background

Antibiotico-resistenza: l'OMS dichiara l'emergenza globale

L'abuso di antibiotici ha compromesso l'habitat microbiologico e i batteri si sono evoluti diventando superbatteri

I germi e i batteri sono su tutto ciò che vediamo: sulle nostre mani, sui nostri telefoni e sul cibo che ingeriamo. Non tutti sono nocivi, anzi, molte specie sono naturalmente presenti all’interno del nostro corpo come la flora intestinale. I batteri cattivi, però, stanno sempre più facendo parlare di loro stessi a causa di un processo in atto da qualche anno chiamato "antibiotico-resistenza". L’antibiotico-resistenza è stata definita dall’Organizzazione Mondiale della Salute la più urgente problematica del nostro secolo. Semplificando molto, si tratta della naturale evoluzione dei batteri nocivi che, a causa dell’abuso di farmaci, sono diventati resistenti agli antibiotici che assumiamo per curarci dalle infezioni. Questi particolari batteri sono stati definiti "superbatteri" proprio a causa della loro immunità ai medicinali usati per debellarli. Ad oggi, le morti causate dall’antibiotico-resistenza sono stimate attorno ai 700mila casi all’anno in tutto il mondo. A questo ritmo, si stima che i decessi arriveranno a 10 milioni entro il 2050, circa 2 milioni di morti in più rispetto a quelli di cancro.

I fagi; cosa sono e cosa fanno

Numerose ricerche scientifiche sono in atto per trovare delle alternative agli antibiotici conosciuti. Una di queste è la terapia fagica. I fagi sono gli organismi più numerosi del pianeta, sono un tipo di virus che attacca esclusivamente i batteri. Si presentano formati da una "testa" a forma di icosaedro, un filamento come "corpo" e terminano all’estremità inferiore con una serie di zampe radiali (come quelle di un ragno). Sono significativamente più piccoli rispetto ad un batterio e la loro strategia consiste nell’ancorarsi alla parete di un batterio, iniettare il loro DNA all’interno per sfruttare il loro meccanismo di riproduzione, riproducendosi a tal punto che la parete cellulare del batterio esplode liberando i fagi e causando la morte del batterio stesso. Successivamente, attaccano un nuovo batterio della stessa specie debellando così l’infezione.

56847

Ma la terapia fagica è effettivamente un’opzione realistica?

In Europa questo trattamento medico è disponibile solo in alcune zone. Una figura di riferimento in questo campo è la dottoressa Mzia Kutateladze direttrice dell’Eliava Institute, l’istituto più grande al mondo per la ricerca batteriofagica situato in Georgia. La terapia fagica è una procedura standard somministrata dal sistema sanitario in Georgia da anni; cura non solo i georgiani, ma anche tutta una serie di pazienti stranieri affetti da infezioni di superbatteri che viaggiano esclusivamente per questo tipo di trattamento. Questi istituti erano presenti anche nel resto d’Europa, ma i progetti di ricerca vennero abbandonati negli anni ’40 a causa della scoperta degli antibiotici e la loro semplicità di commercializzazione.

Negli Stati Uniti molte università, come ad esempio Yale, si stanno nuovamente interessando alla ricerca scientifica dei fagi. La loro ricerca parte dagli impianti di depurazione delle acque nere, dove raccolgono campioni di acque di scolo per poi isolare i fagi in sospensione. Questo perché se è vero che i fagi sono ovunque, è altrettanto vero che sono più presenti in zone ad alta concentrazione di batteri. Dr. Ben Chan ha formato negli anni una banca dati di migliaia di specie di fagi differenti adatti a combattere migliaia di specie batteriche differenti.

Differenze tra antibiotici e fagi

Gli antibiotici sono più indiscriminati quando si parla di combattere delle infezioni; molto semplicemente uccidono qualsiasi batterio li circondi senza fare distinzioni tra batteri nocivi e non, sono come delle bombe che mirano a fare terra bruciata attorno a loro. I fagi, invece, uccidono solamente una singola specie di batteri, sono come dei cecchini per azioni mirate a debellare determinati tipi di batteri nocivi non prendendo in considerazione i batteri buoni. Queste caratteristiche hanno portato gli antibiotici ad essere fin da subito più utilizzati perché più efficaci su larga scala contro più tipi di infezioni batteriche rispetto ai fagi, che invece devono essere "accoppiati" con uno specifico tipo di batterio. Se prima bastava sviluppare un nuovo antibiotico chimico di fronte alla resistenza di un batterio, siamo ora arrivati al punto di rottura dove le case farmaceutiche non riescono più a sviluppare antibiotici chimici abbastanza velocemente per rispondere adeguatamente all’evoluzione dei superbatteri.

Gli interessi delle case farmaceutiche

Una volta attestata la potenzialità dei fagi, il dilemma è: perché non sono ancora disponibili per le cure negli ospedali? Ad aiutarci a rispondere a questa domanda c’è il dr. Drew Smith che ha lavorato per Microphage inc., un’azienda che ora ha dichiarato bancarotta e che utilizzava i fagi. Gli ostacoli principali della ricerca nel campo dei fagi sono di natura economica: si tratta di un’onerosa ricerca da spesare per debellare una singola specie di batterio che causa un’infezione batterica della quale è affetta solo una piccola percentuale di malati infetti. A meno che la somministrazione avvenga a costi esorbitanti, non c’è alcun profitto. In prospettiva futura, quando gli antibiotici non funzioneranno più, i calcoli potrebbero essere differenti. Sempre più organizzazioni si stanno occupando di riprodurre i fagi già scoperti per implementare una banca dalla quale poter attingere in futuro, quando il costo delle ricerche si sarà ammortizzato. Queste organizzazioni credono che la possibilità di ricavare un profitto dai fagi sia applicare la produzione di massa per il mercato di massa. Lo fanno tramite una standardizzazione del processo di ricerca: su un vassoio con centinaia di piccoli scomparti circolari vengono messi dei campioni di batteri prelevati dal paziente assieme con un tipo di fago differente per ogni scomparto. Si aspetta per un po’ di tempo e poi viene aggiunta una tintura che fa cambiare colore al composto da trasparente a viola se in presenta di batteri. Ciò significa che i fagi utili a quel determinato paziente sono quelli che hanno ucciso i batteri negli scomparti rimasti trasparenti. Per questo tipo di terapia è necessario pensare al lungo termine, dove la medicina si fa su misura del paziente e viene personalizzata sul singolo caso invece di applicare un prodotto generico alla massa.

56876


Condividi il post

  • L'Autore

    Andrea Radaelli

Categorie

Salute e Benessere Ricerca Medica


Tag

antibiotics antiobiotics resistance bugs phages public health health healthcare OMS WHO World healt organization

Potrebbero interessarti

Image

Antibiotico-resistenza: l'OMS dichiara l'emergenza globale

Andrea Radaelli
Image

Big Data e Salute; quando i giganti sono buoni davvero

Andrea Radaelli
Image

Cambiamento climatico e nutrizione: minacce e soluzioni

Andrea Radaelli
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui
Diventa Associato