background

Gher

Culturalmente Imparando

Spesso le mode e le innovazioni stravolgono usanze, tradizioni, oggetti e comportamenti che per molto tempo hanno segnato i lineamenti delle civiltà e dei popoli.

In un mondo ormai sempre più connesso, sempre più allo scoperto e direttamente influenzato dalle tendenze globali, è raro incontrare segni di antica esistenza, ancora oggi usati, amati, vissuti.

È il caso della Gher, la tipica abitazione mongola che già dal 3.000 a.C. risplende, con il suo luminoso colore biancastro, nel bel mezzo della steppa.

La grata di legno circolare, chiamata Hana, posta al centro della piccola abitazione, è il centro nevralgico della semplice ed affascinante architettura che sorregge la capanna. Nei suoi 20 metri quadrati di superficie, tra toono (calotta superiore da cui fuoriesce il camino) e bagana (colonne a T che sorreggono la struttura), la Gher vanta di un’ottima protezione dal freddo, grazie alle pelli impermeabili e il feltro che la ricoprono. Il posizionamento della khalga (porta d’ingresso) verso sud non è casuale e permette una ricca circolazione di aria calda proveniente dal deserto del Gobi.

I suoi colori caldi, i profumi antichi e i tappeti variopinti fanno da sfondo ad un universo di contatto tra i remoti segni di un passato glorioso e la modernità globalizzata: non è raro trovare accanto a un buddha impolverato una polaroid abbandonata a se stessa.

Passata attraverso i racconti di Erodoto, fino ad aver ricoperto il ruolo di tappa fondamentale per i viaggiatori diretti ad Oriente, la Gher non è solo una semplice abitazione. Al suo interno prendono tutt’oggi vita i rituali più tradizionali: vietati gli oggetti nefasti, uomini devono essere disposti a sinistra e le donne a destra. Infine bisogna porre attenzione a non urtare la soglia, è segno di cattivo auspicio!


Condividi il post

  • L'Autore

    Pablo Scialino

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

Siccità, crisi idrica in Italia

Lorena Radici
Image

Il principio dello sviluppo sostenibile nel diritto internazionale

Federico Quagliarini
Image

Eulex Kosovo

Valeriana Savino
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui