background

Mondjo

Culturalmente Imparando

Il Mondjo (in italiano “Tromba del Diavolo”) è il nome comune con il quale i Ba-Ronga del Sudafrica chiamano la Datura fastuosa, una pianta velenosa che presenta un’altissima concentrazione di alcaloidi tropanici.

Questa pianta, nelle tribù dei Ba-Ronga, rappresenta un vero e proprio strumento fondamentale per un corretto mantenimento dell’ordine e della giustizia nel villaggio. Essa, infatti, è la protagonista delle ordalie attraverso le quali i capi del villaggio mettono in evidenza, davanti a tutti i presenti, la colpevolezza di alcuni individui per crimini come la stregoneria o l’adulterio.

Nello specifico, viene somministrata una piccola dose di una complessa pozione preparata con il veleno del Mondjo unito ad altri particolari ingredienti, come il grasso o la polvere delle ossa di un lebbroso morto da diverso tempo.

Una volta testata la sua efficacia sul Moudlayi, capo di tutti gli stregoni, gli uomini e le donne accusati vengono riuniti nelle vicinanze di un lago e ad ognuno viene somministrato un sorso della pozione. Dopodiché essi vengono fatti sedere sotto il sole del mezzogiorno e costretti a restare completamente immobili, senza muoversi nemmeno per grattarsi. Quando qualcuno degli accusati inizia a grattarsi e ad agitarsi, il Moudlayi gli porge la grossa piuma che porta con sé durante le danze rituali che accompagnano l’ordalia. L’individuo interessato, in preda agli effetti del veleno, si dimostrerà incapace di afferrarla, evidenziando così la sua colpevolezza.

Al termine di questa fase, viene ordinato a tutti gli altri di correre a lavarsi nel lago. Anche qui, però, chi cade o inciampa verrà ritenuto baloyi (colpevole), tanto quanto i primi.

Una volta individuati tutti i “criminali”, essi vengono interrogati, ma solamente dopo aver permesso loro di riacquisire la capacità di parlare, attraverso un infuso di erbe (tchéké) e la frizione di alcune particolari foglie sulle guance. Durante l’interrogatorio, i colpevoli ammetteranno i loro crimini, sulla base dei quali verranno rimproverati, fustigati o addirittura banditi dal villaggio.


Condividi il post

  • L'Autore

    Pablo Scialino

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

Perché la Virtual Reality è destinata a cambiare le nostre vite

Stefano Cavallari
Image

Il Consiglio Europeo

Martina Oneta
Image

Proposta di pace per lo Yemen, ancora rifiutata

Michele Pavan
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui