Logo Studio Europa| Italia
Studio Europa| Italia

Lo Studio Europa è lo studio radiofonico della Rappresentanza della Commissione europea in Italia. Lo studio radio permette a tutte le emittenti radiofoniche che lo richiedano di registrare, montare e trasmettere, in diretta o in differita, programmi incentrati sull'Unione europea, sulle sue politiche e sui servizi che offre ai cittadini, nonché dibattiti e interviste a personalità ed esperti europei.

Nello studio radio la Rappresentanza produce inoltre trasmissioni quali "22 minuti - una settimana in Europa" e "Un libro per l'Europa".

Tra Mondo Internazionale e Studio Europa è sorta una stretta collaborazione che vede la condivisione dei programmi di Studio Europa da parte di quest'ultimo. Siamo desiderosi di presentare come avviene la condivisione del materiale di Studio Europa che Mondo Internazionale utilizza per informare in merito all'Unione europea. 

1. DISPOSIZIONI GENERALI

Le emittenti radiofoniche o i siti internet che decidano di riprendere gratuitamente i programmi radiofonici o video dello “Studio Europa” agiscono in piena indipendenza da dettami, pressioni o richieste delle istituzione dell’UE, di uno Stato membro dell’UE o di qualsiasi altro Stato o istituzione, su qualsivoglia elemento del loro palinsesto.

Definizioni:

Per «istituzioni dell’UE» si intendono tutte le istituzioni dell’Unione europea ai sensi dei trattati.

Per «programmi di Studio Europa», si intendono le trasmissioni radiofoniche o video prodotte dallo “Studio Europa” della Rappresentanza in Italia della Commissione europea su temi attinenti all’Unione europea:

- “22 minuti - Una settimana d’Europa in Italia”

- “Un libro per l’Europa”

- Gli speciali radiofonici o video di uno dei due programmi di cui sopra.

2. FINALITÀ E STANDARD QUALITATIVI DEI PROGRAMMI DI “STUDIO EUROPA”

2.1 Finalità dei programmi di “Studio Europa”:

(a) selezionare e divulgare informazioni sull’UE e sugli Stati membri dell’UE;

(b) coltivare ed arricchire la diversità culturale dell’UE;

(c) informare - in maniera autorevole ed imparziale - sulle notizie, sull’attualità, sulla cultura dell’UE, dei suoi Stati membri e del mondo (qualora vi sia una dimensione europea;

(d) proporre programmi incentrati sull’impatto dell’UE - segnatamente delle sue politiche, decisioni, programmi e azioni sulla vita dei cittadini - e dare eco alle preoccupazioni dell'opinione pubblica a livello regionale, nazionale ed europeo;

(e) proporre programmi di approfondimento o descrittivi e dibattiti;

(f) riferire in maniera imparziale ed informata, ricorrendo al commento di protagonisti, politici, tecnici, scienziati, giornalisti professionisti, personalità autorevoli, ecc., delle procedure e politiche delle istituzioni e degli organi dell’UE;

(g) promuovere la conoscenza e la diffusione della cultura dei paesi membri dell’UE.

2.2 Standard qualitativi dei programmi “Studio Europa”

I programmi di “Studio Europa”:

(a) trattano i temi controversi con la dovuta precisione e imparzialità, sia nell’ambito dei programmi di informazione che di altri programmi a carattere più generale dedicati ad argomenti politici, sociali o culturali controversi;

(b) non hanno contenuti suscettibili di offendere il buon gusto o la decenza o di incoraggiare reati, provocare disordini o offendere il pubblico;

(c) non sfruttano indebitamente le suscettibilità del pubblico e rispettano le religioni e le credenze religiose di qualsiasi tipo;

(d) non ricorrono a dispositivi tecnici che permettano di inviare al pubblico messaggi subliminali o di influenzare il pubblico senza che quest’ultimo se ne renda - del tutto o parzialmente - conto.

3. IMPEGNO DELLE EMITTENTI RADIOFONICHE e/o DEI SITI INTERNET CHE USUFRUISCONO DEI PROGRAMMI DI “STUDIO EUROPA”

Ferme restando le disposizioni generali di cui al punto 4, le emittenti radiofoniche/i siti internet:

3.1. si impegnano ad inserire nel proprio palinsesto/sito i programmi di “Studio Europa” senza modificarne il contenuto, mantenendone la qualità e l'integrità editoriale. È a loro discrezione la scelta del giorno e dell’ora in cui trasmetterli, nel rispetto delle esigenze e degli interessi del pubblico/degli utenti;

3.2. hanno il diritto, in base alle proprie prassi, di interrompere i programmi per inserirvi spot pubblicitari o notiziari, purché risulti chiaro che tali interruzioni non fanno parte dei programmi di “Studio Europa” ma rientrano nel diritto di intervento dell’emittente o del sito internet;

3.3. inseriscono nel proprio palinsesto e pubblicano sul proprio sito internet (qualora esista) e rendono accessibile a chiunque la richieda la provenienza dei programmi di “Studio Europa” e la presente "Linea editoriale";

3.4. trasmettono eventuali reclami del pubblico ai responsabili di “Studio Europa”.

4. STANDARD QUALITATIVI DELLE EMITTENTI RADIOFONICHE / DEI SITI INTERNET

“Studio Europa” si riserva il diritto di rifiutare di fornire i propri programmi radiofonici o video, o di interrompere la loro messa a disposizione, qualora l’emittente radiofonica o il sito internet non rispettino le seguenti condizioni:

(a) trattare i temi controversi con la dovuta precisione e imparzialità, sia nell’ambito dei programmi giornalistici che di altri programmi a carattere più generale dedicati ad argomenti politici o sociali controversi;

(b) non diffondere contenuti suscettibili di offendere il buon gusto o la decenza o di incoraggiare reati, provocare disordini o offendere il pubblico;

(c) non urtare le suscettibilità del pubblico e rispettare le religioni e credenze religiose di qualsiasi tipo;

(d) non ricorrere a dispositivi tecnici che permettano di inviare al pubblico messaggi subliminali o di influenzare il pubblico senza che quest’ultimo se ne renda - del tutto o parzialmente - conto.

(e) non rivendere a terzi o ad altre emittenti radiofoniche o siti internet i programmi gratuiti di “Studio Europa”.

5. ETICA

5.1. L’emittente radiofonica/sito internet si astiene dall’offrire, dare o accettare di dare ai dipendenti delle istituzioni dell’UE omaggi o ricompense di qualsiasi natura finalizzate a:

 indurre tale persona a compiere - o astenersi dal compiere - un’azione connessa all’ottenimento dei servizi di “Studio Europa” o all’applicazione della presente “Linea editoriale” o di qualsiasi altro contratto o convenzione di sovvenzione UE;

 ricompensare tale persona per avere compiuto - o per essersi astenuta dal compiere - una simile azione;

 indurre tale persona a favorire o sfavorire qualcuno nell’ambito della presente "Linea editoriale" o di qualsiasi altro contratto o convenzione di sovvenzione UE.

5.2. Qualsiasi violazione di tale divieto da parte dell’emittente radiofonica/sito internet - o di una persona che lavori o agisca per suo conto (anche a sua insaputa) - o qualsiasi reato commesso dal beneficiario o da una persona che lavori o agisca per suo conto nell'ambito dei servizi gratuiti di “Studio Europa” o della presente "Linea editoriale", dà facoltà alla Commissione europea di trasmettere - al termine di un adeguato procedimento contraddittorio - i documenti relativi all'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF).

Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui