background

Tipitaka

Culturalmente Imparando

Col termine Tipiṭaka (in sanscrito त्रिपिटक, cioè Tripitaka - letteralmente “tre canestri”) si indica il canone Pāli, cioè uno dei tre canoni che raccolgono i sacri testi buddhisti. Gli altri due sono il canone cinese e quello tibetano; i loro nomi derivano della lingua in cui sono stati redatti.

Scritto in pāli (una lingua indiana), il Tipiṭaka raccoglie antichissimi scritti un tempo conservati in canestri, da qui la spiegazione del nome. Essi rappresentano la più antica collezione di testi buddhisti giunta integralmente fino ai giorni nostri. Il loro contenuto riguarda gli insegnamenti lasciati dal Buddha sotto forma di sermoni, lezioni e guide alle giuste pratiche per raggiungere il Nirvana.

Inoltre, il Tipiṭaka si divide in tre parti: il Vinaya-piṭaka, il Sutta-piṭaka e l’Abhidhamma-piṭaka. Il primo “canestro” contiene scritti sulla disciplina e l’ordine monastico; il secondo contiene parabole sulla vita del Buddha e suoi insegnamenti; l’ultimo canestro, infine, approfondisce i concetti dottrinali del secondo.

Questo canone è caratteristico del buddhismo Theravāda, una tra le più antiche scuole derivanti dagli insegnamenti del Buddha e particolarmente diffuso nel Sud-est asiatico. Il principio promosso da questa dottrina è il Vibhajyavāda, ovvero l’insegnamento dell’analisi e dell’introspezione tramite esperienze pratiche.


Condividi il post

  • L'Autore

    Mario Rafaniello

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

Sport: una sfida per le donne musulmane

Valeriana Savino
Image

Afghanistan: la crisi non conosce tregua

Vincenzo Battaglia
Image

Geopolitica della Brexit

Edoardo Pozzato
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui