background

Consonno

Culturalmente Imparando

Consonno è un piccolo centro nella provincia di Lecco e la sua storia è davvero particolare. Infatti, questa cittadina, che fino a sessant’anni fa era un piccolo borgo agricolo, oggi è una vera e propria “città fantasma”. Per raggiungerla bisogna percorrere una ripida salita che passa attraverso un bosco, porta d’ingresso per questo mondo surreale. Difatti, Consonno non è soltanto una città disabitata e abbandonata, ma un vero e proprio scenario fantascientifico.

Ma conosciamo meglio la sua storia.

Il borgo fu acquistato da un eccentrico industriale brianzolo, il Conte Mario Bagno, nel 1962. Egli voleva trasformare questo luogo immerso nel verde in una sorta di “Las Vegas della Brianza”: luogo di perdizione, di gioco e di divertimento. Bagno fece costruire edifici dalle forme più bizzarre, gallerie commerciali in stile arabo con un minareto, una pagoda cinese, un castello di stile medievale, una balera e addirittura un hotel di lusso, tipici di Las Vegas.

Nel 1976, però, una devastante frana rese Consonno quasi irraggiungibile, isolandola dai turisti. Da allora la città è disabitata, anche se ha preso vita un’associazione chiamata “Gli Amici di Consonno”, il cui obiettivo è quello di far rinascere la cittadina dalle ceneri. Per questo ogni anno, dal lunedì di Pasquetta fino a ottobre, il villaggio lombardo è aperto alle visite e ogni domenica si riempie di gente.


Condividi il post

  • L'Autore

    Pablo Scialino

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

“SOLO UNO SCHIAFFO"

Silvia Passoni
Image

Proposta di pace per lo Yemen, ancora rifiutata

Michele Pavan
Image

Una risorsa rinnovabile ma non inesauribile (4)

Stefano Sartorio
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui