background

17 dicembre 1903

Accade Oggi

I fratelli Wright sono stati i protagonisti di un’invenzione epocale: l’aeroplano. Risale al 17 dicembre 1903 il primo volo approntato da Wilbur e Orville Wright, destinato a fare la storia.

Venne realizzato a Kitty Hawk, in Pennsylvania. I due riuscirono a effettuare con questo mezzo quattro brevi voli: il più lungo durò 59 secondi. Si trattava di un aereo in legno con le ali in tela, posto su una specie di slitta e trattenuto da un cavo. Azionato il motore e raggiunto un certo livello, il cavo catapultò in avanti il velivolo che si alzò in volo. Orville volò controvento per poco più di 12 secondi alla velocità relativa di 48,5 km/h e percorse circa 36 metri a un’altezza media di tre metri dal suolo. Animati dalla convinzione, basata su alcuni studi ottocenteschi, che fosse possibile sollevare da terra mezzi più pesanti dell’aria dotati di motore, si cimentarono in quest’impresa.

Come recitava il generale e teorico della guerra aerea Giulio Douhet ne “Il Dominio dell’aria”, “l’aereo, per la sua indipendenza dalla superficie e per la sua velocità di traslazione, superiore a quella di qualsiasi altro mezzo, è l’arma offensiva per eccellenza. I fratelli Wright lo avrebbero mai immaginato? È incredibile l’accelerazione che questa invenzione subì nel corso del tempo, le sue potenzialità e varie modalità d'uso, espresse a cominciare dalle due Guerre mondiali.


Condividi il post

  • L'Autore

    Marta Annalisa Savino

    Appassionata di scrittura, viaggi, lingue tra cui inglese, francese e spagnolo, politica internazionale e geopolitica. Il suo focus di interesse è sul Nord America e sui suoi rapporti con il resto del mondo.

    Direttore di Mondo Internazionale Academy,
    Vice Responsabile del Progetto Accade Oggi!,
    Autore di Framing the World

Categorie


Tag

Potrebbero interessarti

Image

Anche il Gambia lascerà la Corte penale internazionale.

Michele Pavan
Image

MIYAZAKI E LA FORZA DI ESSERE DONNE

Silvia Passoni
Image

Come riconoscere una vittima di tratta? La fase dell'identificazione

Giorgia Mazza
Accedi al tuo account di Mondo Internazionale
Password dimenticata? Recuperala qui