinda-lezione-sette-leader/sanna-marin.shtml

https://www.pexels.com/it-it/foto/amministrazione-asta-azzurro-bandiera-997611/


Condividi il post

  • L'Autore

    Francesca Oggiano

    Mi chiamo Francesca Oggiano e sono una studentessa iscritta al corso di “Scienze Internazionali ed Istituzioni Europee” presso l’Università degli Studi di Milano.

    Da sempre la scrittura mi permette di rendere reale ciò che nasce come pensiero astratto, ed in particolare lo studio di materie giuridiche, economiche e sociali, improntate verso una visione internazionale, ha consolidato in me la necessità di voler raccontare ciò che accade nel mondo attraverso la ricerca di usi e tradizioni appartenenti a luoghi diversi e lontani dal nostro quotidiano.

    Sono venuta a conoscenza della realtà “Mondo Internazionale” e da subito mi ha incuriosita il fatto che si trattasse di ragazzi giovani impegnati a creare uno spazio che permettesse loro di credere in qualcosa di grande ed ho così deciso di voler fare anche io la mia parte.

    Insieme al meraviglioso Team che si occupa del progetto “TrattaMi Bene”, ho la possibilità di esprimermi riguardo a temi che da sempre mi appassionano e mi stanno a cuore, come i diritti umani e la violenza di genere, e che mai più di ora penso debbano essere divulgati fra le generazioni. Credo profondamente nel valore dello scambio comunicativo e sono convinta che con la forza della conoscenza e dell’informazione si possa crescere e migliorare, sia come individui che come Comunità.



    My name is Francesca Oggiano and I am currently a student of International Studies and European Institutions at the University of Milan.

    Writing has always allowed me to translate abstract thoughts into concrete realities and studying subjects like law, economics and social sciences, especially when marked by an international directory, has strengthen in me the need to tell what happens in the world through specific research of traditions belonging to places that are diverse and far from our daily life.

    I came across “Mondo Internazionale” and the fact that it involved young people engaged in creating a space that would let them believe in something greater made me curious from the very beginning; hence, I decided that I also wanted to give my contribution to this project.

    Together with the wonderful team of the “TrattaMi Bene”, I have the chance to express my ideas on themes that have always been close to my heart and that deeply interest me, such as human rights and gendered violence, and that I am certain now more than ever need to be discussed through generations. I strongly believe in the importance of communicative exchanges and I am committed to the idea that, thanks to the power of knowledge and information, one can grow and get better both as an individual and as a community.

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

Framing The World, Edizione LXXXIV

Redazione
Image

“Li denuncerò...domani"- Lo stupro di Franca Rame

Redazione
Image

Conoscere la celiachia: di che cosa si tratta esattamente?

Redazione
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui