background

Aprile europeo

La situazione covid tra riaperture, nuovi rischi e variante indiana

Come reagiscono le nazioni europee davanti alla nuova minaccia della variante indiana? Nelle ultime settimane i contagi sono aumentati in Francia, Croazia e Slovenia. Sono considerate zone ad alto rischio insieme alla Svezia, dove l'idea si evitare le chiusure sembra essere stata fallimentare, la Polonia, l’Estonia e l’Ungheria. La situazione è leggermente migliorata in Italia, dove si stanno inaugurando le nuove riaperture con la zona gialla in molte regioni. In Germania il rischio resta alto, non altssimo, ma si teme comunque di dover ricorrere a un nuovo lockdown. La Finlandia è oggi l’unico paese con un rischio basso, ancora meglio dell’Islanda, dove sono aumentati i contagi rispetto al mese scorso.

Tutto sommato il rischio covid è abbastanza alto in tutto il continente, nonostante il proseguimento della campagna vaccinale. La somministrazione continua a ritmi più lenti del dovuto, soprattutto a causa dei recenti ritardi di AstraZeneca. La Commissione ha intrapreso una causa giudiziaria contro la casa farmaceutica il 23 aprile per il mancato adempimento degli accordi, mentre tutt’ora la somministrazione del vaccino AstraZeneca è sospeso definitivamente in Danimarca.

La nuova variante del virus è stata tracciata nel Regno Unito, dove si sono svolti i festeggiamenti per le riaperture il 12 aprile. Nelle settimane successive sono stati registrati dei casi anche in Italia e in Svizzera.

347410

La figura paragona i dati della _Mappa in supporto della Raccomandazione del Consiglio per un approccio coordinato sulle misure di viaggio nell’Unione Europea_ del 25 marzo (a sinistra) con quelli del 22 aprile (a destra).

Confermato il Digital Green Certificate per viaggiare in estate

Il Certificato Verde Digitale sarà disponibile nell’Unione Europea a partire dal 15 giugno, ma sarà disponibile in fase sperimentale già a maggio in Francia e in Danimarca. La Commissione ha confermato la versione con QR code e che potranno ottenerlo le persone con esito negativo al test anti-covid, quelle vaccinate e quelle guarite.

Il dialogo con la Turchia ancora più difficile dopo il sofagate. Quanto contano i diritti umani nella politica estera europea?

Ha attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo il caso diplomatico del 7 aprile, ormai conosciuto da tutti come sofagate. Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio UE Charles Michel si sono recati ad Ankara a visitare il presidente turco Erdogan. L’accoglienza è stata molto particolare: una sedia solo per Michel, mentre la presidente della Commissione è stata accomodata su un divano, visibilmente distante dagli altri due interlocutori. Nell’opinione pubblica è passata l’idea che il gesto sia stato una mancanza di rispetto nei confronti di Ursula von der Leyen, la quale ha confessato di essersi sentita “colpita e sola”, ma anche “ferita come donna ed europea” e che non ha reagito per non creare un incidente diplomatico. L’opinione dei cittadini europei ha fatto notare anche il comportamento passivo di Charles Michel, che avrebbe potuto cedere il posto alla sua collega. È il segno di una nuova forma di politica estera europea con maggiore iniziativa del Consiglio rispetto alla Commissione? Anche Michel ha affermato che riteneva importante non rovinare l’incontro diplomatico con Erdogan. Il dialogo con la Turchia riguardava il tema dei diritti umani, fondamentale per l’Unione Europea ed essenziale per sviluppare ulteriori dialoghi sul cambiamento climatico, sulla salute pubblica e su altre questioni regionali.


Condividi il post

  • L'Autore

    Michele Bodei

    Michele Bodei sta per conseguire la laurea triennale in Studi Internazionali e Istituzioni Europee presso l’Università degli Studi di Milano, dove sta approfondendo gli studi sul regime di Cuba negli anni Sessanta nella preparazione dell’elaborato finale.

    È appassionato di geopolitica e di musica, dall’hip hop al jazz, e pratica nuoto nel tempo libero.

    In Mondo Internazionale ricopre il ruolo di autore su tematiche europee.

    Michele Bodei is getting his Bachelor’s degree in International Studies and European Istitutions at “Univesità degli Studi di Milano”, where he is deepening his studying on cuban regime during the Sixties while preparing his final thesis.

    He loves geopolitics and music, from hip hop to jazz, and during free times he enjoys swimming.

    In Mondo Internazionale he is author for european themes.

Categorie

Dal Mondo Europa Sezioni Organizzazioni Internazionali Unione Europea


Tag

#eu #ue #covid19 #digitalgreencertificate #vonderleyen #michel #erdogan vaccines Turkey

Potrebbero interessarti

Image

La Commissione europea ricorre alle vie legali contro AstraZeneca

Tiziano Sini
Image

UE e Turchia: due mondi sempre più distanti, ma destinati a dialogare

Tiziano Sini
Image

Bielorussia: quale destino?

Michele Bodei
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui