background

Amelia Earhart: icona dell’aviazione

Domina

Amelia Earhart, conosciuta come “Lady Lindy”, fu un'aviatrice americana misteriosamente scomparsa nel 1937 mentre cercava di circumnavigare il globo dall'equatore. La Earhart è la sedicesima donna a cui fu rilasciata la licenza di pilota. Protagonista di diversi voli importanti, nel 1928 fu la prima donna a volare attraverso l'Oceano Atlantico. La famosa aviatrice fu ufficialmente dichiarata morta nel 1939.

La Earhart nacque il 24 luglio 1897 ad Atchison, in Kansas. L’aviatrice trascorse gran parte della sua prima infanzia nella famiglia dei suoi nonni materni. In ambito scolastico, mostrò da subito una favorevole attitudine verso la scienza e lo sport. Dopo la laurea, la giovane trascorse una vacanza di Natale visitando sua sorella a Toronto, in Canada.

Dopo aver visto diversi soldati feriti tornare dalla Prima Guerra Mondiale, si offrì volontaria come assistente infermiera per la Croce Rossa, contesto nel quale la Earhart conobbe molti piloti feriti. Così, sviluppò una forte ammirazione per gli aviatori, trascorrendo gran parte del suo tempo libero a guardare il Royal Flying Corpo praticare sul campo di aviazione nelle vicinanze. Nel frattempo, nel 1919, la ragazza si iscrisse agli studi medici alla Columbia University, che lasciò un anno dopo per stare con i suoi genitori in California.

Ad un'esposizione aerea a Long Beach nel 1920, Earhart fece un giro in aereo che trasformò la sua vita per sempre. Durò solo 10 minuti, ma quando atterrò sentì il bisogno di dover imparare a volare. Dopo avere svolto una grande varietà di lavori, dalla fotografa alla camionista, guadagnò abbastanza soldi per prendere lezioni di volo dalla famosa aviatrice Anita "Neta" Snook. Così la Earhart si immerse nell'imparare a volare. Lesse tutto quello che riusciva a trovare sul volo e passò gran parte del suo tempo all'aeroporto. Inoltre, si tagliò i capelli corti, nello stile di altre aviatrici e, preoccupata per quello che gli altri piloti più esperti avrebbero potuto pensare di lei, confessò di avere dormito nella sua nuova giacca di pelle per tre notti per dare un aspetto più "consumato".

Nell'aprile 1928, Earhart ricevette una telefonata dal capitano Hilton H. Railey, pilota e pubblicitario, che le chiese: "Ti piacerebbe volare sull'Atlantico?". In un batter d'occhio, lei disse di sì. Quindi la donna si recò a New York per essere intervistata, dove incontrò i coordinatori del progetto, tra cui l'editore George Putnam. Presto fu scelta per essere la prima donna su un volo transatlantico, come passeggero. Infatti all'epoca dovette fare i conti con la credenza che un tale volo fosse troppo pericoloso per essere condotto da una donna.

Il 17 giugno 1928, la Earhart decollò da Trespassey Harbor con un aereo denominato Friendship. Ad accompagnarla in volo c'erano il pilota Wilmer "Bill" Stultz e il co-pilota/meccanico Louis E. "Slim" Gordon. Circa 20 ore e 40 minuti dopo atterrarono a Burry Point, nel Regno Unito. A causa del tempo, Stultz pilotò tutto il volo. Anche se questo era l'accordo, Earhart in seguito confidò che sentì di "Essere solo un bagaglio, come un sacco di patate." Poi aggiunse: "Forse un giorno ci proverò da sola." La squadra del Friendship tornò negli Stati Uniti, accolta da una parata a New York. In seguito ad un ricevimento tenuto in loro onore con il presidente Calvin Coolidge alla Casa Bianca, la stampa soprannominò Earhart "Lady Lindy": un derivato di "Lucky Lind", soprannome di Lindbergh, talentoso aviatore statunitense.

Poco dopo il ritorno dal suo volo transatlantico del 1928, la Earhart partì con successo in solitaria attraverso il Nord America. Il 20 maggio 1932 divenne la prima donna a volare da sola attraverso l'Atlantico, in un viaggio di quasi 15 ore da Harbour Grace, Terranova, a Culmore, Irlanda del Nord.

Il 22 maggio 1932, la Earhart fece un'apparizione all'aeroporto di Hanworth a Londra, dove ricevette un caloroso benvenuto dai residenti locali. Il volo dell’aviatrice la rese un’eroina internazionale che la portò ad ottenere molti riconoscimenti importanti.


Condividi il post

  • L'Autore

    Licia Signoroni

    Licia Signoroni ha 23 anni e vive a Palazzolo sull’Oglio, città in provincia di Brescia.

    Tre anni fa si è trasferita a Bologna per intraprendere il corso di Laurea triennale in Scienze Politiche, Sociali e Relazioni Internazionali. Dopo avere trascorso l’ultimo anno di studi presso l’istituto di studi politici “Sciences Po Lille”, ha deciso di iscriversi presso il corso di Laurea magistrale in Management dell’Economia Sociale, che sta attualmente frequentando.

    Le sue aree di interesse riguardano i diritti umani, con un focus sulla situazione della donna per quanto riguarda la sua condizione lavorativa in ambito internazionale.

    Licia Signoroni is 23 years old and she lives in Palazzolo sull'Oglio, a city in the province of Brescia.

    She moved to Bologna three years ago to undertake the bachelor’s degree in Political, Social and International Relations. After having spent the last year of studies at the institute of political studies "Sciences Po Lille", she decided to enrol in the Master’s degree in Management of Social Economy, which she is currently attending.

    Her areas of interest concern human rights, with a focus on the situation of women with regard to their working conditions from an international perspective.

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

Lo Stato cinese azionista di ByteDance

Mariam Ndiaye
Image

"L’Intelligenza Artificiale potrebbe essere il peggior evento della storia della nostra civiltà"

Stefano Cavallari
Image

Dove finiscono i rifiuti dell’Europa?

Nadia Dalla Gasperina
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui