Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Cookie Policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Cookie Policy completa
background

Afghanistan: la crisi non conosce tregua

 Nonostante gli oltre quindici anni di missione internazionale in Afghanistan, il conflitto civile continua ad insanguinare il paese. In particolare, negli ultimi mesi stiamo assistendo ad una nuova ondata di violenza contrassegnata da una recrudescenza degli attacchi terroristici. Nella mattinata di lunedì 30 aprile, due attentati kamikaze, a distanza di mezz'ora l’uno dall'altro, hanno colpito Kabul. La prima esplosione si è verificata nel quartiere di Shashdarak, nei pressi del Dipartimento nazionale di sicurezza. La seconda, invece,  è stata condotta appositamente contro i soccorsi e i cronisti giunti sul posto (l'attentatore, per passare inosservato, si è finto un reporter). Il bilancio, ancora provvisorio, è di 29 morti e una cinquantina di feriti. Tra le vittime risultano 9 giornalisti che stavano documentando quanto accaduto. La strage è stata immediatamente rivendicata dall'Isis attraverso un comunicato rilasciato dalla sua agenzia stampa Amaq. Sempre nelle stesse ore un convoglio Nato è stato attaccato a Kandahar, nel sud del paese; tra le vittime accertate vi sono 11 studenti di una scuola coranica ubicata nel luogo dell'attentato. E ancora un ulteriore agguato nel sud-est del paese (nella provincia di Khost) ha provocato la morte di Ahmad Shah, cronista afghano dell'emittente britannica BBC. Questa tragica giornata di sangue si è verificata ad una settimana esatta dall' attentato suicida perpetrato dallo Stato Islamico nei pressi di un centro di registrazione elettorale a Kabul (57 morti e circa 120 feriti). Gli episodi appena descritti sono soltanto gli ultimi di una lunga scia di azioni terroristiche che stanno sconvolgendo lo stato afghano: poco più di un mese fa l’IS si è reso responsabile di un’ennesima esplosione nelle vicinanze di un santuario sciita a Kabul, causando la morte di una trentina di persone. Lo scorso 20 gennaio, un gruppo di miliziani ha condotto un attacco contro l’hotel Intercontinental (il più grande hotel della capitale afghana) provocando 23 morti. I responsabili di suddetta offensiva sono i Talebani i quali hanno rivendicato, altresì, l’attentato del 27 gennaio con autoambulanza bomba in un’area centrale, e molto affollata di Kabul (più di 100 morti). Nel frattempo, lo Stato Islamico non è rimasto inattivo e ha condotto diverse azioni terroristiche, tra cui l’irruzione nella sede dell’ONG Save the Children a Jalalabad il 24 gennaio (6 vittime) e l’assalto all’accademia militare di Kabul il 29 gennaio (11 vittime). Alla luce di quanto espresso finora, possiamo affermare che i bersagli principali degli attacchi sono vari: oltre ai civili, rientrano nel mirino degli attentatori le forze di sicurezza afghane (e internazionali) nonché le loro sedi, comunità e luoghi di culto sciiti, giornalisti, soccorritori, membri delle ONG e centri elettorali. Questi ultimi sono divenuti da poco un obiettivo privilegiato dei gruppi islamici armati, intenzionati a destabilizzare il panorama politico in vista delle elezioni legislative di ottobre.


2681

Attacco alla sede di Save the Children a Jalalabad.

Dunque, l’Afghanistan sta vivendo una fase di profonda instabilità e fragilità interna, aggravata dal mal funzionamento dell’apparato istituzionale. Il progressivo fallimento dello stato afghano - retto dal 2014 da un governo di unità  nazionale con Ashraf Ghani nel ruolo di presidente e Abdullah Abdullah in quello di capo dell’esecutivo - ha facilitato l’affermazione di attori non statuali. Tra questi, vi sono i Talebani, ossia lo storico gruppo dell’insorgenza afghana, e lo Stato Islamico, presente in Afghanistan con la sua branca locale Wilayah Khorasan. L’Isis ha cominciato ad operare entro i confini afghani tra la fine del 2014 e gli inizi del 2015, quando un gruppo di militanti, sulla scia delle imprese realizzate in Siria e Iraq, ha creato una cellula nell’est del paese con la sua roccaforte nella provincia di Nangarhar. Non è comunque chiaro se tra lo Stato Islamico in Afghanistan e i leaders operanti nel teatro siro-iracheno vi sia stata (e vi sia tuttora) una connessione diretta. Diversi analisti ritengono infatti che l’IS-K (Islamic State in Khorasan) agisca in maniera autonoma senza seguire specifiche direttive dalla Siria o Iraq. É evidente, invece, come in Afghanistan si sia registrato un determinato aumento della violenza e della conflittualità a seguito dell’insediamento di IS-K. A peggiorare un quadro estremamente complesso, si aggiunge la contrapposizione tra i militanti dell’IS afghani e i talebani. Queste due orbite jihadiste differiscono sotto il profilo ideologico e perseguono pertanto obiettivi diversi: i talebani sono promotori di un’istanza di liberazione nazionale contro un governo considerato illegittimo e sostenuto dalla comunità internazionale - la cui presenza in loco è percepita alla stregua di un’occupazione. La loro lotta armata è quindi circoscritta entro i confini dell’Afghanistan. Di contro, lo Stato Islamico ha una vocazione universale e mira all’unificazione dell’intera Ummah (la Comunità musulmana). Quindi, la sua causa ha una portata globale e non nazionale. L’antagonismo tra i due gruppi terroristici, alimentato per giunta dalla competizione per membri e risorse, costituisce certamente un ulteriore fattore destabilizzante per le sorti dell’Afghanistan.

Le numerose problematiche del fronte afghano rappresentano un serio motivo di preoccupazione per la comunità internazionale e in particolare per gli USA. Questi sono impegnati militarmente in Afghanistan dal 2001 nell’ambito dell’operazione Enduring Freedom e dal 2003, nell’ambito della missione internazionale ISAF, targata Nato e controllata principalmente dagli americani (sostituita dalla Resolute Support Mission nel 2014). Gli interventi in questo burrascoso quadro operativo hanno finora avuto un esito fallimentare e gli Stati Uniti sono ben consapevoli dell’enorme posta in gioco in Afghanistan: se la situazione dovesse precipitare in un caos incontrollabile, la credibilità internazionale degli Usa - attore che più di tutti ha esteso il suo impegno in tale territorio - potrebbe essere compromessa. Non a caso, Donald Trump ha presentato nell’agosto del 2017 una nuova strategia per l’Afghanistan. Tuttavia, il presidente americano aveva inizialmente annunciato il ritiro delle truppe, in linea con il disimpegno promesso a livello globale. Egli ha in seguito dato ascolto ai propri consiglieri, in particolare H.R McMaster, ex Consigliere per la sicurezza nazionale (sostituito di recente da John Bolton) e Jim Mattis, Segretario alla Difesa. Questi ultimi hanno ammonito Trump riguardo agli effetti negativi di un eventuale ritiro dei soldati americani dal teatro afghano. In prima istanza, suddetta decisione avrebbe significato vanificare gli sforzi realizzati dal 2001 fino ad oggi. Secondo, si sarebbe compiuto lo stesso errore di Obama che, attuando questo tipo di condotta in Iraq nel 2011, in un contesto non ancora pacificato e stabile, ha favorito l’ascesa dello Stato Islamico. Il nuovo indirizzo strategico per l’Afghanistan promosso da Trump si focalizza essenzialmente su tre punti: - il ritiro è vincolato al raggiungimento delle necessarie condizioni di sicurezza (non fornire scadenze diversamente da quanto fatto da Obama) - il dispiegamento di 3900 uomini, che si aggiungono ai circa 7000 soldati americani già stanziati in Afghanistan (rimilitarizzazione della presenza) - nuove pressioni sul Pakistan, accusato di sostenere i talebani. In questa strategia appare non esserci spazio per un’apertura ai Talebani, con i quali Trump non intende dialogare. Inoltre, un altro elemento per ora non riscontrabile nell’agenda americana è il processo di nation building del paese. L’obiettivo principale degli Usa rimane quello di evitare che l’Afghanistan possa divenire un santuario per il jihadismo. Proprio in virtù di tale motivazione, gli Stati Uniti da un anno a questa parte hanno incrementato le loro operazioni di counter terrorism contro i militanti islamici di IS-K. Nell’aprile 2017 le forze aeree americane hanno sganciato la “Madre di tutte le bombe”, ossia la bomba GBU-43 (l’ordigno non nucleare più potente dell’arsenale militare) su un complesso di caverne utilizzato dall’IS nella provincia orientale del Nangarhar. Nel giugno dello stesso anno, il Pentagono ha annunciato l’uccisione di Abu Sayed, leader dello Stato Islamico in Afghanistan. Nei mesi successivi sono continuati i raid contro gli esponenti di IS-K con esiti sostanzialmente positivi. Il gruppo terroristico ha subito una serie di battute d’arresto, specialmente nella regione, nonché sua roccaforte, del Nangarhar. Qui, diversi distretti allora sottoposti al dominio dello Stato Islamico, sono ritornati sotto il controllo dell’autorità statuale. Ora, stando alle dichiarazioni dei vertici militari statunitensi in Afghanistan, il numero dei combattenti dell’IS è drasticamente diminuito rispetto al 2015. Inoltre, risale a qualche settimana fa la notizia dell’uccisione di un altro membro di spicco della galassia jihadista afghana: Qari Hekmatullah. Egli dopo essere stato espulso dai Talebani, era divenuto uno delle figure chiave della filiale locale di IS e operava principalmente nel nord dell’Afghanistan. La sua morte, secondo il Gen. John Nicholson (comandante delle truppe Usa nello stato afghano), può costituire un duro colpo per l’organizzazione terroristica.

2700

Al centro dell'immagine, fornita dalla NATO Special Operations Component Command-Afghanistan, è identificabile Qari Hekmatullah.

Nonostante il ridimensionamento di IS-K in termini di uomini e avamposti, gli attacchi terroristici condotti da tale gruppo continuano a macchiare di sangue lo stato afghano. A questi, si devono sommare i numerosi attentati perpetrati dai Talebani che, rispetto allo Stato Islamico, rimangono una forza militarmente e politicamente più solida. Ad ogni modo, un’alleanza tra i due movimenti islamici radicali appare inverosimile e le conseguenti contrapposizioni interne tra loro, hanno alimentato l'escalation di violenze. In aggiunta, l'IS-K, avendo perso diversi territori e membri a seguito della recente controffensiva americana, potrebbe reagire con un ulteriore aumento delle azioni terroristiche. Difatti, la mancata realizzazione del progetto dell'IS per l’Afghanistan, ossia quello di strappare questo territorio ai Talebani (per dimostrare la propria egemonia nel Jihad contemporaneo), potrebbe avere le ripercussioni sopraindicate. Inoltre, occorre considerare a tal riguardo un altro fattore di enorme importanza, ovvero la valenza dell’Afghanistan dal punto di vista simbolico per il panorama jihadista: è proprio qui che sono sorte ideologie e indirizzi strategici che hanno influenzato l’Islam armato (basti pensare alle dottrine di Abdallah Azzam e Asu Musab al-Suri), ed è qui che si sono formati alcuni tra i combattenti (e teorici) più rinomati nella galassia del radicalismo islamico - tra cui Osama Bin Laden, Ayman al-Zawahiri e Abu Musab al-Zarqawi, quest’ultimo ritenuto il padre fondatore dello Stato Islamico. Pertanto, la persistente presenza di gruppi terroristici in Afghanistan rende illusoria la prospettiva di una stabilità duratura in un paese oramai lacerato dalle sue problematiche interne. Un paese in cui le istituzioni faticano ad affermare la propria legittimità e la sfiducia collettiva verso queste tende ad aumentare sempre di più. Un paese in cui la comunità  internazionale (e in primis gli Usa) ha fallito nel tentativo di fornire una soluzione della crisi interna. Un paese in cui, è opportuno ricordarlo, quotidianamente ogni famiglia piange un suo caro a causa degli incessanti attentati. 


  • Image

    Vincenzo Battaglia

Data di pubblicazione 1 maggio 2018

Tag USA Afghanistan ISIS Talebani IS-K US counter terrorism

Potrebbero interessarti

The man who saved the World
26 settembre 2017
The man who saved the World
Leggi
US counter-terrorism strategy in Libia. Segnali di un'espansione delle operazioni?
19 aprile 2018
US counter-terrorism strategy in Libia. Segnali di un'espansione delle operazioni?
Leggi
Il filo rosso tra Tillerson e Skripal
17 marzo 2018
Il filo rosso tra Tillerson e Skripal
Leggi

Iscriviti alla nostra newsletter

inviando il modulo accetto i termini e condizioni
Ciao !

Logout
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui
Diventa Associato