background

Miriam Makeba

Domina

Miriam Makeba nacque il 4 marzo del 1932 a Prospect Township, vicino a Johannesburg, in Sud Africa. Morì il 10 novembre del 2008 a Castel Volturno, vicino a Napoli, in Italia. Fu una cantante sudafricana, divenuta poi nota come “Mama Afrika”, annoverata tra le più importanti interpreti dell'Africa Nera nel XX secolo.

La talentuosa artista iniziò a cantare in un coro scolastico in tenera età. Successivamente, verso metà degli anni Cinquanta, divenne una cantante professionista che si esibiva principalmente in Africa meridionale: pochi anni dopo, le sue canzoni e i suoi brani la resero famosa in tutto il Sud Africa. Inoltre, la sua apparizione nel film documentario Come Back, Africa (1959) attrasse l'interesse di Harry Belafonte e di altri artisti americani: con il loro aiuto la donna si stabilì negli Stati Uniti nel 1959, dove intraprese una carriera di successo.

Il suo repertorio comprende un'ampia varietà di canzoni popolari, ma soprattutto un’importante presenza di brani in lingua Xhosa e Zulu, che introdusse al pubblico occidentale. Divenne anche nota per i suoi testi fortemente critici nei confronti dell’apartheid. Interessante sottolineare che, nel 1960, le fu negato il rientro in Sudafrica: per questo motivo, visse trent'anni in esilio; nel 1963, il governo sudafricano censurò i suoi brani e le revocò il passaporto.

Nel 1964 sposò il trombettista Hugh Masekela: nonostante il divorzio dopo soli due anni, la coppia mantenne sempre uno stretto rapporto professionale. Altro evento importante della vita di Miriam Makeba avvenne nel 1965, quando lei e Harry Belafonte vinsero un Grammy Award come miglior registrazione folk, grazie al loro album An Evening with Belafonte/Makeba.

Nel 1968 iniziò un periodo piuttosto movimentato per l’artista: quello stesso anno, infatti, sposò Stokely Carmichael, attivista statunitense (dal quale divorziò nel 1979). Il matrimonio rappresentò una circostanza che condusse la sua carriera negli Stati Uniti al declino. Successivamente, si stabilì con Carmichael in Guinea, per poi trasferirsi in Belgio, continuando a registrare e a viaggiare in Africa e in Europa.

La sua autobiografia, Makeba: My Story, fu pubblicata nel 1988. Due anni dopo, nel 1990, l'attivista sudafricano Nelson Mandela, che era stato appena rilasciato dalla sua prolungata prigionia, incoraggiò Makeba a tornare in Sud Africa: la cantante si esibì in patria, per la prima volta dal suo esilio, nel 1991.

Sebbene afflitta da problemi di salute, Makeba continuò ad esibirsi anche negli anni successivi: morì di infarto poco dopo aver tenuto un concerto in Italia, nel 2008.

Tra le canzoni per le quali è conosciuta a livello internazionale vi sono "Pata Pata" e "Click Song"; entrambe presentano i caratteristici suoni click della Xhosa, la sua lingua nativa. Durante la sua carriera Makeba realizzò 30 album originali, quasi 20 compilation e svariate apparizioni in registrazioni di altri musicisti.


Condividi il post

  • L'Autore

    Licia Signoroni

    Licia Signoroni ha 23 anni e vive a Palazzolo sull’Oglio, città in provincia di Brescia.

    Tre anni fa si è trasferita a Bologna per intraprendere il corso di Laurea triennale in Scienze Politiche, Sociali e Relazioni Internazionali. Dopo avere trascorso l’ultimo anno di studi presso l’istituto di studi politici “Sciences Po Lille”, ha deciso di iscriversi presso il corso di Laurea magistrale in Management dell’Economia Sociale, che sta attualmente frequentando.

    Le sue aree di interesse riguardano i diritti umani, con un focus sulla situazione della donna per quanto riguarda la sua condizione lavorativa in ambito internazionale.

    Licia Signoroni is 23 years old and she lives in Palazzolo sull'Oglio, a city in the province of Brescia.

    She moved to Bologna three years ago to undertake the bachelor’s degree in Political, Social and International Relations. After having spent the last year of studies at the institute of political studies "Sciences Po Lille", she decided to enrol in the Master’s degree in Management of Social Economy, which she is currently attending.

    Her areas of interest concern human rights, with a focus on the situation of women with regard to their working conditions from an international perspective.

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

Framing The World, numero XLIX

Redazione
Image

La Costituzione UNESCO compie 75 anni

Graziana Gigliuto
Image

Libertà o chiusura

Michele Pavan
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui