background

Il COVID-19 ha esacerbato un divario politico e sociale già esistente negli Stati Uniti

Il nuovo COVID-19 si è diffuso velocemente ed ha portato il mondo ad uno stallo. Il virus ha avuto origine a Wuhan, Cina, a fine 2019 e ad inizio 2020 si è diffuso in tutto il mondo. La pandemia ha drasticamente influenzato il mondo, e gli Stati Uniti non hanno fatto eccezione. La pandemia ha costretto le nazioni a cambiare e adattarsi; per gli USA questo adattamento ha portato ad un inasprimento del divario politico con conseguenze fatali.

Nel gennaio del 2021 il CDC ha confermato il primo caso di COVID-19 negli USA - qualcuno che era recentemente tornato da Wuhan, Cina. [1] Al 28 ottobre 2021 ci sono stati 46,668,950 casi di COVID-19 negli USA con conseguenti 763,144 morti. [2] C’è stato un picco nei nuovi casi da novembre 2020 a gennaio 2021 con una seconda ondata iniziata nell’estate del 2021. [2] Le prime reazioni e l’atteggiamento verso la pandemia dei leader statunitensi hanno creato incertezza e incredulità che affliggono il paese ancora oggi.

All’inizio di gennaio il CDC ha risposto alla pandemia emettendo il più basso livello di allerta per i viaggi, entro la fine di gennaio si è giunti al livello più alto. [3] A marzo molti altri paesi , come l’Italia, hanno applicato lockdown su larga scala; nel frattempo alcuni stati americani hanno dichiarato lo stato d’emergenza e annunciato che i raduni dovessero essere cancellati per 14 giorni. [3] Il 13 marzo 2020 il Presidente Trump ha dichiarato l'emergenza nazionale e gli americani sono stati incoraggiati ad alterare radicalmente i loro comportamenti. [4] Dopo questa dichiarazione ci sono state indicazioni dal CDC ma nessuna risposta federale chiara e coesa, lasciando i leader degli stati a reagire come ritenevano più opportuno.

La mancanza di regolamentazione è largamente dovuta all'atteggiamento dell’allora Presidente Trump verso la gravità del COVID-19 e di quanto ritenesse efficace la sua risposta iniziale. Il Presidente Trump ha costantemente minimizzato la gravità della pandemia di COVID-19 paragonandolo all’influenza, dicendo che molti casi positivi erano “persone giovani che sarebbero guarite in un giorno” e che un ampio numero di casi fosse “una cosa buona” perché mostrava quanto gli USA avessero incrementato l’attività di monitoraggio. [5] Questi e molti altri miti sono stati recepiti come fatti dai cittadini degli USA perché erano supportati e promossi dai leader politici diffusi ampiamente attraverso i social media, come trattamenti non verificati e potenzialmente pericolosi per il COVID-19, l’efficacia delle mascherine e più recentemente la sicurezza del vaccino per il COVID-19. [6]

Il primo vaccino per il COVID-19 è stato approvato per l’Emergency Use Authorization (EAU) dalla Food and Drug Administration (FDA) l’11 dicembre 2020. SI tratta di un vaccino mRNA che il corpo usa per mimare le proteine del virus COVID-19, permettendo quindi al sistema immunitario della persona di reagire al virus senza alterarne il materiale genetico. [7] Ancora una volta c’è stato dello scetticismo circa il vaccino da parte di entrambi i maggiori partiti politici statunitensi. Lo scetticismo era largamente basato sulla diffidenza nei confronti della scienza e su giochi politici. I leader esitavano a mostrare supporto per il vaccino perché questo poteva influenzare la visione che gli elettori avevano di loro e quindi mettere a repentaglio la loro rielezione. Questo ha contribuito al ciclo infelice dell’utilizzo del COVID-19 come pedina politica.

Ancora più infelici sono le reali conseguenze della pandemia usate come mangime politico. Per via della sfiducia disseminata e della diffusione di false informazioni da persone con influenza sociale e politica, molti cittadini rifiutano le linee guida per la salute e la sicurezza pubblica, rifiuto che a volte risulta nel contagio loro o dei loro cari e/o nella loro morte, e nella distruzione delle relazioni tra amici e familiari per via dei sentimenti forti e polarizzanti causati dalle teorie complottiste. [8] Una delle maggiori conseguenze è stato un basso tasso di vaccinazioni complete dei cittadini USA, con solo il 60% della popolazione vaccinata completamente il 16 novembre 2021. [9] Il tasso di vaccinazione di altri paesi supera ampiamente quello statunitense, come l’Italia con il 72% e gli Emirati Arabi Uniti con il più alto tasso, l’87%. [10] Con un tasso di vaccinazione così basso sembra improbabile che gli USA raggiungano l’immunità di gregge, eppure le persone vaccinate sono meno a rischio di contrarre il COVID-19 o di subire sintomi gravi o di necessitare di ospedalizzazione se infettate. [11]

Il divario creatosi ad inizio pandemia continua ancora oggi e sembra che continuerà anche in futuro. Sebbene alcuni leader all’apparenza abbiano rivisto la loro posizione vaccinandosi prima del resto della nazione, questo non sembra essere abbastanza per convincere i cittadini statunitensi a fare lo stesso - nemmeno la vaccinazione dell’ex Presidente Tump pare aver fatto vacillare coloro i quali erano più scettici per via di quanto aveva detto in passato. [12,13] Sembra improbabile che i cittadini USA cambieranno le loro abitudini a questo punto della pandemia. Ciò nonostante, ci sono più persone che si stanno vaccinando negli USA. Sebbene possa essere troppo tardi per far cambiare idea a molti cittadini statunitensi, forse il paese sarà in grado di imparare dai suoi errori per avere più successo in futuro.

Traduzione di Immacolata Balestrieri dell'articolo "COVID-19 Deepened an Existing Political and Social Divide in the United States" di Dan Payne.


Fonti

  1. A Timeline of COVID-19 Developments in 2020
  2. https://www.worldometers.info/coronavirus/country/us/
  3. The First 100 Days of the U.S. Government’s COVID-19 Response
  4. The federal government’s coronavirus response—Public health timeline
  5. Timeline: How Trump Has Downplayed The Coronavirus Pandemic
  6. Eight Persistent COVID-19 Myths and Why People Believe Them
  7. FDA Approves First COVID-19 Vaccine
  8. The casualties of this year's viral conspiracy theories
  9. US Coronavirus vaccine tracker
  10. Coronavirus (COVID-19) Vaccinations
  11. Herd immunity and COVID-19 (coronavirus): What you need to know
  12. All the U.S. Officials Who Have Received the COVID-19 Vaccine
  13. Trump and his wife received coronavirus vaccine before leaving the White House

Condividi il post

  • L'Autore

    Redazione

Categorie

Dal Mondo America del Nord Temi Società


Tag

USA Covid19 society politics

Potrebbero interessarti

Image

Vaccini in Europa: a che punto siamo?

Valeria Lavano
Image

Non c'è pace per i curdi in Siria

Edoardo Cappelli
Image

Focus economico sull’Afghanistan – Parte 1

Davide Bertot
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui