background

Agenda 2030 delle Nazioni Unite & Antartide: cenni sullo “stato dell’arte”

Questo 16° scritto dedicato allo “stato dell’arte” dell’Agenda 2030 nel mondo fa tappa in Antartide.

Un continente stupendo e fondamentale, in primis per gli “equilibri ambientali” globali.

Dal primo pezzo che ho redatto su questo tema a metà 2020[1], si sono registrati cambiamenti significativi?

Purtroppo la situazione è ancora molto complessa, anche se il “sentimento collettivo” dell’umanità sta andando verso una direzione di sempre maggiore sensibilità nei confronti dell’ambiente.

Come ben spiegato dalla Dott.ssa Belardinelli, infatti: “[...] (Sta avvenendo) uno scioglimento, sempre più rapido, dei ghiacci polari artici e antartici. [...] Una delle principali cause antropogeniche del riscaldamento globale è, come noto, l’immissione in atmosfera di gas climalteranti, in particolar modo di anidride carbonica. È questo il fattore che ha innescato lo scioglimento dei ghiacci polari e, come riconosciuto nell’ambito dell’Accordo di Parigi del 2015, proprio su questo bisogna concentrarsi negli interventi di mitigazione, riducendo drasticamente l’impronta carbonica mondiale e puntando alla neutralità climatica dei sistemi umani entro la fine del secolo. [...] Se non si farà di tutto per raggiungere gli obiettivi concordati a Parigi, e si indulgerà nel mantenimento dello status quo ritardando i provvedimenti necessari, i ghiacci polari potrebbero superare un punto di non ritorno, raggiungendo livelli di instabilità e di fragilità che potrebbero rendere la loro sparizione inevitabile. Le conseguenze sulle società umane sarebbero drammatiche [...]”[2].

Dunque, lo strumento principale per la risoluzione di questo problema primario è l’Accordo di Parigi. Un Accordo per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2°C (con l’impegno di arrivare a 1,5°C) e del quale fanno parte tutti i principali “inquinatori” mondiali, con gli USA che hanno rilanciato su questo tema dopo la Presidenza Trump terminata pochi mesi fa. Un accordo che però, per essere rispettato, ha bisogno di un rullino di marcia serrato e seguito da tutti che ancora si stenta a vedere.

Come ben argomentato sul sito Rinnovabili.it a inizio 2021, infatti: “[...] Se il mondo raddoppia il passo rispetterà l’accordo di Parigi. [...] Oggi le emissioni calano a un tasso dell’1% l’anno. Se riusciremo a portarlo all’1,8% avremo una probabilità su due di contenere il riscaldamento globale sotto i 2°C entro la fine del secolo. [...] Con l’impegno sul clima odierno degli Stati c’è solo il 5% di probabilità di rispettare l’accordo di Parigi”[3].

In conclusione, dunque, è possibile affermare che nel 2021 la situazione non è delle più rosee ma il mondo ha ancora tutte le possibilità per adeguarsi alle necessità del nostro pianeta.

Per quanto riguarda l’Antartide, esso è uno dei “beni ambientali” più preziosi che abbiamo e il rispetto dell’Accordo di Parigi garantirebbe una sua fondamentale sopravvivenza, oggi minacciata gravemente. Una minaccia che colpisce non solo questo specifico territorio ma l’intero globo.

Fonti consultate:

[1] Agenda 2030 e Antartide: cenni sullo “stato dell'arte” - Mondo Internazionale.

[2] Il ritiro dei ghiacci in Antartide e l’aumento del livello dei mari: rispettare l’Accordo di Parigi non è una scelta | Il Bo Live UniPD.

[3] Accordo di Parigi: per rispettarlo dobbiamo raddoppiare l’ambizione sul clima (rinnovabili.it).


Condividi il post

  • L'Autore

    Alessandro Fanetti


    Alessandro Fanetti è nato nel 1988 a Siena e attualmente tratta le questioni inerenti l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per Mondo Internazionale. Da sempre appassionato di geopolitica (con focus sulle aree del centro-sud America ed ex-URSS), collabora anche con l' "Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie" (IsAG) e con "Opinio Juris – Law and Politics Review". Ha conseguito un Master in Intelligence Economica presso lo IASSP di Milano nel 2020 e ha frequentato con successo un corso sulla geopolitica latinoamericana e caraibica promosso dalla "Escuela de Estudios Latinoamericanos y Globales" (ELAG) nel 2021. Infine, è iscritto all' "Associazione Italiana Analisti di Intelligence e Geopolitica" (AIAIG) ed è l'autore di un libro intitolato "Russia: alla ricerca della potenza perduta - Dall'avvento di Putin alle prospettive future di un Paese orfano dell'URSS" (Edizioni Eiffel, 2021).


    Alessandro Fanetti was born in Siena in 1988. Since 2019 he has been writing posts for "Mondo Internazionale" on 2030 Agenda for Sustainable Development. He has always been passionate about geopolitics (with a particular focus on Latin America and former USSR area), he also writes for IsAG and Opinio Juris - Law and Politics Review. He holds a Master degree in Economic Intelligence and actually he's writing a book about post-Soviet Russia. In the end, he is a member of the AIAIG and he is the author of the book "Russia: alla ricerca della potenza perduta - Dall'avvento di Putin alle prospettive future di un Paese orfano dell'URSS" (Edizioni Eiffel, 2021).

Categorie

Dal Mondo Artide e Antartide Sezioni Ambiente e Sviluppo


Tag

agenda2030 Accordo di Parigi Antartide cambiamento climatico

Potrebbero interessarti

Image

Agenda 2030 – Africa: cenni sullo “stato dell’arte”

Alessandro Fanetti
Image

Agenda 2030 – America del Nord: cenni sullo “stato dell’arte”

Alessandro Fanetti
Image

Agenda 2030 – Afghanistan: cenni sullo “stato dell’arte”

Alessandro Fanetti
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui