background

L'uso da parte della Cina della diplomazia sanitaria come strumento di soft power durante la pandemia di Covid-19

Il suo impatto sulla percezione della Francia verso la Cina

Il Covid-19 è emerso nella città di Wuhan, nel centro della Cina alla fine di dicembre 2019, e si è diffuso in tutta la Cina e oltreoceano molto rapidamente. Le restrizioni successive sono state attuate in tutto il mondo, dal blocco completo al coprifuoco, così come le restrizioni di viaggio. Mentre la pandemia continuava a diffondersi, la Cina è stata ampiamente criticata per aver coperto l'inizio della pandemia nonostante i successivi avvertimenti del personale medico di Wuhan. Quando i casi della Cina hanno iniziato ufficialmente a diminuire - nel marzo 2020 - il partito comunista cinese ha deciso di fornire aiuti ai paesi e alle regioni che vedevano aumentare esponenzialmente i loro casi di Covid-19. Entro la fine di marzo, Pechino ha inviato in Europa il suo personale medico, le forniture e le attrezzature mediche, nonché milioni di mascherine. Mentre i paesi beneficiari lodavano la Cina per aver fornito aiuti in quella che è diventata un'emergenza sanitaria globale, presto sono sorti interrogativi e critiche riguardo agli obiettivi della Cina nell'esercitare questa cosiddetta diplomazia sanitaria in Europa. Quello che era un aiuto d'emergenza fornito ai paesi bisognosi divenne presto - agli occhi del mondo - una diplomazia sanitaria e una sorta di opportunità di soft power per il Dragone. In effetti, la pandemia ha dato alla Cina l'opportunità di espandere la sua leadership attraverso l'uso della diplomazia sanitaria come strumento di soft power.

Diverse indagini sono state condotte per capire come la pandemia ha modificato la percezione che la Francia ha verso la Cina dopo la pandemia. Quattro sondaggi sono di grande importanza: quello del Central European Institute of Asian Studies (CEIAS), il sondaggio del Pew Research Centre 2020 e quello pubblicato dall'European Council of Foreign Relations (ECFR). I tre sondaggi mostrano lo stesso risultato sorprendente: la reputazione della Cina in Francia dopo la pandemia è peggiorata: il sondaggio del CEIAS mostra che il 62% degli intervistati ha una visione negativa della Cina e il sondaggio condotto dal Pew Research Centre mostra che la proporzione raggiunge il 70%; mentre prima della crisi la percentuale era "solo" del 50%. Tra questo 70%, il 26% ha dichiarato di avere una visione "molto sfavorevole", e il 44% una "piuttosto sfavorevole". Inoltre, solo il 3% degli intervistati ha una visione "molto positiva" della Cina. L'analisi del sondaggio stabilisce chiaramente il legame tra questo calo di reputazione e le importanti critiche che la Cina ha subito verso la sua gestione della pandemia. Queste percentuali molto alte fanno sì che la Cina diventi il secondo paese più percepito negativamente nel mondo per gli intervistati francesi, dopo la Corea del Nord e subito prima della Russia. Questa visione negativa è accompagnata da una perdita di fiducia verso Xi JinPing: nel 2019, il 60% del campione ha dichiarato di avere "nessuna fiducia" o "poca fiducia" verso il presidente Xi. Dopo la pandemia, questa percentuale è aumentata del 21%. Ancora più importante, il 54% degli intervistati ritiene che la Cina abbia gestito male la pandemia. Anche il sondaggio dell'ECFR mostra dei risultati simili: nonostante l'aiuto medico e le forniture ricevute dal paese, gli intervistati francesi, alla domanda su quale paese sia stato il loro più grande alleato durante l'epidemia di coronavirus, solo il 4% ha risposto la Cina. Allo stesso modo, il sondaggio CEIAS mostra che solo il 18% degli intervistati dichiara di avere una visione positiva verso la Cina e solo il 30% crede che la Cina abbia aiutato la Francia durante la pandemia.

Visti i risultati dei sondaggi, è giusto dire che l'aiuto fornito non ha avuto i risultati attesi: uno degli obiettivi del soft power è quello di creare o migliorare una visione positiva di un paese all'estero: c'è stata una chiara mancanza di comprensione da parte degli intervistati francesi nell'aiuto fornito al loro paese, poiché meno del 30% dei cittadini interrogati crede che la Cina abbia aiutato il proprio paese. Questa cifra è sorprendente: l'aiuto fornito è avvenuto, è un fatto, nel senso che non coinvolge la percezione o una dimensione soggettiva. Tuttavia, la percentuale di persone che ne sono consapevoli è sorprendentemente bassa.

Un altro risultato sorprendente è il fatto che più della metà degli intervistati francesi crede che la Cina abbia gestito male la pandemia, soprattutto considerando che Pechino, già nel marzo 2020, tre mesi dopo l'inizio della pandemia, ha dichiarato zero casi sul suo territorio. In più, le cifre dei morti dello Stato cinese sono molto basse, nonché molto inferiori a quelle della Francia; e qui la "quarta ondata" e le nuove varianti hanno fatto rialzare i casi, raggiungendo la cifra simbolica di 10.000 pazienti in terapia intensiva. Da un punto di vista economico, la gestione cinese della pandemia sembra essere stata più efficiente, poiché la loro crescita economica è stimata al 2,3% nel 2020, mentre la Francia è entrata in recessione e aveva un tasso di crescita stimato a -8,3% nel 2020. Anche se i due paesi non sono allo stesso livello di sviluppo e quindi il tasso di crescita cinese è solitamente più alto di quello francese, la differenza è significativa e suggerisce che la Cina è stata in grado di riprendersi più velocemente dalla crisi rispetto alla Francia.

I sondaggi mostrano che la visione della Cina è peggiorata dopo lo scoppio della pandemia, nonostante la diplomazia sanitaria attuata nel paese: ci sono dal 12% al 20% in più di persone che hanno una visione negativa della Cina rispetto a prima della pandemia (a seconda del sondaggio scelto), e il 62% degli intervistati ha dichiarato che la loro visione della Cina è peggiorata dopo lo scoppio. Inoltre, solo l'8% delle persone interrogate nel sondaggio CEIAS crede che la reputazione internazionale della Cina sia aumentata. Ciò che emerge è che la pandemia ha effettivamente offerto alla Cina l'opportunità di migliorare il suo soft power nell'UE attraverso la diplomazia sanitaria. Tuttavia, la Cina non è riuscita nel suo intento poiché, in primo luogo, uno degli scopi finali del soft power è quello di creare o migliorare l'attrattiva; obiettivo, come si è visto, non raggiunto nella percezione francese. 

A cura di Hermine Haton (traduzione della versione originale "China’s use of health diplomacy as a soft power tool during the Covid-19 pandemic")


Fonti:


Condividi il post

  • L'Autore

    Redazione

Categorie

Dal Mondo Europa Asia Orientale Temi Organizzazioni Internazionali Società


Tag

covid-19 France China Health Diplomacy Soft Power International Relations

Potrebbero interessarti

Image

Framing The World, Numero LXXIII

Redazione
Image

Il Covid 19 e la disparità di genere in Nepal

Redazione
Image

Framing The World, Edizione LXXXIII

Redazione
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui