background

Blockchain: cos'è e come funziona?

Iniziamo dando delle prime definizioni, in modo tale da inquadrare le differenze:

  • Blockchain: è ciò che permette l’esistenza della cryptovaluta (tra le altre cose);
  • Cryptovaluta: è un mezzo di scambio, come il dollaro o l’euro, creato e archiviato elettronicamente nella blockchain, ma è digitale e utilizza tecniche di crittografia per controllare la creazione di unità monetarie e verificare il trasferimento di fondi;
  • Bitcoin: è il nome della cryptovaluta più famosa al mondo (e ha portato come conseguenza la creazione dell’odierno concetto di blockchain stesso), termine spesso utilizzato in maniera erronea per parlare di cryptovaluta in senso generale.

Pertanto la blockchain può, al tempo stesso, essere definita come una conseguenza della creazione delle cryptovalute e ciò che permette a quest’ultime di esistere, affascinante no? La blockchain infatti, italianizzata in "catena di blocchi", nasce per avere un sistema di informazioni sicuro legato alle transazioni e agli scambi. Si tratta di una sorta di “libro mastro” o registro pubblico nel quale le transazioni che avvengono tra utenti della stessa rete vengono archiviate nei database in maniera sicura e permanente.

Come avviene ciò? La blockchain utilizza una rete peer-to-peer, anche abbreviata in P2P, in cui ogni dispositivo connesso (come un computer) è in grado di agire tanto da server, quanto da client, facendo si che i vari "nodi" (dispositivi) della rete siano in continua comunicazione e non siano costretti ad attingere informazioni da un unico server dedicato (velocizzando e semplificando la comunicazione tra dispositivi, permettendo quindi a tutti di scaricare e installare qualcosa direttamente da Internet stesso). Una volta avuto accesso a questa rete, si diventa un “blocco” della catena; le transazioni vengono poi salvate all’interno dei blocchi e sono poi gestite tramite crittografia da tutti i partecipanti della rete, che possono quindi visionare ed eventualmente approvare ogni singolo cambiamento, spostamento di denaro o informazione. Arrivati a questo punto, è quindi possibile affermare che la stessa informazione si trova ormai presente su tutti i blocchi e pertanto diventa impossibile modificarla.

Per via dell’utilizzo di questa rete peer-to-peer, assistiamo perciò ad una forte decentralizzazione di queste operazioni; non vi è infatti istituzione o governo che possa intervenire sulle informazioni che sono conservate all’interno della blockchain ed è proprio ciò che rende estremamente sicura una transazione effettuata attraverso una cryptovaluta.

Facendo un breve riassunto la blockchain presenta diverse caratteristiche invidiabili:

  • Sicurezza: Si tratta di un database sicuro grazie al processo di crittografia che lo caratterizza. Questo modello si basa sulla combinazione della firma digitale, la quale garantisce che il mittente e il destinatario della transazione siano identificati;
  • Trasparenza: Le transazioni effettuate attraverso la blockchain sono aperte e trasparenti. I partecipanti possono vedere tutto in qualsiasi momento. In tal modo viene garantita la trasparenza delle operazioni;
  • Decentralizzazione: Grazie a questo sistema decentralizzato le transazioni sono più convenienti rispetto a quelle convenzionali perché mancano intermediari come le banche, rendendole sicuramente anche più veloci;
  • Immutabilità: La blockchain è un database immutabile in grado di garantire l’irrevocabilità delle informazioni. In questo modo viene garantita la tracciabilità e le transazioni diventano rintracciabili.

Tutte queste caratteristiche rendono poi la tecnologia certamente utile anche per altri scopi, che non si fermano solamente alla semplice sicurezza e affidabilità delle transazioni effettuate con cryptovalute. Startup come Bowhead Health hanno infatti proposto l’innovativa idea di implementare un’applicazione e un dispositivo collegati alla blockchain che possano monitorare ogni parametro fisico, salvando le informazioni in un posto sicuro e permettendo, previo consenso, ad aziende ospedaliere o centri di ricerca di averne accesso immediato. Il fatto che la privacy sia protetta dalla crittografia e da un complesso sistema di doppia sicurezza, che da una parte ci permette di visionare ogni singolo movimento e dall’altra protegge l’identità di chi la sta utilizzando, fa si che essa possa potenzialmente essere utilizzata per moltissime altre situazioni: dalla vendita di una casa, senza dover passare per notai, documenti o attestati di proprietà, all’esteso e complicato mondo delle Assicurazioni, dove ad esempio AXA ha sviluppato un servizio che consente di rimborsare automaticamente i clienti in caso di ritardo di un volo superiore alle due ore, senza dover passare per l’onnipresente e lenta macchina burocratica.

Purtroppo, parlare di tutte le innumerevoli applicazioni presenti e future è praticamente impossibile, data la mole di informazioni e speculazioni che una tecnologia così giovane può portare con sé. Ma la speranza è che, dopo questa breve lettura, ti sia più chiaro cosa sia la blockchain, questa tecnologia tanto misteriosa quanto avvincente.


Condividi il post

  • L'Autore

    Stefano Cavallari

Categorie

Salute e Benessere Ricerca Medica


Tag

Blockchain+ Technology cryptocurrency innovation TraScienzaeConoscenza salute e benessere research

Potrebbero interessarti

Image

5G, il nuovo stravolgente standard per la comunicazione è alle porte

Stefano Cavallari
Image

Big Data e Salute; quando i giganti sono buoni davvero

Andrea Radaelli
Image

Virtual Reality: Un mondo al digitale

Stefano Cavallari
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui